Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureSocietà e culture - Altro · 1 decennio fa

Perchè del Tibet non importa niente a nessuno?

Scusate se violo tutte le stramaledette linee guida, ma volevo che quest'appello della comunità tibetana in italia fosse letto dal maggior numero di persone possibile, poichè secondo me è un evento che non deve essere sottovalutato.

Riporto l'appello così come l'ho trovato:

Il giorno 10 marzo 2008 nella capitale del Tibet, Lhasa, in occasione del 49°anniversario dell'insurrezione del popolo tibetano contro l'occupazione cinese del Tibet, più di 500 monaci dei monasteri di Drepung e Sera sono scesi in Piazza con una manifestazione pacifica chiedendo libertà per il Tibet e la liberazione dei monaci arrestati nello scorso ottobre. Secondo Radio Free Asia i manifestanti sono stati arrestati e i monasteri sono ancora blindati. Gli spari sono stati sentiti dai monasteri. La situazione è molto critica. Questa manifestazione è la prima grande manifestazione dopo quella del 1989 che fu brutalmente repressa, portando centinaia di morti e arresti. e fu imposta la legge marziale in Tibet.

Aggiornamento:

In tutto il mondo ci sono state manifestazioni pro Tibet negli ultimi tre giorni, e la bandiera del Tibet è stata esposta in più di 941 comuni in Germania e in molti stati negli Stati Uniti. Queste manifestazioni coincidono con la marcia del ritorno a piedi degli esuli tibetani dalla sede del governo Tibetano in Dharamasala in India per raggiungere il Tibet durante i giochi olimpici in agosto. Inoltre coincide anche con le Olimpiadi con le quali la Cina vuole legittimare l'occupazione del Tibet, la Mongolia interna e il Turkistan est e tutte le gravi violazioni dei diritti umani in Cina.

1) Noi Tibetani condanniamo la brutale repressione dei monaci che hanno solo manifestato per chiedere i diritti di cui non godono. Gli arresti in Tibet per una manifestazione anche pacifica comportano lunghe e disumane torture e la prigione a

vita. Chiediamo che siano immediatamente liberati i monaci arrestati.

2) Chiediamo all'ONU e Unione Europea di condannare il Governo di Pechino e

Aggiornamento 2:

di mandare un inviato speciale in Tibet come hanno fatto per la Birmania.

3) Chiediamo alle redazioni dei giornali di mandare i loro giornalisti in Tibet.

4) Protestiamo al COI di non aver fatto nessuna pressione alla Cina di migliorare i Diritti Umani in Cina e di aver favorito il mercato degli sponsor e il regime totalitario. Inoltre chiediamo che siano liberati i prigionieri politici prima dei giochi olimpici.

5) Chiediamo agli individui, ai giornalisti e al mondo libero, civile e

democratico di sostenere la lotta non violenta del popolo Tibetano.

Sabato 15 marzo ci sarà un sit in a Milano dalle ore 11 alle 12.30, Piazza della scala in solidarietà con i monaci in Tibet .

Aggiornamento 3:

Bene Ematite, io vivo nel deserto e qui le notizie fanno fatica a filtrare, ma immagino che tu sia in prima linea contro tutti gli abusi e le ingiustizie nel mondo!

Brava! Son le persone come te che svolgono l'ingrato ma fulgido compito di essere da esempio per il mondo!

Aggiornamento 4:

!? l'unica cosa che possiamo fare io e te è dire da che parte stiamo. Non servirà a molto, esattamente come non è servita a molto quella manifestazione, ma penso che la manifestazione di molte volontà sia comunque fare qualcosa.

Se tutti gli utenti di internet esponessero la bandiera del tibet al posto dei loro avatar credi che questo non avrebbe il suo peso?

Io penso che non potrebbero non tenerne conto.

Realisticamente, non credo che succederà mai, però ci spero, sono un inguaribile idealista!

Aggiornamento 5:

Hai ragione Serapide, solo un politico può osare tanto... oppure milioni di indifferenti!

Aggiornamento 6:

Vitamina, ho riportato integralmente l'appello che conteneva le richieste in cinque punti.

E' evidente che il quinto punto sia superato, ma credo che gli altri quattro siano tuttora attuali.

Non sto invitando ad andare alla manifestazione di sabato 15 marzo perchè non ho la macchina del tempo, ma penso che far conoscere quali siano le richieste della comunità tibetana possa essere sempre interessante ed attuale.

Pace e bene a te Vitamina del presente!

