Silent Wolf ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 1 decennio fa

Dormire in camera con la propria madre?

Secondo voi dormire in camera con la propria madre fino a 24 anni (anni attuali di un mio conoscente) porta conseguenze sul carattere di un ragazzo?

Vi spiego meglio.

Questo mio amico ha perso il padre per malattia quando aveva 4 anni e sia lui che la madre sono andati a vivere insieme alla nonna ed allo zio.

La nonna dormiva da sola, il figlio con la madre e lo zio nella sala (in una specie di divano letto), quindi rimanevano libere la sera dopo le 11 solo la cucina ed il bagno.

Lui è molto strano e timido con le ragazze e a scuola anche se in alcune occasioni è bravo, la maggior parte delle volte va male. In più la madre è molto apprensiva e lo vizia, spesso se mentre lui guarda la tv di notte e fa un colpo di tosse, lei si sveglia e gli chiede se si è ammalato e, questo succede anche 4, 5 o anche 6 volte per notte, visto che la madre ha una forte fobia verso le malattie.

Vorrei un vostro serio parere. Cosa gli comporterà (o già comportato) tutto questo!

9 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Sicuramente il tutto ha influito nella crescita del tuo amico.

    Se siete molto amici tu puoi aiutarlo molto, magari facendo un viaggio assieme o ospitarlo a casa tua.

  • 1 decennio fa

    Anche se la situazione è "strana" come tu stesso la definisci e forse ha causato qualche problema in più nei rapporti con ,le ragazze non è detto che il tuo amico sia "condannato" a vita!! Se sente che la situazione per lui non è più sostenibile deve cercare una soluzione, innanzitutto cambiando camera!!!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Allora...ti spiego qualcosa di + o meno analogo: il mio ragazzo ha 15 anni e i genitori sono separati. Vive a casa con la zia, la mamma e la nonna...e questo già è tutto dire. X di+ dorme ancora con la madre, anche se in letti separati. Era diventato completamente dipendente dalla madre, anche lei apprensiva, ma sopratutto gelosissima.In cuor suo il mio ragazzo è suo marito e spesso ha minacciato di chiamare la polizia se il mio ragazzo non fosse tornato a casa entro una certa ora(le dieci di sera, di sabato0_0).Potevo mai sopportare una cosa simile? ora le cose sono un pò cambiate, ma la madre lo minaccia lo stesso continuamente e se lui osa chiamare il padre(che non vede da tanti tanti anni)succedono le cose + incredibili...Quello che penso io è che putroppo mancando un marito o un partner la madre tende ad attaccarsi al figlio maschio e comincia a pensare di avere il monopolio su di lui.Il mio ragazzo l'ho ripreso in tempo: ognuno di noi ha bisogno della sua privacy e di crescere indipendentemente.Il tuo amico dorme ancora con la madre perché è la madre a volerlo e a condizionare lui.Una persona saggia non avrebbe mai messo il proprio figlio a dormire in camera con lei a 4 anni o a 15 o a 20.Ognuno deve avere le proprie cose e il proprio spazio, fin da una certa età,da gestirsi liberamente altrimenti non imparerà mai a vivere indipendentemente.Il problema non è certamente il fatto di dividere la camera...quella è solo una conseguenza di un ragionamento egocentrico, egoistico e maniacale.

  • 1 decennio fa

    io ho 22 anni e spesso ci dormo con mamma, e quando lei non c'è dormo con papà.....a me questo non crea problemi...ma credo che la situazione del tuo amico è diversa e complicata....

    al tuo amico serve aiuto, non riesce a staccarsi dalla mamma!

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • purtroppo qst tuo amico nell'infanzia ha subito un trauma xk perdere un genitore a soli 4 anni è doloroso. in piu la madre nn l'ha di certo aiutato tenendolo sempre vicino e viziandolo. è normale quindi ke il ragazzo nn è cresciuto bene e ora nn sa cm affrontare la vita e le diffocolta da solo xk è stato sempre abituato ad essere aiuitato e supportato dalla madre. xò forse nn è ancora troppo tardi...magari puo ancora recuperare e migliorarsi ma deve capire ke deve allontanarsi dalla madre e cominciare ad vincere le proprie paure! ciaoo

  • Anonimo
    1 decennio fa

    cavoli.....poverino.....brutta situazione....

    se non ha avuto il padre, e la madre ha fatto da capofamiglia, alcuni dicono che un uomo uò diventare gay....o avere tendenze di questo genere....io non ne sono sicura ma conosco molti a cui è successa proprio questa cosa e sono diventati gay......

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Strana sicuramente e' la situazione in cui vive, soffocato da eccessive attenzioni materne. Se puoi, aiutalo a fuggire da questa prigione familiare.

  • 1 decennio fa

    Purtroppo se la madre è emotivamente instabile e iperprotettiva,essa tenderà a scaricare la sua frustrazione sulil figlioche ne subirà le conseguenze per tutta la vita.Perchè è vero che la madre nei primi due tre anni di vità è una guida insostituibile per il bambino,ma poi deve subentrare anche la figura paterna che deve essere forte e decisa.Come dice,infatti Giacomo Dacquino,il piccolo pene cresce all'ombra del grande pene.La coa migliore è portarlo d aun bravo psicoterapeuta e fragli fare qualche seduta curativa.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Secondo me, è gia un caso cronico, visto le fisime della madre. Inevitabilmente quest ultima l ha viziato alla grande ed e ovvio ke ormai il ragazzo non ha + speranze

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.