promotion image of download ymail app
Promoted

Per Paris03, Lady dream e papavero (e per i testimoni e gli interessati che si vogliono aggiungere)?

Innanzitutto ho risposto a quanto voi mi avete scritto. Forse non avrete il tempo di rispondere per cui sintetizzo qua le due domande che rivolgo anche agli altri testimoni di Geova (ma anche a tutti gli interessati). Vorrei chiedere a paris, lady e papavero se ne hanno il tempo di continuare la discussione sulla mia precedente domanda.

Domande

1) E' un'affermazione che ho sentito spesso dai testimoni: Gesù ha già iniziato a regnare. Ma io prove di questo fatto non le vedo (sono agnostico, e per ora mi fido esclusivamente della mia ragione, lo strumento essenziale per trovare la Verità, se pure si possa trovare) e poi alcuni mi hanno detto che ha iniziato dal 1914! E' così o si sono sbagliati chi mi ha detto queste cose?

2) Avevo scritto di versetti secondo me tradotti male dalla Traduzione del Nuovo mondo, e poi aggiunto ulteriori affermazioni a quanto lady dream mi aveva risposto. Ora trascrivo tutto per chi si volesse aggiungere a darmi risposte o farmi critiche ...cont

Aggiornamento:

... Ecco alcuni versetti che avevo scritto facendo un confronto tra Cei, TNM e originale greco

Colossesi 1,16

Cei: Tutte le cose create sono state fatte per mezzo di lui e in vista di lui

TNM: Per mezzo di lui tutte le ALTRE cose furono create

Originale: tà pànta di’autoù kaì eis autòn èktistai (tutte le cose attraverso di lui e verso di lui sono state create)

Giovanni 1,1

Cei: il Verbo era Dio

TNM: la Parola era UN dio

Originale: kaì theòs èn ‘o lògos (e Dio era il Verbo)

Giovanni 8,58

Cei: Prima che Abramo fosse, io sono

TNM: prima che Abramo venisse all’esistenza, IO ERO

Originale: prìn ‘Abaàm genèsthai ‘egò eimì (prima che Abramo nascesse, io sono)

Giovanni 14,10:

Cei: Non credi che io vivo nel Padre e il Padre vive in me?

TNM: Non credi che io SONO UNITO al Padre e che il Padre E’ UNITO a me?

Originale: ou pisteùeis ‘òti egò ‘en tò patrì kaì ‘o patèr ‘en ‘emoì ‘estin; (non credi che io sono nel padre e che il padre è in me?)

Aggiornamento 2:

Ora lady e papavero mi hanno dato la loro interpretazione di queste traduzioni (che qui non trascrivo), allora io ho risposto ciò che segue.

C’è molto materiale da discutere. Innanzitutto ci tenevo a precisare che ho visto anche nella versione Cei degli errori, ma che non riguardavano la cristologia e che quindi si possono ritenere minori. Un esempio? Gv 20,29: La Cei traduce “Beati coloro che pur non avendo visto crederanno.” Letteralmente però è “Beati coloro che hanno creduto senza vedere.”

Veniamo ora ad una risposta, che faccio punto per punto come da domanda.

_ Colossesi 1,16

Lady, tu ti riferisci ad un altro passo del Vangelo, cioè Luca 13,2, per giustificare la traduzione di panta (plurale neutro di pas) come “tutte le altre cose” e non come “tutte le cose”. Ma il problema è che Luca 13,2 letteralmente è “E rispondendo disse a loro: Ritenete che quei Galilei furono peccatorpeccatori più di tutti i Galilei, perchè hanno sofferto queste cose?” ...cont

Aggiornamento 3:

Non vedo il perchè si debba tradurre “pàntas” con “tutti gli altri”, cosa che poi non accade mai nella lingua greca: mi sono letto tutto il GI di Franco Montanari per verificare! Capisci poi che, se in questo caso il senso non cambia poi moltissimo, nella lettera ai Colossei invece cambia completamente la cristologia, giustificando il fatto che Cristo sia stato creato da Dio (quindi in un tempo successivo) e non da Lui generato come sostiene la Chiesa Cattolica.

_ Giovanni 1,1

Qui le mie conoscenze di greco si fanno carenti, avendo finito il liceo due anni fa. Ma di certo so che theòs non si può tradurre come un aggettivo, come “divino”, essendo un sostantivo. E’ vero ciò che scrivi, manca l’articolo davanti, quindi si potrebbe ritenere legittima (ma mi rimangono dei dubbi che dovrei chiedere a traduttori più esperti) la traduzione “e un Dio era il Verbo”. Ma mi sapresti dire che senso ha scrivere “un Dio” se di Dio ce n’è uno solo? ...cont

Aggiornamento 4:

Anche scritto così, significa che il Verbo è Dio, cioè che Cristo e Dio sono una cosa sola. Gv 10, 30 letteralmente si traduce infatti: “Io e il Padre siamo uno”

