littlestreet31 ha chiesto in Arte e culturaStoria · 1 decennio fa

chi mi sa fare una differenza esaustiva tra l'arte greca ,etrusca e romana x qnt riguarda la costruzione?

del tempio,dell'arco,le città(cardo e decumano)..e la differenza tra sistema architravato e archivoltato..vi prego è di assoluta importanza..domani ho un compito e non ho studiato mai niente...pleaseeeeeeeeeeee...

3 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Da archeologa, e molto velocemente (adesso ho poco tempo) ti dico: di città etrusche c'è Marzabotto, città del VI secolo a. C., e sulla sua struttura urbanistica gli studi sono ancora in corso! Non si può parlare di cardo e decumano perché questi sono i nomi delle due arterie dei castri romani che vengono dopo, molto dopo!

  • 1 decennio fa

    Non ho capito bene se ti riferisci all'arte in particolare o all'edilizia e all'urbanistica in generale, e in ogni caso ci sarebbe da scriverne per ore, vediamo se posso esserti di aiuto:

    I Greci da un punto di vista urbanistico erano estremamente semplici, costruivano laddove il terreno fosse conformato ad ospitare una città alta ed una bassa. In quella alta, le acropoli, si ponevano i luoghi di culto e di governo, in quella bassa gli edifici mercantili e residenziali. La disposizione era assai alla rinfusa e spontanea, i metodi costruttivi primitivi, pietra a secco e calce solo quando andava bene, orizzontamenti lignei e raramente di pietra. La pietra era invece usata magistralmente nella costruzione di templi ma non era utilizzata la tecnologia ad arco pertanto le luci erano assai limitate e, di conseguenza, le colonne molto fitte e gli spazi stretti. Le infrastrutture nella Grecia classica erano praticamente ridotte ai pozzi e i pochi ponti realizzati erano in legno.

    I romani inventarono l'ingegneria e concepirono un vero e proprio sistema urbanistico. Le città erano organizzate secondo assi ortogonali ( cardo e decumano ) nei quali quello longitudinale corrispondeva ad una strada ottimamente costruita che portava in altri luoghi con ponti in pietra, volte ad arco che permettevano di varcare fiumi larghi, ecc. La tecnologia romana fu in grado di realizzare infrastrutture idrauliche come lunghi acquedotti, fognature, porti, costruzioni ciclopiche, e città organizzate e suddivise in quartieri. Non entro nel merito artistico ma al confronto le città greche ( Alessandria eslcusa ) erano dei letamai e i sistemi infrastrutturali praticamente inesistenti mentre le strade romane hanno segnato più di mezza europa.

    Gli etruschi stanno in mezzo, un po' meno artisti ma certamente più attenti al profilo urbanistico e tecnologico delle loro città, fu da loro che i romani appresero i primi rudimenti di idraulica e molte delle cose che poi svilupparono così brillantemente.

  • 1 decennio fa

    .... non è possibile fornire una risposta breve e concisa ad una domanda simile. Sono argomenti raccolti in moltissimi volumi proprio per la loro complessità, non si possono racchiudere secoli di storia dell'arte e dell'architettura in poche righe. Mi dispiace molto di non poterti aiutare, ma sono archeologa anche io e soprattutto non me la sento di prenderti in giro.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.