Aggiornamento 7:

Poi, ho trovato solo domande in cui si polemizza con questo o quello che non fanno quest'altro, ma mi è sembrato che quel che vogliono i tibetani sia stato scarsamente menzionato. Se non è così, mi scuso per la mia distrazione.

Aggiornamento 8:

Rui, ognuno è libero di credere a quello che vuole ed io son contento che tu abbia espresso la tua opinione, ma quando si chiede la morte per qualcuno, si dimostra di avere una scarsa attenzione per la vita, e questa cultura non può certo essere portatrice di pace, ma foriera di morte e di violenza: non mi piace affatto!

Comunque Pace e bene anche a te!

Aggiornamento 9:

Viola48, posso mai rivelarti di quando metto la calzamaglia blu con la S davanti e volo a salvare il mondo? E' top secret ovviamente!

Ma posso ben dirti che l'ultima volta è stata dura...

Aggiornamento 10:

Federika, cosa vuoi che ti dica di quel video?

Non hai notato che perfino Yahoo Cinese è oscurato?

E' ovvio che ciò che filtra all'esterno è ciò che fanno filtrare.

Chi sono quelli che agiscono in quel video propagandato?

Dove sono i reporter internazionali?

Dove sono i morti che i pochi testimoni dichiarano esserci?

Non sappiamo assolutamente niente e quel video significa solo che stanno accadendo cose gravi in una regione del mondo.

Il black out è totale e quelle piccole notizie che filtrano sono inattendibili, così come i video di Rui.

Aggiornamento 11:

Wave, in una guerra non c'è mai chi ha ragione e chi ha torto.

Io non sto affatto sostenendo l'indipendenza del Tibet dalla Cina, non conosco bene la realtà ed il sentire del popolo tibetano per sostenere l'una o l'altra causa.

Quel che sto sostenendo è il diritto a manifestare pacificamente le proprie idee, la libertà di comunicazione e di stampa che viene evidentemente negata ed in modo violento ed ambiguo.

Insomma quel che mi interessa è la libertà di ogni singolo tibetano, in questo caso, di esprimere se stesso ed i suoi pensieri, senza la minaccia di un esercito davanti alla soglia di casa.

Una volta che questi diritti fondamentali sono rispettati, l'organizzazione sociale che vorranno darsi non m'interessa. Io sono per liberi individui in un mondo libero, non per creare confini territoriali.

Aggiornamento 12:

Ovviamente la delinquenza ed il vandalismo, da qualunque parte provengano non sono affatto leciti e vanno puniti.

Ma non credo nei santi di nessuna delle due parti.

Aggiornamento 13:

Vedi Wave, per me esiste anche la terza soluzione: puoi restare e manifestare pacificamente la tua volontà.

Nessuno dovrebbe sentirsi in diritto di impedirtelo e ricorda che la società è fatta dalla volontà di tutte le persone che la compongono.

Poi ognuno è libero di decidere se restare, adeguarsi, combattere o andarsene a seconda del proprio sentire e della propria interpretazione della vita, senza che debba essere sottoposto ad un giudizio da parte di nessuno. Perchè mai dovrei misurare un uomo per le scelte che ha compiuto?

Esse gli appartengono, sarà lui che misurerà se stesso, se ne ha voglia.

Non è che il fatto di aver cambiato l'asino con la bandiera tibetana mi renda più tibetano e meno asino ed ora mi dia un valore maggiore rispetto a chi non la espone.

E' un messaggio ed una scelta di rappresentazione, visto che siamo in un mondo virtuale.

Aggiornamento 14:

Se fossimo nel reale sarei davanti ad un monastero, ma non per questo riterrei che sia l'unica cosa da farsi e non vi siano altre scelte possibili e tutte egualmente dignitose.

Non vi è forse dignità e coraggio in chi lascia per ricominciare?

La stessa che vi è in chi rimane per adeguarsi o per cambiare!

Aggiornamento 15:

Maroc, godere di attenzione non significa affatto che interessi veramente.

Ad esempio a te non interessa più di tanto, ma ti sta più a cuore la causa degli indipendentisti uighuri evidentemente.

Esattamente come al resto del mondo dal 1959 ad oggi.

Ti dico solo questo, scimmiottando quel che disse uno senz'altro immensamente più grande di me: date al Tibet quel che è del Tibet e agli altri quel che è degli altri.

Però diversamente da Lui io non voglio che qualcuno interpreti a modo suo quel che dico e vorrei riuscire a spiegarlo.

Il Tibet è importante perchè so che esiste e conosco quel che ha dato al mondo. Degli independentisti uighuri non ne conosco l'esistenza e dal poco che mi dici penso che la colpa di ciò sia tua. Tua e di Ematite ovviamente, poichè pur conoscendone la situazione non siete stati in grado di trasmettere queste vostre preziosità agli altri.

