promotion image of download ymail app
Promoted
8Vale8 ha chiesto in SaluteSalute - Altro · 1 decennio fa

bardana: cosa mi sapete dire su questa pianta e sui suoi usi??

4 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    La Bardana è una pianta annoverata tra le piante che aiutano a drenare, soprattutto a livello cutaneo, in virtù della sua attività globale sull'organismo ma anche elettiva su un tessuto, quale quello cutaneo, il cui funzionamento difettoso ostacola l'eliminazione delle tossine prodotte dall'organismo.

    Nome comune: Bardana

    Francese: Bardane

    Inglese: Burdock

    Famiglia: Asteraceae

    Parte utilizzata: radice, foglie

    Costituenti principali:

    > 50% inulina (attività diuretica}

    tracce di olio essenziale

    composti polinsaturi, polieni e polienine (acido arctico, arctinoni, arctinoli, lappafeni...)

    polifenoli (acido caffeico, acido clorogenico)

    acido Y-guanidino-n-buHrrico (azione ipoglìcemizzante)

    mucillagini

    nella foglia: arctiopicrina, lattone sesquiterpenico

    Attività principali: depurativa, antisettica, ipoglìcemizzante, coleretica, antireumatica

    Impiego terapeutico: dermatosi (acne, eczema, crosta lattea ecc.), esantemi (morbillo, rosolia), iperglicemia e diabete tipo II (tp. sostegno), forme reumatiche

    La pelle è un vero e proprio organo che, data la sua estensione, riveste una importanza notevole nell'economia dell'organismo. Le malattie che la colpiscono non sono sempre dipendenti da cause locali.

    Spesso dipendono da cause generali, come disturbi del ricambio, del sistema nervoso ecc., ma anche quando le cause sono locali, e agiscono esternamente determinando ferite, ulcerazioni ecc., non sono da trascurarsi, in quanto la cute con la sua ricchezza di vasi, terminazioni nervose e ghiandole fa sì che si possano avere ripercussioni assai lontane dalla sede di lesione.

    Per combattere i disordini biologici e metabolici che accompagnano certe affezioni cutanee, esistono alcune piante, fra le quali appunto la Bardana, le quali possiedono proprietà diuretiche, diaforetiche e colagoghe tali da giustificare in pieno la loro fama di piante depurative atte al drenaggio (particolare metodo di depurazione dell'organismo attuato tramite la somministrazione di piante opportunamente scelte dal medico).

    La tecnica del drenaggio permette, infatti, l'eliminazione delle tossine da parte dell'organismo, attraverso quelli che possono essere considerati gli emuntori naturali: fegato, reni, intestino, pelle, il risultato di un buon drenaggio consiste in un blando potenziamento dell'attività epatica, della secrezione biliare, della diuresi, del transito intestinale e in una accresciuta attività della secrezione delle ghiandole sudoripare e nella regolazione della secrezione sebacea.

    Da sempre conosciuta come potente depurativo, deve le sue proprietà al fatto di essere un buon diuretico, ed un valido stimolatore della funzionalità biliare ed epatica, attività alle quali affianca un'interessante azione ipoglicemizzante, ipocolesterolemizzante ed antibiotica.

    La radice fresca della pianta contiene infatti alcuni principi dotati di attività antibiotica. Grazie quindi all'insieme di queste attività risulta essere particolarmente valida nel trattamento delle forme cutanee quale acne, eczema, seborrea ecc.

    Trattamenti orali con preparazioni ottenute da pianta fresca, come la Tintura Madre, risultano essere particolarmente efficaci nella cura di acne e foruncolosi: alla terapia interna può essere affiancato un trattamento esterno mediante lavaggi, impacchi, creme e lozioni.

    L'impiego cosmetico è destinato a pelli grasse, asfittiche, con punti neri e predisposte all'acne o alla seborrea. Decotti di Bardana possono essere utilizzati per prevenire foruncoli e pustole di acne su pelli grasse, mentre può essere utilizzato il succo delle foglie fresche per frizioni al cuoio capelluto grasso, o l'olio (estratto in olio di oliva o semi di arachidi) contro la forfora.

    Fra le applicazioni terapeutiche particolari, attribuite da sempre alla Bardana, si annovera, infatti, l'uso delle radici per favorire la crescita dei capelli.

    L'abate Kneipp, che ne fu strenuo sostenitore, annotò, in base alle molte esperienze personali accumulate, che se il bulbo non era morto grazie all'uso del decotto di radice, con il quale si dovevano eseguire frizioni a livello del cuoio capelluto per tre-cinque volte alla settimana, si poteva ottenere l'accrescimento dei capelli.

    La Bardana ha proprietà antiseborroico nei casi di forte secrezione sebacea del cuoio capelluto, il che ne giustifica la presenza in molti cosmetici per capelli.

    Tossicità ed effetti secondari

    La letteratura non segnala effetti secondari e tossici alle dosi terapeutiche, a meno che non vi sia una particolare sensibilità individuale. Occorre verificare che non vi sia allergia alle Asteraceae.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 6 anni fa

    Qua trovi ulteriori info:

    http://www.mr-loto.it/bardana.html

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    La bardana è una pianta medicinale. Ho trovato questo su internet se ti può essere utile:

    Nomi comune: cappellaccio, causarazzi, cima de rani, cuoppo, dapazza, erba porcina, gardalan, gratacuel, ingaizzi, lambazze, repese, zecchitella.

    Habitat: cresce prevalentemente nei prati e negli incolti al di sotto dei 1500 metri di altezza.

    Parti usate: le radici le foglie e i semi.

    Raccolta: le radici vanno raccolte solo su piante che hanno un anno d'eta, prevalentemente in autunno. Le foglie si raccolgono nel periodo estivo, mentre i semi in autunno.

    Conservazione: per la conservazione delle radicisi tagliano a rondelle e si fanno essiccare al sole, mentre per le foglie è opportuno farle essiccare al ombra per evitare la perdita di principi attivi (assicurarsi di asportare il picciolo dalle foglie). I semi dopo l'essiccazione vanno conservati in sacchetti di carta.

    Proprietà: la radice è diuretica, diaforetica e depurativa. Le foglie sono antipruriginose, antisettiche e cicatrizzanti,; mentre i semi sono purgativi.

    Uso: Interno: Infusi o decotto della radice , infuso di dei semi . Fare dei cataplasmi con le foglie intinte nel latte.

    Note: molto efficace contro l'acne fare dei decotti della radice 100 grammi in un litro d'acqua. Con il succo delle foglie fare delle frizioni al cuoio capelluto per evitare la caduta dei capelli.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    ciao,

    dai un'occhiata qua:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Bardana

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.