Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 1 decennio fa

I religiosi sono tutti schiavi?

Ho deciso di porre domande su tutto quello che leggo su answer, per vedere com'è l'opinione generale delle persone.

Questa è la prima.

I religiosi sono tutti schiavi?

oppure, come credo io, esercitano la loro libertà di pensiero e si identificano in una religione?

saluti.

Aggiornamento:

c'è chi crede ma non si cura della chiesa a cui formalmente appartiene. Una piccola percentuale, purtroppo. Alcuni invece sono semplicemente succubi. E questi sono un po' di più.

e io che non sono nè l'uno nè l'altro?

Io credo nella Chiesa, una, santa, cattolica e apostolica,

ma non sono succube.

Dunque?

Aggiornamento 2:

NON METTO POLLICI VERSI, per la cronaca.

Aggiornamento 3:

ANTI

si, ok, ma la risposta?

Aggiornamento 4:

PER TUTTI

non capisco perchè io parlo di religiosi e voi di cattolici.

Ma comunque, va ebne, parliamo di cattolici.

I cattolici (cioè chi segue la Chiesa), sono tutti schiavi?

Aggiornamento 5:

ANTI

condivido, ma non rispondi alla domanda :-)

Aggiornamento 6:

INSANE

ieri ho postato questa domanda:

http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=Au...

Ti chiedo di leggerla, e di vedere se risponde a ciò che dici.

saluti.

Aggiornamento 7:

PIMPI

Nessuno mi costringe ad essere Cattolico.

E penso che chi sceglie di esserlo ritenga che seguire un buon esempio sia una cosa intelligente.

Sono queste le conclusioni che traggo.

Nessuno mi obbliga ad esserlo, ma scelgo di seguire un esempio che ritengo degno di essere seguito.

Trai tu le conclusioni.

Aggiornamento 8:

ALEX

non è uno schiaffo morale, è il pensiero comune: si pensa che i Cattolici siano tutti minorati mentali.

Qui, mio caro, sta l'errore.

saluti.

Aggiornamento 9:

ti abbraccio anch'io :-)

23 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Anche no, secondo me... c'è chi crede ma non si cura della chiesa a cui formalmente appartiene. Una piccola percentuale, purtroppo. Alcuni invece sono semplicemente succubi. E questi sono un po' di più.

    ---

    Non sei schiavo, quantomeno. Però dovresti aprire un po' più gli occhi e guardarti attorno... appartenere ad una religione o credere ciecamente in qualcosa non significa essere libero al 100%

    Fonte/i: Basta guardarsi attorno.
  • 1 decennio fa

    Il termine "religione" viene da "religio".

    L'etimologia di questo ultimo termine pare provenga -secondo Lattanzio e S.Agostino -dalla parola "religare" ossia "legare", "vincolare"

    In tale accezione, un religiosus è un individuo legato alla divinità; quindi -in un certo senso -essendo legato, si potrebbe pensare che non sia libero. Non essendo libero, sarebbe alla stessa stregua di uno schiavo.

    Ma se vuoi, puoi far derivare il termine "religio" da "relegere" come pensava Cicerone, ossia "rileggere"; in tale senso, si pensava che il cosmo e gli eventi della natura dovessero essere "rieletti" in chiave divina,e non fisica.

    Esistono altre interpretazioni, ma sono meno considerevoli secondo me.

    Scegli tu la definizione che più ti aggrada.

    saluti.

  • 1 decennio fa

    no schiavi no, la libertà di pensiero è insita nel poter scegliere.. sognatori direi, nel senso positivo del termine, si addice di più :)

  • Pimpi
    Lv 6
    1 decennio fa

    I cattolici, per stessa definizione del Magistero, sono sudditi delle gerarchie ecclesiastiche che sono organizzate in maniera piramidale.

    In più la Bibbia descrive i credenti come "servi del signore".

    1 Dopo la morte di Mosè , servo del Signore, il Signore disse a Giosuè , figlio di Nun, servo di Mosè.

    Gesù stesso non era un convinto assertore della libertà:

    Disse, secondo le fonti confessionali, di chi non si sottomette a lui per bocca di un ipotetico re: “Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nel buio; ivi vi sarà pianto e stridor di denti. Poiché molti sono i chiamati ma pochi gli eletti.” Matteo 22, 13-14

    Pochi eletti, servi del signore e del vicariato in terra.

    Trai tu le dovute conclusioni.

    Saluti

    Simo: niente da ridire. Le scelte sono tutte legittime. Ma è alquanto insensato considerarsi liberi quando si è scelta una dottrina che considera gli adepti sudditi e servi.

    A questo punto cosa vince: la voglia di libertà individuale o la cieca obbedienza?

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • rispondo x me..no non mi sento schiava, ciao!

  • 1 decennio fa

    Schiavitù è costrizione.

    Quindi è schiavo chi è costretto.

    E' schiavo il bambino costretto a seguire le scelte dei genitori e quello costretto a lavorare, è schiavo il malato costretto a letto dalla malattia, è schiavo il carcerato ed è schiavo il soldato che se non ubbidisce viene punito o ucciso.

    Poi c'è un'altra schiavitù molto più sottile: la schiavitù dell'ignoranza, nella quale per molti secoli si è stati costretti a seguire i precetti per paura di finire all'inferno.

    Tutto ciò che nasce da una libera scelta non è schiavitù.

    E si può scegliere di credere o di non credere.

    Io ho scelto di non credere, non ne ho bisogno. So che Dio c'è e mi basta così.

  • marte
    Lv 6
    1 decennio fa

    Libertà e schiavitù si esercitano anche di fronte ad un vasetto di nutella.

    Si può essere liberi sempre o schiavi anche della cioccolata.

    Servi si nasce.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    la loro è la suprema libertà

  • Anonimo
    1 decennio fa

    ..è come domandarsi se chi si identifica in un partito politico è schiavo del partito, oppure non fa altro che esercitare la sua libertà. La religione non costringe, invita. Non fa altro che proporsi, non cattura. Non è un vincolo che schiavizza e che può rendere succubi, per cui è un argomento e una disquisizione molto in voga, ma che non ha senso di essere posta, perchè ogni religione sensata non cerca schiavi, ma seguaci pensanti. Non pecore senza cervello ma uomini, consci di quel che stanno facendo. Che poi ci sia chi segue acriticamente, questo è un altro discorso, ma non va applicato unicamente all'ambito religioso.

  • .
    Lv 6
    1 decennio fa

    io amo Dio.

    sono cattolica.

    e mi sento libera solo quando Lo lascio entrare.. spalanca le porte, butta tutto sottosopra, ma mi libera dai pesi che appesantiscono il mio cammino..

    e più vado avanti, più mi rendo conto di quanto poca libertà avessi prima..

    buona serata :)

    fabi

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.