Anonimo
Anonimo ha chiesto in Mangiare e bereVegetariani e vegani · 1 decennio fa

Essere vegetariani ha meno impatto ambientale dell'essere carnivori: vero o falso?

Sprecatevi!

Aggiornamento:

Vaniglia... Allora il ragionamento con le piante non l'ho capito, le piante non sentono dolore e paura come gli animali che vengono invece uccisi in modo orribile, veramente atroce...

Poi l'uomo è nato per poter scegliere, è onnivoro proprio perchè può mangiare tutto ma può scegliere chi o cosa mangiare... Se uno decide di non mangiare carne, può farlo, no?

Poi io sono vegetariani, e mi prodigo abbastanza per bambini e ambiente in generale. Chi è vegetariano di solito si preoccupa anche di ciò che gli sta intorno, non credi? un bacio

Aggiornamento 2:

Ahhh Vaniglia grazie del chiarimento, pensavo intendessi la solita storia del tipo "Voi vegetariani non dovreste mangiare neppure i vegetali perchè anche loro soffrono"... Grazie mille del chiarimento! Un bacione

18 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Ovvio...

    e aggiungo anche che SO BENE che la tua domanda è una domanda retorica... e che sai già benissimo la risposta...

    (ma la scrivo per coloro, mi auguro pochi, che ancora hanno dei dubbi...)

    http://www.alimentazionesostenibile.org/ebasta/dat...

    *

    http://www.riflessioni.it/salute_alimentazione_nat...

    "... Dai numerosi studi scientifici effettuati sulle diverse diete alimentari risulta evidente che lo stile di alimentazione moderno, basato su un ampio consumo di prodotti di origine animale, è quello che produce il maggior impatto sulla salute individuale e su quella del pianeta, mentre un'alimentazione basata su prodotti vegetali e di origine biologica ha il minor impatto sull’ambiente e anche è la più salutare per l’organismo umano...."

    *

    http://www.alimentazionesostenibile.org/

    "...ci vuole un chilo di proteine vegetali per avere 60 grammi di proteine animali. Non solo: "per produrre una bistecca che fornisce 500 calorie", spiegano gli autori di Assalto al pianeta ..., "il manzo deve ricavare 5 mila calorie. Il che vuol dire mangiare una quantità d'erba che ne contenga 50 mila. Solo un centesimo di quest'energia arriva al nostro organismo: il 99% viene dissipata"

    *

    http://www.scienzavegetariana.it/risorse/report_im...

    "..Sia la dieta vegan, sia una dieta vegetariana attenta ai prodotti biologici, sono in linea con i principi dello sviluppo sostenibile nel senso che:

    • rispondono alle necessità del presente, senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare le proprie;

    • si mantengono entro i limiti della capacità di carico degli ecosistemi dai quali essa dipendono...."

    *

    x Konrad (...e altri):

    "...Dipende, la domanda è ...generica....prendi la coltivazione intensiva della soia, ...Ogm,...se la paragoni con un allevamento a terra in cortile..."

    ...Scusa, Konrad, ma non ho ben capito la tua risposta....

    http://www.agireora.org/info/news_dett.php?id=256

    "...quasi tutta la soia GM prodotta nel mondo serve come mangime per gli animali, non certo per il consumo umano. Il 90% degli OGM che vengono importati in Europa (soprattutto soia) vanno a finire nei mangimi per animali e nella produzione di oli e amidi. (ARPA2002)

    Soia, mais e colza costituiscono, insieme al cotone, il 98% circa delle coltivazioni OGM nel mondo [ISAA2003] e il loro maggiore utilizzo avviene sotto forma di mangimi destinati a pollame, suini, bovini, pesci. Basti pensare che il 78% del mais usato in Europa (importato o di produzione locale che sia) e' destinato non al consumo umano, ma ai mangimi per animali [FAO2001]. L'Italia produce pochissima soia, meno del 10% del fabbisogno nazionale [ARPA2002]. Il resto, e' importato, soprattutto da USA e Sud America. Nella stessa situazione si trova l'Europa intera: il fabbisogno di soia dell'Europa e' pari a 20 volte la quantita' che viene coltivata nell'Europa stessa. L'UE ha importato nel 2001 circa 16 milioni di tonnellate di soia, soprattutto da USA, Argentina e Brasile, paesi in cui una percentuale significativa della soia prodotta e' la Roundup Ready della Monsanto. [DEN2003]

    E' anche importante considerare il fattore "quantita'": gli animali mangiano una quantita' di vegetali molto maggiore di quanta ne consumino gli umani. Per un chilo di carne bovina sono necessari almeno 15 kg di alimenti vegetali! [FAB2001]

    Punto due: e l'impatto ambientale del consumo di alimenti animali, dove lo mettiamo? ..."

    http://www.agireora.org/info/news_dett.php?id=288

    "...