Invece il Dalai Lama ha svolto questo compito in modo eccellente direi.

Aggiornamento 16:

Per quanto riguarda le altre considerazioni, ti dirò che non leggo novella3000 e di quel che dice Richard Gere non so niente e tutto sommato mi interessa poco saperlo.

Per quanto riguarda invece il passato del Tibet, esso è passato e non presente.

Dovrei forse condannare l'Europa perchè ha avuto un passato feudale e quindi pensare che non possa mai arrivare ad essere una democrazia e garantire libertà ai suoi cittadini?

Ognuno è figlio del suo tempo e le società cambiano con esso e con il sentire delle persone che le compongono.

Per quanto riguarda la discriminazione alla quale accenni riguardo alla religione di appartenenza, non posso certo negare che i musulmani non siano ben visti nel mondo occidentale, benchè non vi sia da parte mia alcun sentimento negativo nei loro confronti, ma siamo sicuri che i musulmani si siano ben presentati? Forse dovrebbero imparare qualcosa in questo senso dal Dalai Lama, che son convinto sarebbe felicissimo di trasmettergli le sue conoscenze.

Aggiornamento 17:

Maroc, è vero, non sono affatto perfetto e d'altro canto questo per me oltre ad essere motivo per perfezionarmi è anche una comoda scappatoia per poter dire "Ho tentato, ma non essendo perfetto ho fallito". Ma io, al contrario di molti che pensano di essere degli incompresi, so bene che la colpa dei miei fallimenti è solo mia, me ne assumo tutte le responsabilità e continuo a tentare perchè un giorno, quando sarò meno rincoglionito, riuscirò a farvi capire cos'è l'Amore che cerco di trasmettervi.

Pace e bene fratello!

Aggiornamento 18:

Rui, sto cercando di capire quel che intendi, tenendo conto del fatto che evidentemente non conosci abbastanza bene l'italiano per riuscire a spiegarti chiaramente.

Pur nella nebbia di quanto esponi, mi pare di capire che il succo del tuo discorso sia che tutti stanno strumentalizzando la questione Tibetana per dare addosso alla povera Santa Cina innocente che difende la sua integrità territoriale, come gli europei han fatto nel passato d'altronde.

Addirittura ti rifai all'impero Romano per difendere i diritti Cinesi e dimostrare la tua simpatica teoria.

Beh... lascia che ti dica che non sono affatto orgoglioso dell'etica dell'impero Romano e che non ne adotterei la politica ma l'avverserei. Soprattutto mi girerebbero molto le palle se ci fosse ancora la schiavitù, l'arena con i leoni alla domenica al posto della partita di calcio e le interminabili guerre in cui milioni di soldati hanno perso la vita per la gloria ed il potere di Roma caput mundi.

Aggiornamento 19:

Per cui sono contrario alle politiche imperialistiche che penso siano perseguite da personaggi con forti disturbi psicologici.

Non vedo nessuna ragione etica, morale o logica che possa giustificare soprusi e violenze sugli abitanti di un qualsiasi territorio del pianeta Terra.

Invece vi sono moltissime ragioni economiche che le motivano e le giustificano, ad esempio miniere di rame, uranio e tutto questo genere di cosette....

Sempre pace e bene Rui!

21 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Let me tell u why, gli italiani vogliono una Italia unita, non piaciono che i secessionisti di lega nord, di Bolzano, di Trieste imparano comportamenti cattivi e violentosi dai secessionisti tibetani a distruggere e spaccare il Bel Paese.

    Gli imprenditori italiani non vogliono un mercato potenziale va distrutto.

    Gli azzurri non vogliono giocare in un posto instabile.

    morte ai secessionisti, sia italiani che cinesi sia spagnoli che inglesi sia israeliani che francesi...

    p.s. I delinquenti non soffrono nessuno visto che i cretini comunisti nn osano a sparare perche ce olimpiadi. I morti sono tutti bruciati e carbonizzati dai delinquenti, e sono 100% tibetani, ma tibetani buoni, atei, musulmani e commercianti....

    -------------------------

    a federika Kunz, nessun ti accattasta cm razzista, sei sl una povera cieca strumentalizzata dai politici razzisti.

    Sei una schiavessa ad alto prezzo? quindi la legge di mercato ti elimina. La gente che lavora nn osa la Cina. Solo i lazzarù hanno paura dei cinesi.

