Anonimo
Anonimo ha chiesto in Mangiare e bereBirra, vino e alcolici · 1 decennio fa

E' vero che l'assenzio manda fuori di testa?

Sarà per il fatto che è un liquore ad altissima gradazione alcolica o c'è dell'altro?

17 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Primo:

    L'assenzio non è un liquore ma un distillato.

    Secondo:

    L'assenzio non contiene oppio e tantomeno si consuma aggiungendone... in particolare si dice che venisse addizionato di laudano che è una tintura di oppio e erbe aromatiche... comunque non è vero (se poi la vostra cultura sull'argomento si basa sulla visione di un film siamo apposto)

    Terzo:

    L'assenzio contiene tujone (derivato soprattutto dall'artemisia absinthium) che di per se è un veleno e potrebbe quindi in dosi giuste provocare quello che tu chiami "manda fuori di testa"... bisogna però precisare che le dosi sono seplicemente stratosferiche moriresti molto prima per effetto dell'alcol...

    Conclusione:

    L'assenzio "manda fuori di testa" perchè contiene alcol e di norma ne contiene molto di più di un normale superalcolico (vai ben oltre i 50 gradi di un amaro forte... prima di me cè gente che parlava di 60-70 gradi ed è corretto: il buon assenzio deve avere parecchio grado)

    il resto è solo leggenda o disinformazione (e invito a chi scrive cazzate a riguardo di informarsi bene... anche per quanto riguarda il processo di distillazione e soprattutto la parte iniziale nella quale viene in gergo "tagliata la testa"; perchè è qui che si perde praticamente tutto il principio attivo... poi se volete morire inotossicati di etanolo/acetaldeide per un pò di tujone in più fate pure)!

    Fonte/i: documantandomi sul web ho trovato pure una pagina dedicata su wikipedia http://it.wikipedia.org/wiki/Assenzio l'assenzio non è illegale in europa... In Francia lo vendono tranquillamente per esempio... la coltivazione della pianta (Artemisia absinthium) è legale...
  • 1 decennio fa

    Guacamole ha già detto tutto e correttamente...

    aggiungo che l'assenzio è legale anche da noi, la normativa europea permette un contenuto di tujone fino a 10mg/l (bazzecole rispetto a quello di inizio secolo) ma abbastanza se sommato all'alta gradazione e se ne bevete tanto sopratutto se non abituati a farvi cosi' dire dirar la testa.

    l'assenzio che vendono a Praga è il peggiore, colorato artificialmente, alcuni senza neanche il gusto di anice, e orrore degli orrori più che distillati sono ottenuti per macerazione.. diciamo chi di voi non ha mai visto un'assenzio con un rametto dentro, o depositi sul fondo della bottiglia? ecco quelli anche se ve li spacciano per migliori sono il peggio del peggio

  • Anonimo
    1 decennio fa

    esatto, perchè è un alcolico ad altissima gradazione: 70 gradi!

  • trudel
    Lv 4
    4 anni fa

    allora io ho bevuto falso assenzio. bleah che schifo che faceva... invece l'altro giorno ho provato una cosa in una bottiglietta piccola piccola con delle scritte pseudo cinesi o non so che (non stavo troppo bene) e sapeva di sanbuca...ma versione fortissima, tipo da contorcerti l'intestino con qualche goccia... voi che siete ubriaconi sapete cos'è? .... il saké non sa di sambuca...oddio forse non era cinese ma russo...o greco insomma non il nostro alfabeto!

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    vedi tu di media e su i 60/70 gradi.....non cè niente di piu' sul liquore...sul resto è un'altra storia

  • 1 decennio fa

    ha ragione maetror... (non leggo il resto :P) giusto nel 1800 visto che ora come ora trovi solo il superalcolico , che comunque tranquilli arriva pure a 90° quello nero, ma la componente allucinogena è stata resa illegale da quel dì... quindi niente più fatina verde

  • 1 decennio fa

    L'assenzio ed i Poeti Maledetti

    L’assenzio era il liquore prediletto dei poeti maledetti; Baudelaire e Verlaine probabilmente scrissero le loro le poesie piu’ belle sotto i fumi del suo alcol. Ma l’assenzio non era solo una tremenda bevanda alcolica (ben 73 gradi ) ; era soprattutto una via per accorciare la vita. L’assenzio infatti contiene un alcaloide tossico capace di suscitare stati di allucinazione così carì a questi poeti, ma anche crisi epilettiche e cirrosi epatica. Per la sua pericolosita’ nel 1914 lo stato francese proibi’ la vendita dell’assenzio considerato una vera e propria arma suicida. dopo 87 anni la citta’di Annecy ha annunciato la messa in commercio del nuovo assenzio, rivisto e corretto, visto che i suoi gradi alcolici sono "solo" 42 e che soprattutto è stato eliminato l’alcaloide tossico.

    Un liquore come tanti dunque, di pura derivazione vegetale come appunto il genepy o il rhum.

    L’erba dalla quale deriva l’assenzio è l’artemisia absinthium; è una pianta molto diffusa in Francia ove adesso è di nuovo coltivata prevedendo con il nuovo assenzio un grande successo commerciale. In Italia invece è presente l’artemisia simplex ampiamente diffusa in Toscana. La trovate lungo i fiumi e i fossi (le rive dell’Arno ne sono piene) e si riconosce facilmente dall’intenso odore di crisantemo che le sue foglie emanano una volta stropicciate.

    Fonte/i: ricordandomi il particolare dei poeti maledetti, ho fatto una ricerca su internet. questo è quello che ho trovato.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Non è la gradazione alcolica, l' assenzio si beve diluito con acqua gelata e leggermente zuccherato. Il problema dell'arthemisia vulgaris , il nome dell' assenzio è alcaloide contenuto che agisce sul sistema nervoso centrale. L' abuso della bevanda provoca allucinazioni e visioni proprio come , un allucinogeno. L' assenzio venduto oggi (in Francia in Italia non l' ho mai visto) è sicuro, l' Unione Europea ha stabilito i livelli di principio attivo ben al di sotto dei limiti di sicurezza.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    si che manda fuoi di testa!!!

    ma non quello che bevi ora nei pub!!!!

    quello vero è illegale!!!!!!! :-(

  • 1 decennio fa

    si,ma nel 1800....

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.