_ Giovanni 8,58

Mi dite che con questa traduzione (“Io sono”) ci si vuole ricollegare all’Esodo, ma io credo che semplicemente un presente indicativo non si può tradurre con un passato arbitrariamente. Lady, scrivi “ La domanda dei giudei alla quale Gesù stava rispondendo riguardava la sua età, non la sua identità” ma non sono d’accordo. I giudei con la loro domanda stanno chiedendo a Gesù proprio la sua identità. La domanda nel contesto si potrebbe rendere: “Chi sei tu per dire che hai visto Abramo e non hai ancora 50 anni?” L’età non c’entra nulla, qualsiasi età Gesù avesse non avrebbe potuto vedere Abramo. In realtà affermare “prima che Abramo fosse, io sono” significa porre la propria esistenza nel tempo per così dire “eterno” del presente, tempo che è proprio solo di Dio, come è affermato anche nel libro dell’Esodo. ...

Aggiornamento 5:

...Gesù sta quindi affermando implicitamente la propria consustanzialità con Dio, nella Sua natura eterna e divina.

Non è forse un'affermazione simile quella che Cristo fa in Giovanni 13, 19? "affinchè crediate, quando accadrà, che io sono". Ritorna ancora una volta quel "io sono". E lo stesso testo continua: "Amen, amen (che si traduce "In verità, in verità") dico a voi: chi accoglie colui che io manderò, accoglie me, e chi accoglie me, accoglie colui che mi ha mandato". Su questo punto la dottrina dei testimoni mi ricorda molto Ario.

Ecco, se uno è interessato a vedere la discussione integrale basta che vada a cercarla. Volevo quindi proporre anche a voi queste risposte che ho dato, qualcuno oltre a loro sa rispondermi sul motivo di questi errori di traduzione? Ringrazio per la cortese disponibilità. Aggiungo che lady dream e paris sono molto preparate, però volevo sapere anche il parere di altri, alla luce di quanto ho scritto sopra. Grazie!

Aggiornamento 6:

Per MIMMOBALE: si, forse hai ragione, effettivamente la domanda che ho fatto richiede un tempo che non tutti possono avere. Ma ho piena fiducia in queste persone che ho visto hanno disponibilità e anche conoscenza. Ah, colgo l'occasione per ringraziarti della risposta che mi hai dato prima, concordo con te sul generare e il creare.

Aggiornamento 7:

Per Sora: ti ringrazio per la spiegazione che mi hai dato sull'escatologia dei testimoni di Geova, che ora mi leggo. Ma le risposte che mi hai dato sono perfettamente uguali a quelle che mi ha scritto Ladydream!! Non è che le hai copiate?! Grazie per la disponibilità, ma se leggi tutte le cose che ho scritto sopra (e forse non hai avuto il tempo di leggerle) vedrai come ho cercato di confutare le stesse risposte che tu hai scritto riguardo questi versetti. Quello che sto chiedendo io è un'ulteriore giustificazione della traduzione del TNM, alla luce di ciò che ho scritto. Grazie

Aggiornamento 8:

Per PAPAVERO: anch'io ti ho risposto ora sull'altro post, se vuoi andare a vederla. Adesso vado a leggere cosa hai scritto riguardo la prima domanda. Poi devo uscire, quindi non avrò il tempo di continuare oggi la discussione.

Aggiornamento 9:

Per Paris: Grazie veramente per la pazienza che stai avendo con me e con le nostre discussioni (lo stesso vale anche per papavero). Quando torno da fuori vedrò la tua risposta, ma non perderci troppo tempo!

Aggiornamento 10:

Per LADY: hai ragione. Non è possibile discutere approfonditamente certe cose solo attraverso uno schermo. Ti ringrazio molto per la cortesia che hai avuto, ringrazio di questo anche tutti gli altri, in particolare Papavero e Paris, che chissà quanto tempo ha perso a leggere tutto quello che ho scritto.

Ti invito comunque Lady a leggere cosa afferma la Chiesa Cattolica sulla Trinità e su Gesù vero Dio e vero uomo (ai link che ti ho messo sull'altra domanda). Io ho perso la fede, ma credo che l'interpretazione della Chiesa sulla natura di Cristo fosse valida. Se ti potrà interessare ti potrei copiare anche alcuni scritti di Sant'Agostino che mi colpirono molto quando li lessi circa 4 anni fa.

Poi proprio ieri ho ripreso in mano il mio libro di Latino del liceo, ho trovato una cosa che mi è sembrata interessante e potrei discutere con voi, ma, come dici giustamente, su un'altra domanda, più breve e semplice di questa. Grazie ancora!

7 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    2) Riguardo la seconda domanda, ti rimando indietro a quel sito dove l’hai posta; ho anche aggiunto altri particolari.

    http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=Au...

    In risposta alla domanda # (1)

    GLI studenti biblici annunciarono con decenni di anticipo che nel 1914 ci sarebbero stati degli sviluppi significativi. Di cosa si trattava, e quali prove indicano che il 1914 è un anno così importante?

