C'è chi propone di tornare al nucleare, ma come funzionerebbe con i mezzi di trasporto come auto e aerei?

5 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Vedi, negli anni 50, quando si pensava che entro pochi decenni TUTTA l'energia sarebbe stata di origine nucleare, nacque il progetto dell'auto ad idrogeno.

    Dal punto di vista puramente energetico il progetto è insensato, ma dato che il nucleare, DI NOTTE, sarebbe stato costretto a BUTTARE VIA energia (le pile vanno MEGLIO a pieno regime 24 ore al giorno), si pensò all'idrogeno. E nacque il progetto. Poi il nucleare abortì, e logicamente anche l'auto ad idrogeno diventò inutile. SE e QUANDO ci sarà energia nucleare a sguazzo, tornerà l'idrogeno, o l'elettrico.

    Per gli aerei dovremo mantenere il cherosene, almeno ancora per molto tempo, ma ne usano pochissimo.

    Nikiniki, il problema è semplice. devi arrivare alla fusione. Nel frattempo, puoi tornare al medioevo od avere un po' di respiro col nucleare.

    Lo sappiamo tutti che dobbiamo morire, prima o poi, però se ti viene una polmonite ti curi lo stesso. NON è che dici: cosa uso a fare il medico, tanto poi muoio lo stresso.....

  • 1 decennio fa

    Basterebbe trasformare tutti i motori dei mezzi di comunicazione in motori elettrici e il gioco è fatto.

    Ciao.

  • 1 decennio fa

    sarebbe un disastro...e poi siamo vicini alla fusione nucleare: si usa con l'acqua (idrogeno), gli scarti sarebbero acqua distillata e nn inquina...purtroppo servono temperature altissime ( quelle del Sole)...ce l'hanno fatta solo una volta con la Z-Machine roba da fantascienza...

  • 1 decennio fa

    Si dimenticano tutti che, oltre al non indifferente problema delle scorie radioattive, c'è anche l'altro piccolo problema: l'uranio è poco e si esaurirà piuttosto in fretta. Cosa facciamo, continuiamo a buttare tempo e denaro per soluzioni che si sa già che dureranno poco?

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • pacman
    Lv 6
    1 decennio fa

    funzionerebbero ancora a petrolio, come prima. Il nucleare, se si riuscisse a coprire l'intero fabbisogno energetico del paese, servirebbe per eliminare tutto quel metano e petrolio che viene bruciato per fare corrente elettrica. Anche senza ridurre a zero l'uso del petrolio, se ne userebbe come minimo il 60-70% in meno di adesso. Sempre pensando che ci siano abbastanza centrali nucleari per chiudere tutte quelle tradizionali. E' comunque indubbio che per ogni centrale che apri, meno petrolio viene bruciato. E sinceramente meglio poco che nulla.

    Con petrolio intendo tutte le forme in cui viene usato.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.