Anonimo
Anonimo ha chiesto in Notizie ed eventiAttualità · 1 decennio fa

mi traducete questa cosa?

When Dorothy was left alone she began to feel hungry. So she went to the cupboard and cut herself some bread, which she spread with butter. She gave some to Toto, and taking a pail from the shelf she carried it down to the little brook and filled it with clear, sparkling water. Toto ran over to the trees and began to bark at the birds sitting there. Dorothy went to get him, and saw such delicious fruit hanging from the branches that she gathered some of it, finding it just what she wanted to help out her breakfast.

Then she went back to the house, and having helped herself and Toto to a good drink of the cool, clear water, she set about making ready for the journey to the City of Emeralds.

Dorothy had only one other dress, but that happened to be clean and was hanging on a peg beside her bed. It was gingham, with checks of white and blue; and although the blue was somewhat faded with many washings, it was still a pretty frock. The girl washed herself carefully, dressed herself in the clean gingham, and tied her pink sunbonnet on her head. She took a little basket and filled it with bread from the cupboard, laying a white cloth over the top. Then she looked down at her feet and noticed how old and worn her shoes were.

"They surely will never do for a long journey, Toto," she said. And Toto looked up into her face with his little black eyes and wagged his tail to show he knew what she meant.

At that moment Dorothy saw lying on the table the silver shoes that had belonged to the Witch of the East.

"I wonder if they will fit me," she said to Toto. "They would be just the thing to take a long walk in, for they could not wear out."

She took off her old leather shoes and tried on the silver ones, which fitted her as well as if they had been made for her.

Finally she picked up her basket.

"Come along, Toto," she said. "We will go to the Emerald City and ask the Great Oz how to get back to Kansas again."

She closed the door, locked it, and put the key carefully in the pocket of her dress. And so, with Toto trotting along soberly behind her, she started on her journey.

There were several roads near by, but it did not take her long to find the one paved with yellow bricks. Within a short time she was walking briskly toward the Emerald City, her silver shoes tinkling merrily on the hard, yellow road-bed. The sun shone bright and the birds sang sweetly, and Dorothy did not feel nearly so bad as you might think a little girl would who had been suddenly whisked away from her own country and set down in the midst of a strange land.

She was surprised, as she walked along, to see how pretty the country was about her. There were neat fences at the sides of the road, painted a dainty blue color, and beyond them were fields of grain and vegetables in abundance. Evidently the Munchkins were good farmers and able to raise large crops. Once in a while she would pass a house, and the people came out to look at her and bow low as she went by; for everyone knew she had been the means of destroying the Wicked Witch and setting them free from bondage. The houses of the Munchkins were odd-looking dwellings, for each was round, with a big dome for a roof. All were painted blue, for in this country of the East blue was the favorite color.

Toward evening, when Dorothy was tired with her long walk and began to wonder where she should pass the night, she came to a house rather larger than the rest. On the green lawn before it many men and women were dancing. Five little fiddlers played as loudly as possible, and the people were laughing and singing, while a big table near by was loaded with delicious fruits and nuts, pies and cakes, and many other good things to eat.

The people greeted Dorothy kindly, and invited her to supper and to pass the night with them; for this was the home of one of the richest Munchkins in the land, and his friends were gathered with him to celebrate their freedom from the bondage of the Wicked Witch.

Dorothy ate a hearty supper and was waited upon by the rich Munchkin himself, whose name was Boq. Then she sat upon a settee and watched the people dance.

When Boq saw her silver shoes he said, "You must be a great sorceress."

"Why?" asked the girl.

"Because you wear silver shoes and have killed the Wicked Witch. Besides, you have white in your frock, and only witches and sorceresses wear white."

"My dress is blue and white checked," said Dorothy, smoothing out the wrinkles in it.

"It is kind of you to wear that," said Boq. "Blue is the color of the Munchkins, and white is the witch color. So we know you are a friendly witch."

Dorothy did not know what to say to this, for all the people seemed to think her a witch, and she knew very well she was only an ordinary little girl who had come by the chance of a cyclone into a strange land.

When she had tired watching the dancing, Boq led her into the house, where he gave her a room with a pretty bed in it. The sheets were made of blue cloth, and Dorothy slept soundly in them till morning, with Toto curled up on the blue rug beside her.

She ate a hearty breakfast, and watched a wee Munchkin baby, who played with Toto and pulled his tail and crowed and laughed in a way that greatly amused Dorothy. Toto was a fine curiosity to all the people, for they had never seen a dog before.

"How far is it to the Emerald City?" the girl asked.

"I do not know," answered Boq gravely, "for I have never been there. It is better for people to keep away from Oz, unless they have business with him. But it is a long way to the Emerald City, and it will take you many days. The country here is rich and pleasant, but you must pass through rough and dangerous places before you reach the end of your journey."

This worried Dorothy a little, but she knew that only the Great Oz could help her get to Kansas again, so she bravely resolved not to turn back.

She bade her friends good-bye, and again started along the road of yellow brick. When she had gone several miles she thought she would stop to rest, and so climbed to the top of the fence beside the road and sat down. There was a great cornfield beyond the fence, and not far away she saw a Scarecrow, placed high on a pole to keep the birds from the ripe corn.

Dorothy leaned her chin upon her hand and gazed thoughtfully at the Scarecrow. Its head was a small sack stuffed with straw, with eyes, nose, and mouth painted on it to represent a face. An old, pointed blue hat, that had belonged to some Munchkin, was perched on his head, and the rest of the figure was a blue suit of clothes, worn and faded, which had also been stuffed with straw. On the feet were some old boots with blue tops, such as every man wore in this country, and the figure was raised above the stalks of corn by means of the pole stuck up its back.