    Come è riportato in Luca 21:24, Gesù disse: “Gerusalemme sarà calpestata dalle nazioni, finché i tempi fissati delle nazioni [“i tempi dei Gentili”, Ricciotti] non siano compiuti”. Gerusalemme era stata la capitale della nazione ebraica, dove governavano i re della dinastia davidica. (Salmo 48:1, 2) Comunque, rispetto ai sovrani delle nazioni, quei re erano unici. Sedevano “sul trono di Geova” quali rappresentanti di Dio. (1 Cronache 29:23) Gerusalemme era quindi un simbolo della sovranità di Geova.

    Come e quando, però, la sovranità di Dio cominciò a essere “calpestata dalle nazioni”? Questo accadde nel 607 a.E.V., quando i babilonesi conquistarono Gerusalemme. Il “trono di Geova” rimase vacante e la discendenza regale di Davide fu interrotta. (2 Re 25:1-26) Questo ‘calpestamento’ sarebbe durato per sempre? No, poiché la profezia di Ezechiele disse a proposito dell’ultimo re di Gerusalemme, Sedechia: “Rimuovi il turbante, e togli la corona. . . . Certamente non diverrà di nessuno finché venga colui che ha il diritto legale, e a lui lo devo dare”. (Ezechiele 21:26, 27) L’unico che ha “il diritto legale” alla corona davidica è Gesù Cristo. (Luca 1:32, 33) Quindi il ‘calpestamento’ doveva finire quando Gesù sarebbe diventato Re.

    Quando si sarebbe verificato questo avvenimento grandioso? Gesù indicò che i Gentili avrebbero governato per un determinato periodo di tempo. In Daniele capitolo 4 troviamo la chiave per sapere quanto sarebbe durato questo periodo. Viene descritto un sogno profetico di Nabucodonosor, re di Babilonia. Questi vide un albero immenso che veniva abbattuto. Il suo ceppo non poteva ricrescere perché era stretto da legami di ferro e di rame. Poi un angelo dichiarava: “Passino su di esso sette tempi”. — Daniele 4:10-16.

    Nella Bibbia gli alberi sono a volte usati per rappresentare il dominio. (Ezechiele 17:22-24; 31:2-5) Perciò l’abbattimento del simbolico albero indica il modo in cui il dominio di Dio, rappresentato dai re di Gerusalemme, sarebbe stato interrotto. Tuttavia la visione avvertiva che ‘Gerusalemme sarebbe stata calpestata’ solo temporaneamente, per un periodo di “sette tempi”. Quanto doveva durare quel periodo?

    Rivelazione 12:6, 14 indica che tre tempi e mezzo equivalgono a “milleduecentosessanta giorni”. “Sette tempi” sarebbero durati il doppio, cioè 2.520 giorni. Ma le nazioni non smisero di ‘calpestare’ il dominio di Dio solamente 2.520 giorni dopo la caduta di Gerusalemme. Evidentemente la profezia riguarda un periodo di tempo molto più lungo. In base a Numeri 14:34 ed Ezechiele 4:6, che parlano di “un giorno per un anno”, i “sette tempi” dovevano durare 2.520 anni.

    I 2.520 anni iniziarono nell’ottobre del 607 a.E.V., anno in cui Gerusalemme cadde in mano ai babilonesi e il re della discendenza di Davide fu deposto. Finirono nell’ottobre del 1914. Fu allora che terminarono “i tempi fissati delle nazioni” e Gesù Cristo venne insediato da Dio quale Re celeste. — Salmo 2:1-6; Daniele 7:13, 14.

    Proprio come predisse Gesù, la sua “presenza” quale Re celeste è stata contrassegnata da una situazione mondiale drammatica: guerre, carestie, terremoti, pestilenze. (Matteo 24:3-8; Luca 21:11) Questa situazione è una potente testimonianza del fatto che il 1914 ha segnato effettivamente la nascita del celeste Regno di Dio e l’inizio degli “ultimi giorni” del presente sistema di cose malvagio. — 2 Timoteo 3:1-5.

    Ciao

    Fonte/i: Cosa Insegna Veramente la Bibbia
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Ciao Giovv87

    Ho notato che scrivi molto, e questo richiede a sua volta una risposta lunga perche` cio` che chiedi e` tanto. Solo un consiglio (se lo vuoi accettare naturalmente) perche` non chiedi una cosa alla volta? Sara` piu` facile seguirti ed essere seguiti anche per altri che vogliono rispondere, e dare la loro opinione. E anche perche` non tutti i giorni si ha molto tempo a stare al computer. Adesso mi devo leggere tutto cio` che hai aggiunto alla domanda precedente e cio` che chiedi in quest'altra, e francamente oggi non ho molto tempo a disposizione, ma cerchero` di risponderti lo stesso anche se brevemente, visto che il caro "MIMMO" ha insinuato che non VOGLIAMO darti una risposta e poi per chissa` quale motivo.