    Da aprile 2004 esiste l'obbligo di etichettatura sia per cibi destinati all'alimentazione umana sia per i mangimi animali, ma NON esiste l'obbligo di dichiarare che gli animali stessi sono stati nutriti con gli OGM. [MIT2004]

    Eppure gli OGM usati nel consumo umano sono una quantita' irrisoria rispetto a quelli usati per il consumo animale: il 90% degli OGM che vengono importati in Europa (soprattutto soia) vanno a finire nei mangimi per animali e nella produzione di oli e amidi. [ARPA2002]

    Soia, mais e colza costituiscono, insieme al cotone, il 98% circa delle coltivazioni OGM nel mondo [ISAA2003] e il loro maggiore utilizzo avviene sotto forma di mangimi destinati a pollame, suini, bovini, pesci. Basti pensare che il 78% del mais usato in Europa (importato o di produzione locale che sia) e' destinato non al consumo umano, ma ai mangimi per animali [FAO2001].

    Per la precisione, nel 2002, la superficie mondiale coltivata con piante GM era di circa 59 milioni di ettari, situata soprattutto in USA (66% della superficie totale OGM), Argentina (23%), Canada (6%) e Cina (4%). In Europa, esiste solo una piccola produzione commerciale di OGM. I vegetali GM coltivati sono per lo piu' soia (37 milioni di ettari, il 62% del totale), mais (12 milioni di ettari, 20% del totale,.."

  • 1 decennio fa

    Per allevare il complesso bovino mondiale, composto da quasi un miliardo e mezzo di capi, ci vogliono pascoli sempre più ampi: ma dove li impiantiamo, visto che la superficie di terre emerse è sempre quella e che, anzi, la terra migliore, quella più fertile e più vicina alle fonti d'acqua, è già virtualmente esaurita?

    Pervicacemente si sottraggono territori sempre più ampi alle foreste tropicali e pluviali, che però reggono uno sfruttamento industriale solo per cinque o sei anni, dopo di che non sono più fertili e dunque spingono a disboscare nuove terre. La carne sottrae foresta al mondo, visto che per ottenerne 1 kg ce ne vogliono 9 di mangimi: gli animali di allevamento non consumano liberamente erba come si crede, ma vengono «finiti» (come si dice) a cereali.

    E a chi verrano sottratti quei cereali, se non ad altri uomini, che per questo patiranno la fame?

    Un manzo di allevamento di 500 kg ha consumato 1200 kg di granaglie, come a dire che, solo negli Usa, 157 milioni di vegetali, che potrebbero essere consumati dagli uomini, finiscono invece a produrre 28 milioni di tonnellate di carne.

    E per allevare un manzo ci vuole tanta acqua quanto quella che serve a far galleggiare un incrociatore. Ha un senso tutto questo in un pianeta in cui sono milioni coloro che non hanno il mais per sopravvivere, mentre altri si devono mettere a dieta per ridurre i rischi del consumo di carne?

    Desertificazione, disboscamenti, sprechi d’acqua, alterazioni degli ecosistemi, inquinamento delle falde, incremento dei gas serra sono questi i veri motivi per cui dovremmo ridurre il consumo di carne. Ma mettere in conto i danni ambientali della bistecca è un tabù che nessuno si sogna di discutere seriamente.

    MARIO TOZZI

    www.lastampa.it

  • vero secondo me..per avere 1k di carne ce ne vogliono parecchi di vegetali ...

    quindi: 1kg di carne= 7 kg di cereali+ CO2+metano [beh,..non è che fanno le puzette che sanno di rose!e gli escrementi ne rilasciano parecchio]+inquinamento delle false acquifere+ spazio rubato alle foreste]..non so per te ma per me..i conti non tornano ;-)

  • 1 decennio fa

    verissimo,noi abbiamo un impatto ambientale molto inferiore,a parità di risorse si può sfamare 1 onnivoro oppure 20 vegani..vedi tu!!!!

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Gea
    Lv 6
    1 decennio fa

    VERISSIMO.

  • 1 decennio fa

    Domanda retorica: VERO!

    Anche se non sono vegetariano concordo sul fatto che, soprattutto nei paesi occidentali, il consumo di carni è smisurato.

    Questo, oltre ad avere effetti negativi sulla salute, comporta un dispendio di risorse nutritive nettamente superiore a quello di una dieta basata sui vegetali.

    Qualunque fonte di informazione un minimo attendibile lo conferma.

