Roby ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 1 decennio fa

Vi è mai capitato di aver paura della felicità?

Ci si trova in una situazione ottimale, a livelo sentimentale, ma c'è quell'idea che tarla la mente: la paura che qualcosa possa rovinare questo essere felice...

e piano piano riesce a sgretolare l'aura di benessere che ci si crea intorno...

Possibile che si riesca ad aver paura di essere felici?

Possibile che ci si fascia la testa prima di sbatterla e non si riesca a godere appieno delle gioie (anche se magari temporanee) di cio che si ha?

Perchè questo?

Vi è mai capitato?

16 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Migliore risposta

    a me mi capita spessissimo, sono cosi rare le volte in cui mi sento veramente felice che finisco per rovinare tutto per paura di perdere quella felicità...è vero si ha paura di perdere la felicità, perchè forse è una cosa talmente bella che ci sembra di non meritarla...

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Lalli
    Lv 7
    1 decennio fa

    non è paura della felicità, ma paura di perderla

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    No, per fortuna no! Riesco a godermi i miei momenti felici senza alcuna paura.. spero che anche tu possa provare questa stupenda sensazione.

    Nn complichiamoci la vita con paure inutili. Che dici?

    Un bacione :-)

    p.s credo che tutti, chi più chi meno, abbiano avuto delle delusioni-sofferenze ed è proprio per questo che bisogna rispondere alla vita con entusiamo ed ottimismo, perchè farsi buttare giù? Sorridete alla vita e tutto sarà più bello!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Troppo fugace per averne paura, e' uno stato d'animo che ti inebria come una sbornia, voglia di correre, adrenalina che scorre, energia che penetra da tutti pori, cuore che sbatte, stomaco che si chiude. Se non fosse una sensazione fuggevole si potrebbe anche morire di felicità..

    fortunatamente la natura ci ha dotato di un dosatore, ci dà felicità centellinata, poca alla volta, da godere appieno ogni qualvolta se ne presenta l'occasione.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    sìsì! certo

    ma questo dipende dal fatto ke noi tutti siamo consapevoli che prima o poi tutto finisce e quindi pensiamo già al dopo,senza goderci la realtà,il presente,quello ke stiamo vivendo! (Leopardi)

    pertanto il mio consiglio è pensare al presente e assaporare ogni attimo della nostra vita,davvero come se dovesse essere l'ultimo!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    SI...MI CAPITA SPESSO!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    a me è capitato,era una storia troppo bella per me..

    e allora ho iniziato a avere paura che non fosse adatta a me e lì per lì ci ho anche creduto..

    così iniziano le paranoie che tutto possa finire..

    non vivere una cosa perchè è troppo bella..

    e proprio così si rovinano le cose belle.. chi vorrebbe stare accanto ad una persona piena di paure?

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Si a me capita...Credo che sia nella natura dell'uomo essere così.

    Hai mai visto Matrix? La parte in cui il cattivo dice al buono che "Vi avevamo programmato un mondo senza male,senza malattie nè guerre, ma l'uomo impazziva perchè non può vivere senza soffrire!"

    Ciao

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Si mi è capitato..

    Stavo con un ragazzo lo amavo da morire e lui amava me, a scuola tutto andava bene frequentavo gli ultimi anni delle superioru e avevo voti molto buoni.

    è proprio in quel periodo che ho cominciato ad avere paura della morte.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    purtroppo sì... dopo che una persona ti ha fatto del male, ti ha illuso/a, ha distrutto le tue aspettative, penso sia difficile godere anche degli attimi più belli... a mio avviso (ora che ho più esperienza) è bene vivere esclusivamente per il presente, altrimenti ci si condiziona, in bene e in male... in bene perchè magari ci si illude, in male perchè, pensando al dolore che si è sofferto, non ci si riesce più a fidare, e quindi non si riesce a credere che la felicità che si provi sia autentica

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.