    Comunque ho notato che papavero ti ha gia` risposto alla prima domanda, quindi non aggiungo altro. E paris ha ampliato in modo esaustivo, cio` che ho riportato ieri alla tua domanda, quindi e` inutile ripetermi.

    Riguardo alla scrittura di Colossesi 1:16 mi riferivo esattamente a quella di scrittura e non al passo di Luca 13:2.

    Come ti ho gia` risposto il primogenito Figlio spirituale (Gesu`) fu impiegato dal Padre nella creazione di tutte le altre cose. Ciò includerebbe i milioni di altri figli spirituali della celeste famiglia di Geova Dio, come pure l’universo fisico e le creature che lo popolavano in origine. Logicamente fu a questo Figlio primogenito che Geova disse: “Facciamo l’uomo a nostra immagine, secondo la nostra somiglianza”. (Genesi 1:26) Tutte le altre cose create non furono semplicemente create “per mezzo di lui”, ma anche “per lui”, il Primogenito di Dio ed “erede di tutte le cose”. (Colossesi 1:16, puoi confrontare Ebrei 1:2)

    Quindi essendo stato creato direttamente da Dio, non è proprio possibile che Gesù sia lui stesso Dio. Nota come viene reso Apocalisse (Rivelazione) capitolo 3, versetto 14, nella versione di Moraldi viene detto: “Così parla l’Amen, [Gesù] il testimone fedele e verace, il principio della creazione di Dio”. Dire che un figlio è il primogenito, l’unigenito, non significa mai che il figlio sia uguale al padre. Quindi e` logico pensare che si tratta di due individui diversi, un padre e un figlio.

    Riguardo al significato delle parole originali, vedo che ti stai affidando solo alla traduzione CEI, ma sarebbe saggio andare oltre, cio` confrontare anche altre traduzioni. E soprattutto confrontare anche se un concetto o un determinato insegnamento e in armonia con gli insegnamenti delle altre scritture. Ad esempio se e vero secondo la traduzione della CEI che in Giovanni 1:1 "la Parola e Dio" Cioe` che Gesu` e Geova siano le stessa cosa, questo non coincide con gli insegnamenti di Gesu` che disse sempre che il Padre e` maggiore di Lui, e che faceva tutto solo perche` il Padre gli comando di farlo. Quindi le cose sono due, o Gesu` si contraddiceva o la traduzione e` sbaglia, ma difficilmente credo che Gesu` si contraddiceva.

    Rigurdo a Giovanni 8:57 Questo versetto in se stesso non dice per quanto tempo Gesù esisté prima di Abraamo. Ma secondo i trinitari vuol dire che Gesù esiste dall’eternità. Un commentatore dice: “È importante osservare la distinzione fra i due verbi. La vita di Abraamo era condizionata dal tempo, e perciò ebbe un inizio temporale. Pertanto, Abraamo venne all’esistenza, o nacque [genésthai, greco]. La vita di Gesù era da e per l’eternità. Di qui la formula io sono [egò eimí, greco], per esistenza assoluta, senza tempo”.

    Da dove proviene in realtà tale ragionamento? Ti riporto cio` che dice L’Encyclopædia of Religion and Ethics di Hastings spiega: “Il cristianesimo assimilò dalla filosofia greca, e fino a un certo punto sviluppò indipendentemente, l’idea profonda e fruttuosa della distinzione fra tempo ed eternità, e fra divenire ed essere. Dichiarata esplicitamente per la prima volta da Parmenide, verso il 500 a.C. . . ., è elaborata in modo molto particolareggiato da Platone, verso il 390 a.C., specialmente nel Fedro e nel Simposio”.

    Non una sola volta, però, la Bibbia dichiara che Gesù e Dio siano coeterni. Sebbene Gesù avesse in cielo un’esistenza preumana di durata non specificata, la Bibbia mostra che la sua esistenza ebbe un principio. Egli è chiamato “immagine del Dio invisibile, primogenito di ogni creazione” e “il principio [greco, archè] della creazione di Dio”. Colossei 1:15; Apocalisse 3:14.

    L’ottavo capitolo di Proverbi usa un linguaggio simile parlando della “sapienza” personificata. Lì, secondo la Versione dei Settanta greca, la sapienza parla di sé come del “principio [archè] delle sue vie [di Dio] e delle sue opere” e afferma d’essere esistita “prima del tempo all’inizio, prima che facesse la terra”. (Proverbi 8:22, 23, Bagster) Fa questo pensare che la sapienza personificata ebbe una preesistenza eterna? No, poiché all’inizio del versetto ventidue la sapienza dice: “Il Signore mi fece [greco, éktise, “creò"

    Comunque gli argomenti che tiri fuori sono argomenti profondi, e difficilmente si possono trattare in un forum di domanda e risposta, le spiegazioni sono limitate e non si possono fare confronti diretti con le varie Bibbie, io ti consiglierei di parlare direttamente con i testimoni di Geova quando ti verranno a bussare alla tua casa, e non limitarti ai tuoi due amici che neanche sono testimoni di Geova battezzati.

