Mi aiutate con questo tema di pedagogia?

Salve a tutti!

mi hanno assegnato un compito di pedagogia... solo che non sono capace di svolgerlo...qualcuno può darmi una mano?

ecco la traccia:

"La letteratura pedagogica contemporantea ha ampiamente sottolineato il valore pedagogico della motivazione all'apprendimento,collegandolo anche con le capacità empatico-comunicative del docente.Analizza la questione soffermandoti sui seguenti aspetti: Nel rapporto insegnamento-apprendimento qual'è il ruolo esercitato dalla motivazione?Quali aspetti metodologico-comunicativi vanno curati dal docente per sollecitare la motivazione all'apprendimento?secondo il tuo pareremquali fattori socio-culturali influiscono maggiormente sullo sviluppo o sulla mancanza della motivazione ad apprendere?" Grazie a chi mi aiuterà

1 risposta

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Migliore risposta

    La motivazione ad imparare viene considerata “la più significativa risorsa dell’individuo nella

    società della conoscenza” (Heinrich Böll Stiftung). Una risorsa che la scuola – anche la nostra

    scuola - dovrebbe potenziare utilizzando un ampio spettro di forme di apprendimento e

    insegnamento, favorendo la cooperazione tra gli alunni, sviluppando autonomia, assunzione

    di responsabilità, senso di appartenenza sociale e solidarietà reciproca.

    Porre attenzione alla salvaguardia di questa risorsa è dunque non solo una condizione

    rilevante per lo sviluppo del curricolo, ma una funzione essenziale del curricolo stesso. La

    motivazione ad imparare è cioè, insieme, strumento e fine del processo di apprendimento.

    È necessario chiedersi criticamente e onestamente – e soprattutto chiedere agli alunni – se la

    scuola riesca sempre a rinnovare la motivazione ad imparare, ma soprattutto interrogarsi sulle

    condizioni curricolari che potrebbero migliorare questa funzione. La Fondazione “H. Böll”

    ritiene, ad esempio, che il curricolo, per avere effetti motivanti sugli alunni, dovrebbe

    rispondere a tre requisiti:

    a) essere fondato sul pieno rispetto dei requisiti psicologici dell’apprendimento, cioè

    tener conto del modo in cui bambini e giovani apprendono;

    b) essere orientato verso il futuro e offrire agli alunni risposte sul senso di ciò che

    apprendono;

    c) essere calato in un’organizzazione didattica motivante, che offra esperienze

    diversificate, pratiche e vicine al mondo reale.

    Questa proposta si fonda sulla critica al sapere enciclopedico, che la scuola generalmente

    privilegia e che la parcellizzazione del sapere in discipline accentua. La critica parte dalla

    sempre più ovvia constatazione che nessuna scuola – anche quella a tempo pieno o prolungato

    – può far acquisire agli alunni tutte le conoscenze, abilità e competenze, ma deve operare

    delle scelte radicali e precise. La contrapposizione dell’apprendimento esemplare

    all’approccio enciclopedico non è una novità degli ultimi anni, ma caratterizza la storia della

    pedagogia e della didattica. Oggi questa contrapposizione sembra puntare su una soluzione

    basata su due elementi:

    ! l’identificazione di competenze essenziali (Schlüsselkompetenzen) e

    ! la differenziazione delle modalità di apprendimento.

    vedi anche http://www.nuovapedagogia.com/nuovapedagogia.html

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.