Max ha chiesto in Casa e giardinoCasa e giardino - Altro · 1 decennio fa

domotica, automazione della casa?

ciao a tutti ki di voi mi sa dare delle info sulla progettazione e per iniziare della stesura dei tubi corugati della casa che mi sto tirando su? io vorrei installare un impianto domotico ellettrico ma ho bisogno di qlk dritte e chiarimenti su tale sistema ........ ho letto che si potranno fare cose impensabili con l' ausilio di un pc e internet etc etc... grazie mille a tutti voi

Aggiornamento:

scusate la mia curiosità, ma se non ho mal capito io dovrei predisporre le cassette 503 degli interruttori e delle prese nei posti a me più congeniali e queste faranno capo ad una centralina computerizzata che riceverà il comando dell'interruttore e mi acenderà la lampadina? così nn dovrei mettere le scatole di derivazione??? ho capito bene?

3 risposte

Classificazione
  • Akili
    Lv 6
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Se vuoi predisporre la casa per l'installazione di un impianto domotico futuro devi (se ti è possibile) stendere dei prodotti (tipo Bocchiotti che produce canale etc...) isolate rispetto all'impianto elettrico, magari stendere un doppio circuito di cavi belden per la rete.....comunque sfruttando il Wifi e la trasmissione dati sugli impianti elettrici (come già sta sperimentando qualche gestore di energia elettrica) puoi ottenere dei validi risultati....

  • 1 decennio fa

    Intanto compra Win Digital home.......tratta tutto quello che riguarda la domotica....hai letto male perchè non si potranno fare.......già si fanno. Bticino vai sul sicuro...ma devi avere le idee chiare prima della stesura dei corrugati....ad esempio...con la domotica..non avrai 220volts sugli interruttori passerranno cavi più piccoli....sarà la centralina ad inviare i 220volts alle lampadine....

  • Anonimo
    1 decennio fa

    La domotica, detta anche (seguendo la definizione inglese) home automation, è la disciplina che si occupa di studiare le tecnologie atte a migliorare la qualità della vita nella casa (e più in generale negli ambienti antropizzati) grazie all'automazione ed il controllo di processi ripetitivi oppure poco performanti e all'integrazione dei sistemi. Il termine "domotica" è difatti un neologismo derivante dalla contrazione della parola latina domus (casa, abitazione) unita al sostantivo "automatica" (o, secondo alcuni, ad "informatica" o a "robotica"), quindi significa "scienza dell'automazione delle abitazioni". Ha dunque come oggetto di studio privilegiato proprio l'automazione della casa. Tutto ciò si ottiene utilizzando intensamente elettronica ed informatica.

    Questa disciplina è nata nel corso della terza rivoluzione industriale.

    La domotica deve studiare, trovare strumenti e strategie per:

    migliorare la qualità della vita;

    migliorare la sicurezza sotto tutti i punti di vista;

    risparmiare energia;

    semplificare la progettazione, l'installazione, la manutenzione e l'utilizzo della tecnologia;

    ridurre i costi di gestione;

    convertire i vecchi ambienti e i vecchi impianti.

    La domotica svolge un ruolo importante nel rendere intelligenti apparecchiature, impianti e sistemi. Ad esempio un impianto elettrico intelligente può autoregolare l'accensione degli elettrodomestici per non superare la soglia che farebbe scattare il contatore.

    Con "casa intelligente" si indica un ambiente domestico opportunamente progettato e tecnologicamente attrezzato al fine di rendere più agevoli le attività all'interno dell'abitazione (quali accensione luci, attivazione e comando elettrodomestici, gestione climatizzazione, apertura di porte e finestre, ecc.) di aumentarne la sicurezza (controllo anti-intrusione, fughe di gas, incendi, allagamenti, ecc.) e di consentire la connessione a distanza con servizi di assistenza (tele-soccorso, tele-assistenza, tele-monitoraggio, ecc.).

    Ad un livello superiore si parla di "building automation" o "automazione degli edifici". L'edificio intelligente, con il supporto delle nuove tecnologie, permette la gestione coordinata, integrata e computerizzata degli impianti tecnologici (climatizzazione, distribuzione acqua, gas ed energia, impianti di sicurezza), delle reti informatiche e delle reti di comunicazione, allo scopo di migliorare la flessibilità di gestione, il comfort, la sicurezza, il risparmio energetico degli immobili e per migliorare la qualità dell'abitare e del lavorare all'interno degli edifici.

    Il concetto di casa intelligente

    Con l'espressione "casa intelligente" si definisce l'integrazione di diversi dispositivi per il controllo automatizzato di apparati domestici, di sensori di misurazione dello stato dell'ambiente, di funzioni intelligenti di supporto e di sistemi telecomunicativi per l'accesso alle funzioni da remoto o per l'assistenza a distanza.

    Un'abitazione così integrata può essere controllata dall'utilizzatore tramite opportune interfacce utente (come pulsanti, telecomando, touch screen, tastiere, riconoscimento vocale), che realizzano il contatto (invio di comandi e ricezione informazioni) con il sistema intelligente di controllo, basato su un'unità computerizzata centrale oppure basato su un sistema a intelligenza distribuita. I diversi componenti del sistema di home automation sono connessi tra di loro e con il sistema di controllo tramite vari tipi di interconnessione (ad esempio rete locale, onde convogliate, onde radio, BUS dedicato, ecc.).

    Il sistema di controllo centralizzato, oppure l'insieme delle periferiche in un sistema ad intelligenza distribuita, provvede a svolgere i comandi impartiti dall'utente (ad esempio accensione luce cucina oppure apertura tapparella sala), a monitorare continuamente i parametri ambientali (come allagamento oppure presenza di gas), a gestire in maniera autonoma alcune regolazioni (ad esempio temperatura) e a generare eventuali segnalazioni all'utente o ai servizi di teleassistenza. I sistemi di automazione sono di solito predisposti affinché ogniqualvolta venga azionato un comando, all'utente ne giunga comunicazione attraverso un segnale visivo di avviso/conferma dell'operazione effettuata (ad esempio LED colorati negli interruttori, cambiamenti nella grafica del touch screen) oppure, nei casi di sistemi per disabili, con altri tipi di segnalazione (ad esempio sonora).

    Un sistema domotico si completa, di solito, attraverso uno o più sistemi di comunicazione con il mondo esterno (ad esempio messaggi telefonici preregistrati, SMS, generazione automatica di pagine web o e-mail) per permetterne il controllo e la visualizzazione dello stato anche da remoto. Sistemi comunicativi di questo tipo, chiamati gateway o residential gateway svolgono la funzione di avanzati router, permettono la connessione di tutta la rete domestica al mondo esterno, e quindi alle reti di pubblico dominio.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.