    Ti saluto lady.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ciao sono una Testimone di Geova,(Prisma) non riesco ad accedere al mio account(???)quindi ti rispondo con l'aviatar di mia figlia. Spero ti sia utile la mia risposta. Giovanni 1:1 dimostra che Gesù è Dio?

    Giov. 1:1, VR: “Nel principio era la Parola [“il Verbo”, CEI], e la Parola era con Dio, e la Parola era Dio”. Mo ha: “il Logos era divino”. AT ed Sd hanno: “la Parola era divina”. Nel testo interlineare, ED ha “un dio era la Parola”. NM traduce: “la Parola era un dio”; altrettanto fa NTIV.

    Cosa c’è nel testo greco che ha indotto alcuni di questi traduttori a evitare di dire: “la Parola era Dio”? L’articolo determinativo (il) è presente davanti alla parola theòs (Dio) nel primo caso, ma non nel secondo. La costruzione articolata del nome indica una persona, un’identità, mentre un predicato nominale singolare senza articolo prima del verbo (secondo il costrutto di questa frase in greco) indica una qualità di qualcuno. Perciò il versetto non intende dire che la Parola (Gesù) fosse lo stesso Dio col quale era, ma che la Parola era un essere divino, un dio. (Vedi NM, edizione con note e riferimenti, p. 1581).

    Cosa voleva dire l’apostolo Giovanni quando scrisse Giovanni 1:1? Voleva forse dire che Gesù stesso sia Dio o che Gesù formi un unico Dio col Padre? Nello stesso capitolo, al versetto 18, Giovanni scrive: “Nessuno ha mai veduto Iddio; l’unigenito Figliuolo [“l’unigenito dio”, NM], che è nel seno del Padre, è quel che l’ha fatto conoscere”. (VR) C’erano uomini che avevano visto Gesù Cristo, il Figlio? Certo! Giovanni stava dunque dicendo che Gesù era Dio? Ovviamente no. Verso la fine del suo Vangelo, Giovanni riassume l’argomento, dicendo: “Queste cose sono scritte, affinché crediate che Gesù è il Cristo, [non Dio, ma] il Figliuol di Dio”. — Giov. 20:31, VR.

    L’esclamazione di Tommaso Giovanni 8:58:

    Con traduce: “Disse loro Gesù: ‘In verità, in verità vi dico, prima che Abramo fosse, io sono [greco, egò eimì]’”. (Numerose altre versioni hanno tutte “io sono”; alcune usano addirittura le maiuscole per dare l’idea di un titolo. Cercano così di collegare quest’espressione con Esodo 3:14, dove, secondo la loro traduzione, Dio si attribuisce il titolo “Io-sono”). Comunque, in NM l’ultima parte di Giovanni 8:58 dice: “Prima che Abraamo venisse all’esistenza, io ero”. (Analogamente traducono AT, Mo e altri).

    Quale traduzione è conforme al contesto? La domanda dei giudei (versetto 57) alla quale Gesù stava rispondendo riguardava la sua età, non la sua identità. La risposta di Gesù si riferì logicamente alla sua età, cioè da quanto tempo esisteva. È interessante che non viene mai fatto alcun tentativo di applicare egò eimì, come titolo, allo spirito santo.

    A Grammar of the Greek New Testament in the Light of Historical Research, di A. T. Robertson, dice: “Il verbo [eimì] . . . A volte esprime in effetti l’esistenza come predicato esattamente come qualsiasi altro verbo, ad esempio in [egò eimì] (Gv. 8:58)”. (Nashville, Tennessee, 1934, p. 394). Nel libro Il Vangelo di Giovanni (con imprimatur), di J. Mateos e J. Barreto, in una nota a questo versetto, si riconosce che la relazione temporale espressa dal greco “prin... eimi” si può tradurre in italiano “prima... ero”. — Cittadella Editrice, 1982, trad. di Teodora Tosatti, p. 387

    Perché i testimoni di Geova dicono che il Regno di Dio è stato stabilito nel 1914?

    Due tipi di indicazioni additano tale anno: (1) la cronologia biblica e (2) gli avvenimenti che adempiono la profezia dal 1914 in poi. Qui prendiamo in esame la cronologia. Per quanto riguarda l’adempimento delle profezie, vedi la voce “Ultimi giorni”.