    ------------------------------

    ai ribelli tibetani, le proteste pacifiche OK, ma la violenza deve essere punita. Bruciare le macchine, rubare i negozi e ammazzare gente tibetana buona sti gestacci devono essere trattati con pugno duro, proprio come lo stafacendo la sindachessa di Milano Letizia ai cinesini ribelli di via Paolo Sarpi.

    -----------------------------

    Un lavaggio di cervello veramente pauroso!!! Nel Telegiornale di Italia 1, sono spariti i ribelli che ammazzano la gente, bruciano le macchine e derubano i negozi, vediamo sl i poliziotti in carro. Hanno tagliato tutti i clip a scapito dei secessionisti. Mentre sl 1 anno fa, la famosa vicenda di Via Sarpi, in TV c'erano sl i poliziotti "feriti" dai cinesi ribelli...

    Il Media delle bugie, lavaggio di cervello, peggiore ancora dei comunisti cinesi, siete d'accordo voi italiani?

    ----------------

    Ma i politici italiani osano i cinesi veramente? Ma chi sbrodava in TV che i cinesi mangiano bambini? Non lo avrebbe scoriggiato se ha un minimo rispetto ai cinesi.

    --------------------

    Dalai sa bene che è l'ultima possibilita' per lo secessionismo mentre approfittando gli olimpiadi. Se non vince, fallira' per sempre. Perche' i popoli tibetani cn l'apertura economica e turistica e spratutto apertura mentale si arricono e saprano meglio muovere per interessi propri cm gli italiani invece di essere strumento dei politici secessionisti. Saprano che alla fin fine le vittime sn loro e chi ottengono il potere sono sl i politici secessionisti.

    ---------------------

    In storia Tibet e' stata sempre sotto la sovranita' dell' impero celeste. sia dailai che panchan lama erano nominati dall'imperatore cinese.

    ma non voglio confondervi cn le storie, che sn sempre stupxxte dai politici cm quelle che ha fatto Il Predicatore . semplice ragionamento, antico romano aveva territorio di tutta la europa. ma oggi gli italiani possono dichiarare la sovranita' degli altri paesi europei? certo che no.

    -------------------

    Italiano è una lingua bella ricca e flessibile certo che devo migliorarlo per tutta la vita. ma NON imparerò un accento in maniera mendicante cm te per leccare i piedi ai politici razzisti di estrema destra e pregare 2 euro per lo secessionismo e guadagnare 4 gocce di lacrime alla gente strumentalizzata.

    -----------------

    Ho dato un'occhiata alla foto dell'uomo "ucciso" da fucile. Mi viene sl un dubbio che un colpo al cuore nn è che provoca sangue enorme? I monaci hanno stracciato via i sangui. Ma cm mai è in vestito strapulito? Vogliono distruggere testimonianze? sono cmplici dei comunisti? O è stato pagato un artista o un photoshoper per truffare la gente gentile?

    Fonte/i: nel video clip sono i delinquenti che picchiano tibetani buoni http://www.youtube.com/watch?v=lFY1j8qs9mk La storia tibetana http://www.youtube.com/watch?v=x9QNKB34cJo I media dei fasci che truffano http://www.youtube.com/watch?v=uSQnK5FcKas
  • 1 decennio fa

    Perche' se i soldi non puzzano , l'immensa quantita' di soldi profuma. Accettiamo i prodotti cinesi fabbricati nei campi di rieducazione o i petardi fatti dai bambini nelle scuole per comparsi i libri, i morti in miniera che per qualche ragione non sono mai piu' di 50 perche' con la Cina ci siamo scaricati le fabbriche puzzolenti, i salari da fame per avere in cambio le lucette dell'albero di natale a 1 euro al chilo.

    Quindi perche' ti scandalizzi di qualche centinaio di monaci, fai un esame di coscienza e pensa che il computer su cui stai scrivendo andrà fra qualche anno a finire laggiu' dove qualche poveraccio brucerà la scheda madre per ricavare un po' di metalli e due chili di diossine.

    Cacchio, mi sa che chi va troppo coi predicatori inizia a predicare

  • 1 decennio fa

    Anch'io ho proposto una domanda del genere e sono daccordissimo con te.. Io ho tratto le mie conclusioni.. a nessuno importa ad esempio delle torture che subiscono gli animale per la vivesezione (o le le galline negli allevamenti a terra costrette a uno spazio minimo nel quale nemmeno respirano), a nessuno importa di quelle popolazioni ancora allo stato primitivo che stanno scomparendo in centro africa e in Sud America, a nessuno importa del continuo conflitto culturale e religioso tra Eire ed Irlanda del nord, a nessuno importa di quelle centinaia di ragazzi che vivono nelle fogne di Bucarest... e sai perchè? è tutto un fatto economico..la risoluzione di questi problemi non comporterebbe nessun aumento monetario nelle tasche delle potenze mondiali... Siamo in un mondo veramente molto triste. Comunque io per protesta non guarderò le olimpiadi.. mi rifiuto.. stanno facendo una strage e il Governo cinese ritiene ridicole le parole del Dalai Lama...abbiamo veramente toccato il fondo.