    (Simo rimango della mia idea che una bistecchina ogni tanto fa bene)

  • 1 decennio fa

    E' vero. Ovvio che noi vegetariani siamo troppo pochi per diminuire sostanzialmente l'impatto degli esseri umani sull'ambiente, ma pensa se la maggior parte delle persone lo fossero? Allora si che le cose sarebbero senz'altro migliori!!!

    http://www.societavegetariana.org/noi%20siamo%20ve...

    http://www.senzasoste.it/energie-ambiente/la-carne...

    http://www.oipaitalia.com/vegetarismo/ambiente.htm

    Vaniglia...scusami ma non è assolutamente vero che per l'uomo è naturale mangiar carne!! Non abbiamo per niente i denti da carnivori! E poi se gli animali dovessimo ucciderli con le nostre mani non sò quante persone avrebbero il coraggio di sporcarsi le mani di sangue....e vedere le budella...

    http://blog.libero.it/PEROGNITUOPIATTO/

    Qui c'è l'opinione di Umberto Veronesi:

    "Non è vero che la carne è necessaria al nostro sostentamento. Non solo i vegetali ci mettono a disposizione tutto quanto occorre alla vita, ma in essi si trovano anche le proteine, contrariamente a quanto la gente crede. Del resto, in termini evoluzionistici l'uomo discende dalla scimmia, è un primate. Proprio la recentissima mappatura del genoma ci ha permesso la prova scientifica dell'intuizione di Darwin. Il 99 per cento del nostro Dna è esattamente identico a quello dello scimpanzé, e noi siamo uguali a lui per le nostre funzioni di ogni tipo. Abbiamo in più il gene del linguaggio, e questo ci differenzia. Senza linguaggio non c'è civiltà, come senza la scrittura non ci sarebbe la storia del genere umano. Per il resto, il nostro metabolismo è quello dei primati, che non sono carnivori e che si nutrono di bacche, cereali, legumi, frutti.

    Il nostro organismo, come quello delle scimmie, è programmato proprio per il consumo di frutta, verdura e legumi. Una dieta priva di carne non ci indebolirebbe certamente: pensiamo alla potenza fisica del gorilla. E pensiamo al neonato, che nei primi mesi quadruplica il suo peso nutrendosi solo di latte. Non solo una dieta di frutta e verdura ci farebbe bene, ma servirebbe proprio a tenere lontane le malattie. Solo tre anni fa, il Rapporto dell'Organizzazione mondiale della Sanità sulla salute nel mondo attribuiva a un insufficiente consumo di frutta e legumi quasi tre milioni di decessi."

    Oppure c'è anche questo articolo:

    http://www.societavegetariana.org/noi%20siamo%20ve...

    Federica...dove hai trovato queste informazioni? Vorrei proprio saperlo!!

    Perchè ti stai sbagliando e di brutto anche!!!

  • 6 anni fa

    Partendo dal presupposto che chi ha abbracciato una certa scelta non ti dirà mai che è sbagliata, più che leggere e prendere per vero le varie teorie ed affermazioni che circolano per la rete, bisognerebbe usare la testa e riflettere.

    Qui: http://weeklychop.altervista.org/?p=120 ci sono degli spunti molto intelligenti.

    Anche qui: http://www.tuttogreen.it/limpatto-ambientale-dei-v... è stata posta una domanda intelligente, che non ha ricevuto risposta e che riporto: "Molto interessante la tua analisi.. tuttavia ti rigiro un problema che oggi è stato posto a me personalmente e cui non ho saputo dare risposta (premetto che sono vegetariana e pertanto lungi da me alcun intento polemico): la popolazione italiana potrebbe essere interamente vegetariana? questo potrebbe verificarsi senza far ricorso all' agricoltura di tipo intensivo che oltre a devastare l'ambiente rende la natura spazio ostile agli animai?"

    Detto questo, gli impatti ambientali sono praticamente equivalenti:

    Sfruttamento della terra & co.

    Imballi su imballi che diventano rifiuti

    Trasporti di qua e di la

  • 1 decennio fa

    è verissimo...

    1. gli allevamenti di animali sono responsabili del 10% di tutto l'effetto serra

    2. per fare un kilo di carne servono 15 kili di cereali e vegetali vari.

    se moltiplichi per 15 ogni kilo di carne presente a questo mondo si capisce facilmente che un mondo vegetriano sarebbe un mondo senza fame. senza contare le scrie e i rifiuti che l'industria della carne produce.

    giusto per rispondere a vaniglia - informati meglio, si può sapere dove hai letto che i nostri denti dimostrano che siamo carnivori???

    cosa abbiamo, le zanne come le tigri noi???

    e non dire che i nostri denti si sono modificati in seguito alle nostre abitudini, perchè anche prima che l'uomo imparasse a cuocere la carne, io di ominidi con le zanne non ne ho mai sentito parlare!!!

    se per caso tu le hai ti consiglio un esorcista

  • Matteo
    Lv 7
    4 anni fa

    a parità di condizioni sì

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.