    Leggere Daniele 4:1-17. I versetti 20-37 indicano che questa profezia ebbe un adempimento sul re Nabucodonosor. Ma ha anche un adempimento maggiore. Come lo sappiamo? I versetti 3 e 17 mostrano che il sogno che Dio mandò a Nabucodonosor riguardava il Regno di Dio e la promessa divina di darlo ‘a chi vuole, . . . persino all’infimo del genere umano’. L’intera Bibbia rivela che il proposito di Geova è che suo Figlio Gesù Cristo governi come suo rappresentante sul genere umano. (Sal. 2:1-8; Dan. 7:13, 14; 1 Cor. 15:23-25; Riv. 11:15; 12:10) La descrizione che la Bibbia fa di Gesù conferma che egli fu veramente considerato “l’infimo del genere umano”. (Filip. 2:7, 8; Matt. 11:28-30) Il sogno profetico addita pertanto il tempo in cui Geova avrebbe dato a suo Figlio il dominio sul genere umano.

    Cosa doveva aver luogo nel frattempo? Il dominio sul genere umano, rappresentato dall’albero e dal suo ceppo, avrebbe avuto “il cuore di una bestia”. (Dan. 4:16) Nel corso della storia l’umanità sarebbe stata dominata da governi che avrebbero manifestato le caratteristiche di bestie selvagge. Nei nostri giorni l’orso è comunemente usato per rappresentare la Russia, l’aquila gli Stati Uniti, il leone la Gran Bretagna, il drago la Cina. Anche la Bibbia usa bestie selvagge come simboli di governi del mondo e dell’intero sistema di dominio umano sotto l’influenza di Satana. (Dan. 7:2-8, 17, 23; 8:20-22; Riv. 13:1, 2) Come indicò Gesù nella sua profezia sul termine del sistema di cose, Gerusalemme sarebbe stata ‘calpestata dalle nazioni, finché i tempi fissati delle nazioni non fossero compiuti’. (Luca 21:24) “Gerusalemme” rappresentava il Regno di Dio, in quanto si diceva che i suoi re sedessero “sul trono del regno di Geova”. (1 Cron. 28:4, 5; Matt. 5:34, 35) I governi gentili, rappresentati da bestie selvagge, avrebbero quindi ‘calpestato’ il diritto del Regno di Dio di dirigere gli affari umani e avrebbero governato essi stessi sotto il controllo di Satana. — Confronta Luca 4:5, 6.

    Per quanto tempo sarebbe stato permesso a questi governi di esercitare tale dominio prima che Geova desse il Regno a Gesù Cristo? Daniele 4:16 dice: per “sette tempi” (“sette anni”, AT, Mo; Ga, Con, nota al v. 13). La Bibbia mostra che nel calcolo del tempo profetico un giorno va contato come un anno. (Ezec. 4:6; Num. 14:34) Quanti sono dunque i “giorni” in questione? Rivelazione 11:2, 3 dice chiaramente che in quella profezia 42 mesi (tre anni e mezzo) equivalgono a 1.260 giorni. Sette anni sono il doppio, cioè 2.520 giorni. Applicando la regola di “un giorno per un anno”, si arriva a 2.520 anni.

    Da quando decorrono i “sette tempi”? Da dopo la deposizione di Sedechia, ultimo re del regno tipico di Dio, dal trono di Gerusalemme per mano dei babilonesi. (Ezec. 21:25-27) Infine, entro i primi di ottobre del 607 a.E.V., scomparve l’ultima traccia di sovranità giudaica. Entro quella data Ghedalia, governatore giudeo lasciato in carica dai babilonesi, era stato assassinato e gli ebrei superstiti erano fuggiti in Egitto. (Geremia, capitoli 40-43) L’attendibile cronologia biblica indica che questo ebbe luogo 70 anni prima del 537 a.E.V. — anno in cui gli ebrei tornarono dall’esilio — cioè verso i primi di ottobre del 607 a.E.V. (Ger. 29:10; Dan. 9:2; per ulteriori informazioniCome si arriva quindi al 1914? Se si contano 2.520 anni dai primi di ottobre del 607 a.E.V. si arriva ai primi di ottobre del 1914 E.V., come mostra lo specchietto a pagina 96.

    Che avvenne allora? Geova affidò a suo Figlio Gesù Cristo, glorificato nei cieli, il dominio sul genere umano. — Dan. 7:13, 14.

    Come mai, dunque, c’è ancora tanta malvagità sulla terra? Dopo l’intronizzazione di Cristo, Satana e i suoi demoni furono espulsi dal cielo e scagliati sulla terra. (Riv. 12:12) Divenuto Re, Cristo non si accinse immediatamente a distruggere tutti coloro che rifiutavano di riconoscere la sovranità di Geova e lui stesso come Messia. Piuttosto, come aveva predetto, si doveva compiere una predicazione mondiale. (Matt. 24:14) In qualità di Re, egli avrebbe guidato un’opera di divisione delle persone di tutte le nazioni, la quale avrebbe avuto come risultato la vita eterna per quelli che si sarebbero mostrati giusti e lo stroncamento eterno nella morte per i malvagi. (Matt. 25:31-46) Nel frattempo, si sarebbero instaurate le condizioni assai difficili predette per gli “ultimi giorni”. Come indicato alla voce “Ultimi giorni”, questi avvenimenti sono stati chiaramente visibili dal 1914 in poi. Prima che gli ultimi componenti della generazione che era in vita nel 1914 scompaiano dalla scena, si verificheranno tutte le cose predette, inclusa la “grande tribolazione” in cui finirà l’attuale mondo malvagio. — Matt. 24:21, 22, 34.