  • maroc
    Lv 7
    1 decennio fa

    veramente mi pare che goda di grandi attenzioni, e comunque di alcuni suoi vicini:

    io infatti devo ancora capire perché se la cina reprime gli independentisti uighuri tutti applaudono e dicono che sono terroristi che attentano alla sicurezza delle olimpiadi...

    se invece reprime gli indipendentisti tibetani tutti a condannare la cina e a dire di boicottare le olimpiadi...

    qualcosa non torna... sarà che i tibetani non sono musulmani e gli uighuri si? o che fa più fico seguire richard gere e bjork?

    http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=Av...

    e poi quale tibet appoggiano tutti gli answerini dalla stellina pronta?

    http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=As...

    __

    beh predicatore, pure tu tutto questo amore non mi sembra che lo trasmetti tanto efficacemente... nessuno è perfetto.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Non è vero. Importa eccome. Ma la gente comune, come me, cosa può fare? Io mi sento impotente di fronte a queste sciagure fortemente volute dal potere. Vorrei gridare al mondo la mia indignazione, ma chi mi ascolta? Purtroppo devo limitarmi a lavorare per rendere migliore l'ambiente in cui vivo, facendo volontariato. Mi associo a tutti quelli che ti hanno già risposto e ti chiedo: tu cosa fai per migliorare la situazione?

  • 1 decennio fa

    il governo cinese si sta rendendo protagonista di una delle più crudeli operazioni di sterminio etnico della storia moderna. Perché non si uccide solo con le armi, ma si uccide soprattutto negando a un popolo di esprimere la sua cultura. Non è la prima volta che la Cina si rende responsabile di simili nefandezze nell'indifferenza del mondo e certo, se guardiamo la nostra storia abbiamo ben poco da insegnare ai cinesi. Ma la nostra indifferenza è dettata soprattutto dalla cultura all'indifferenza a tutto favore del mercato. C'è una reazione emotiva che dura quanto una brezza primaverile, di cui fra cinque minuti ce ne saremo già scordati, non appena scopriamo quanto sia più conveniente comprare i prodotti made in China, magari con un bel marchio italiano stampigliato sopra.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    se si parla male della cina e dei cinesi ti dicono subito che sei un razzista.

    forse perchè quel pir.la di benetton riesce a farsi fare le magliette in cina a 20 centesimi a tonnellata e poi le rivende qui a peso d'oro, quindi se parliamo male della cina e dei cinesi va a discapito degli industriali italiani che hanno trovato un bel serbatoio di schiavi a buon prezzo in cina.

    secondo me niente succede per caso e queste olimpiadi dovrebbero farci meditare.

    PS cmq adesso ho visto il video postato da rui (tibet was, is and always will be a part of china")

    mi stanno venendo molti dubbi.

    mannaggia , a me answers, invece di risolvermeli i dubbi me li fa venire!!!

    hai visto il video, predicatore?

    tu che ne dici??

  • 1 decennio fa

    E queste sono le notizie riportate dalle pagine web dei quotidiani di oggi 17/3 alle 16.30.

    Inquieto Vivere

  • 1 decennio fa

    Non importa a nessuno? Ma dove vivi?

    Oramai i giornali parlano ogni giorno del Tibet e della questione cinese!

    Si vogliono boicottare le Olimpiadi, ci sono ogni giorno nei tg immagini delle sommosse, si intervistano i monaci buddisti nelle trasmissioni trasmesse in tutto il mondo...

    Più che altro è scandaloso che la gente abbia scoperto ORA che esisteva la questione tibetana, mentre prima se ne infischiavano tutti allegramente.

    E, come per magia, non si parla più del Darfur nè della Cecenia (dove le guerre sono ancora in corso, vorrei ricordare...)

  • Un miliardo e mezzo di cinesi sono duri da affrontare persino per gli stati Uniti che si ergono sempre a paladini della giustizia nel mondo ma credo che sarebbe giusto da parte delle varie nazioni dare dei segnali anche attraverso gli ambasciatori presenti in Cina affinché quantomeno venga rispettato il principio sacrosanto dell'autodeterminazione dei popoli!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.