    Quando verrà la fine di questo mondo malvagio?

    Gesù rispose: “In quanto a quel giorno e a quell’ora nessuno sa, né gli angeli dei cieli né il Figlio, ma solo il Padre”. Ma disse pure: “Veramente vi dico che questa generazione [quella che sarebbe stata in vita quando avrebbe cominciato ad adempiersi il “segno” degli “ultimi giorni”] non passerà affatto finché tutte queste cose non siano avvenute”. — Matt. 24:36, 34.

    Inoltre, dopo aver parlato di avvenimenti che avrebbero fatto seguito all’istituzione del Regno nelle mani di Gesù Cristo nel 1914, Rivelazione 12:12 aggiunge: “Rallegratevi, o cieli e voi che risiedete in essi! Guai alla terra e al mare, perché il Diavolo è sceso a voi, avendo grande ira, sapendo che ha un breve periodo di tempo”.

    Calcolo dei “sette tempi”

    “Sette tempi” = 7 × 360 = 2.520 anni

    Un “tempo” o anno biblico = 12 × 30 giorni = 360.

    (Riv. 11:2, 3; 12:6, 14)

    Nell’adempimento dei “sette tempi” ciascun giorno

    equivale a un anno. (Ezec. 4:6; Num. 14:34)

    Dai primi di ottobre del 607 a.E.V. al

    31 dicembre del 607 a.E.V. = 1⁄4 di anno

    Dal 1° gennaio del 606 a.E.V. al

    31 dicembre dell’1 a.E.V. =

    Fonte/i: ,
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Per Mimmobal...non ti smentisci mai....!! Purtroppo non posso stare tutto il giorno su un computer...ho una bambina e famiglia...con tutte le attività che concernano....ma usare il cervello a volte...no...eh?!!

    Ciao Giovv ora ti rispondo....dammi il tempo sono rientrata ora...ora leggo bene e ti rispondo...

    Allora dammi il tempo di scrivere perchè le cose che ti vorrei dire sono tantissime...e io come avrai capito faccio prima a parlare che a scrivere....Ho letto bene le tue domande e ora ho capito cosa intendi....aspetta....(ps.secondo me tra circa 40min la mia risposta sarà tutta scritta ..quindi hai tempo per mangiare...Ahahah,dai scherzo..!)

    Mi sembra di capire dal passo di Colossesi 1 che "altre" ti sembra determinante per sostenere o no il concetto della trinità....intanto bisogna valutare il significato originale del termine ..e questo lo avete visto ieri con Lady....poi però per avvalorare questa direzzione ..credo sia opportuno ragionare su un altro termine usato nel versetto ...."primogenito"...è interessante perchè a patto che molti potrebbero sostenere che Dio è il primo di tutta la creazione...qui il termine viene usato a identificare il primo di un gruppo,infatti nella bibbia ,l'espressione primogenito viene usata più di 30 volte,e quando è riferita a creature viventi,ha sempre il medesimo significato:il primogenito appartiene a un gruppo...secondo il normale significato quindi...di primogenito...l'espressione indica che Gesù è maggiore dei figli che formano la famiglia del Padre.

    Inoltre ..

    se conoscere il termine "panta"....e valutare il termine "primogenito"...non ti soddisfano si può fare un confronto con moltissimi passi bibblici che parlano su chi fosse Gesù Cristo....a questo punto....capisci bene si può rafforzare o demolire un'argomentazione...

    mi spiego.... è come se avessi in mano un pezzetto di un pasol ...e davanti a te ci fossero due pasol da costruire....come faresti a sapere con certezza a quale dei due appartiene?!.....Forse a volte il "secondo me" non basterebbe.!...maggiormente quando i colori dei due si confondono...all'ora credo che esiste una solo grande prova del 9....costruirli tutte e due e a lavoro compiuto aver l'evidente prova dell'incastro di quel tassello!..Vero,no! Cosi cerchiamo di vedere con l'aiuto di altri passi quali sono le indicazioni della bibbia sull'intendimento di Dio e di suo Figlio!

    Ti scriverò un pò di versetti e tu li analizzi un po,ok...

    -Marco 13:32,"Riguardo poi a quel giorno o a quell'ora nessuno sa niente,neppure gli angeliche sono in cielo,ne il Figlio ma solo il Padre".

    Non sarebbe stato così se il Padre il Figlio,e lo Spirito Santo fossero stati coeuguali,formando un unica Deità.E se,come sostiene qualcuno il Figlio non lo poteva sapere in quanto uomo,c'è da chiedersi come mai non lo sapeva lo spirito santo?

    -Matteo 20:20-23,"La madre dei figli di Zebedeo...rispose a Gesù :Dì che questi miei figli siedano uno alla tua destra uno alla tua sinistra nel tuo regno.Rispose Gesù:.....Il mio calice lo berrete:però non sta a me concedere che vi sediate alla mia destra o alla mia sinistra ,ma e per coloro che è stato preparato dal Padre mio".

    Che stranezza se,come si afferma,Gesù fosse stato Dio! Stava forse parlando solo secondo la sua "natura umana"? Se come dicono i sostenitori della trinità Gesù era veramente "Uomo-Dio" (cioè contemporaneamenteuomo e Dio,non solo l'uno e l'altro) sarebbe coerente dare una simile spiegazione? Non mostra chiaramente che il Figlio non è uguale al Padre,e che il Padre ha riservato per se certe prerrogative?

    -Giovanni 14:28 Gesu disse:Se mi amaste ,godreste che vado al Padre ,perchè il Padre è maggiore di me.

    -1 Corinti 11:3 "Voglio tuttavia che sappiate che il capo di ogni uomo è il Cristo,capo della donna è l'uomo e capo di Cristo é Dio".

    E' chiaro pertanto che Cristo non è Dio ,e che Dio è superiore a Cristo.Si ricordi che queste parole furono scritte verso il 55 d.C circa 22 anni dopo che Gesù era tornato in cielo.Perciò la verità enunciata riguarda la relazione esistente fra Dio e Cristo in cielo.

    -1 Corinti 15:28 ,"...quando avrà assoggettato a lui tutte le cose,all'ora anch'egli,il Figlio di Dio si assoggetterà a colui che gli ha assoggettato tutto ,affinchè Dio sia tutto in tutti"

    Sia il termine ebreico Shaddài che il greco Pantokràtor sono tradotti Onnipotente .Entrambi questi termini nelle lingue originali sono ripetutamente applicati a Geova,il Padre.(Esodo 6:3 ;Rivelazione 19:6) Nessuno dei due è mai riferito al Figlio o allo Spirito Santo.

    Dimenticavo...tutti passi citati lo presi non dalla TNM ma dalla Con...per dimostrarti ulteriormente che questi concetti non sono contenuti in una bibbia speciale...

    Potrei andare avanti...e se me lo chiederai lo faro...perchè ogni volta che nella bibbia sono prese in considerazione le figure del Padre e del Figlio è schiacciante la distinzione,perchè uno è il Creatore e l'altro è definito Creatura....Purtroppo la dottrina della trinità che per altro non può essere sostenuta con evidenti prove bibbliche è stato un insegniamento addottato nel tempo dalla religione ..ma ..non appartiene a un insegnamento ragionevole e comprensivo...tantè che ancora oggi è definito un dogma...! credo invece e se me lo permetti ...questa è una mia rifflessione personale che...se è vero che Dio ha scritto la bibbia,ho l' ha fatta scrivere per farci pervenire delle importanti informazioni....queste di certo dovevano essere alla nostra portata o non sarebbero certo servite per aiutarci a comprendere....se rimanevano dubbi o cosa....!Giusto?!

    Tu prima mi hai detto che ti consideri razionale,realista..uno che concretizza insomma...ecco all'ora io mi appello a questa capacità di ragionamento...e concordo che sia più accettabbile accettare persone distinte con ruoli e caratteri che pensare che son tre ma alla fine una...abbi pazienza ma non ho mai visto applicato un simile concetto,non riesco a concretizzarlo!

    Spero di averti fatto chiarezza sulle nostre convinzioni...be son queste....non ti ho risposto per il passo del verbo...perchè credo apparte che ieri Lady ti ha spiegato...ma che con i miei passi successivi o ampliato il concetto.

    Scusa se non sono riuscita a risponderti prima ma è un periodo molto intenso e a volte riesco a ritagliarmi un po di tempo ....e a volte no....

    Comunque posso di nuovo farti i complimenti perchè ho apprezzato molto il tuo modo di porti...è un vero piacere enunciare le proprie credenze in questi termini.....

    Per qunto riguarda le prove che abbiamo per annunciare il '14 come inizio Regno non ho letto le risposte che hai ricevuto ,ma se ti vorro aggiungere qualcosa lo farò....

    Che dire ...alla prossima!....Ciao

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 3 anni fa

    era un suo diritto crepare senza che dei medici troppo premurosi cercassero di fare di tutto consistent with salvargli la vita. A quest'ora non ci sarebbe nessun risarcimento e nessuna carriera rovinata consistent with eccesso di zelo.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    NON rispondono, si devano preparare,la risposta.

    -------------

    X sora secondo me,dai una risposta erronea,se guardi è leggi questo link,ti evidenzia gli errori grammaticali della versione interlineare della T N M .

    ciao è buon studio.

    http://www.infotdgeova.it/TNM2.htm

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Io non studio greco, quindi mi fido di te

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.