While Dorothy was looking earnestly into the queer, painted face of the Scarecrow, she was surprised to see one of the eyes slowly wink at her. She thought she must have been mistaken at first, for none of the scarecrows in Kansas ever wink; but presently the figure nodded its head to her in a friendly way. Then she climbed down from the fence and walked up to it, while Toto ran around the pole and barked.

"Good day," said the Scarecrow, in a rather husky voice.

"Did you speak?" asked the girl, in wonder.

"Certainly," answered the Scarecrow. "How do you do?"

"I'm pretty well, thank you," replied Dorothy politely. "How do you do?"

"I'm not feeling well," said the Scarecrow, with a smile, "for it is very tedious being perched up here night and day to scare away crows."

"Can't you get down?" asked Dorothy.

"No, for this pole is stuck up my back. If you will please take away the pole I shall be greatly obliged to you."

Dorothy reached up both arms and lifted the figure off the pole, for, being stuffed with straw, it was quite light.

"Thank you very much," said the Scarecrow, when he had been set down on the ground. "I feel like a new man."

Dorothy was puzzled at this, for it sounded queer to hear a stuffed man speak, and to see him bow and walk along beside her.

"Who are you?" asked the Scarecrow when he had stretched himself and yawned. "And where are you going?"

"My name is Dorothy," said the girl, "and I am going to the Emerald City, to ask the Great Oz to send me back to Kansas."

"Where is the Emerald City?" he inquired. "And who is Oz?"

"Why, don't you know?" she returned, in surprise.

"No, indeed. I don't know anything. You see, I am stuffed, so I have no brains at all," he answered sadly.

"Oh," said Dorothy, "I'm awfully sorry for you."

"Do you think," he asked, "if I go to the Emerald City with you, that Oz would give me some brains?"

"I cannot tell," she returned, "but you may come with me, if you like. If Oz will not give you any brains you will be no worse off than you are now."

"That is true," said the Scarecrow. "You see," he continued confidentially, "I don't mind my legs and arms and body being stuffed, because I cannot get hurt. If anyone treads on my toes or sticks a pin into me, it doesn't matter, for I can't feel it. But I do not want people to call me a fool, and if my head stays stuffed with straw instead of with brains, as yours is, how am I ever to know anything?"

"I understand how you feel," said the little girl, who was truly sorry for him. "If you will come with me I'll ask Oz to do all he can for you."

"Thank you," he answered gratefully.

They walked back to the road. Dorothy helped him over the fence, and they started along the path of yellow brick for the Emerald City.

Toto did not like this addition to the party at first. He smelled around the stuffed man as if he suspected there might be a nest of rats in the straw, and he often growled in an unfriendly way at the Scarecrow.

"Don't mind Toto," said Dorothy to her new friend. "He never bites."

"Oh, I'm not afraid," replied the Scarecrow. "He can't hurt the straw. Do let me carry that basket for you. I shall not mind it, for I can't get tired. I'll tell you a secret," he continued, as he walked along. "There is only one thing in the world I am afraid of."

"What is that?" asked Dorothy; "the Munchkin farmer who made you?"

"No," answered the Scarecrow; "it's a lighted match."

4 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Migliore risposta

    Dorothy quando è stato lasciato solo ha iniziato a sentire la fame. Così si reca a armadio e il taglio del pane se stessa, che si diffondono con il burro. Ha dato alcuni a Toto, e tenendo un secchio da scaffale ha portato giù per il piccolo ruscello e riempito con chiara, acqua frizzante. Toto correva oltre agli alberi e cominciò a corteccia presso la seduta uccelli. Dorothy è andato a trovare lui, e vide tali deliziosi frutti appesi i rami che ha raccolto alcune di esse, trovare esattamente ciò che voleva aiutare la sua prima colazione.

    Poi è tornato a casa, e che hanno contribuito a se stessa e Toto a un buon drink del fresco, acqua chiara, ha fissato a proposito di rendere pronto per il viaggio verso la città di smeraldi.

    Dorothy ha avuto solo un altro abito, ma che è accaduto a essere puliti ed è stato appeso su un piolo letto accanto a lei. E 'stato gingham, con controlli di bianco e blu, e anche se l'azzurro è stato un po' sbiadito con molti lavaggi, si è ancora una bella frock. La ragazza si lavato con cura, vestito in se stessa la gingham pulito, e legato la sua rosa sunbonnet sul suo capo. Ha preso un po 'di basket e riempito con il pane da armadio, recante un panno bianco sulla cima. Poi si guardò giù ai suoi piedi e noti come vecchi e usurati Her Shoes sono stati.

    "Hanno sicuramente non potrà mai fare per un lungo viaggio, Toto," ha detto. Toto e guardava in viso con la sua piccola occhi neri e la sua coda wagged per mostrare sapeva ciò che significava.

    In quel momento Dorothy ha visto sdraiato sul tavolo le scarpe d'argento che era appartenuto a Witch d'Oriente.

    "Mi chiedo se mi andrà bene", ha detto a Toto. "Essi sarebbe la cosa giusta per prendere una lunga passeggiata, per non poter portare fuori".

    Ha preso il suo vecchio calzature in pelle e provato sulla argento, che montato il suo così come se fossero stati fatti per lei.

    Infine ha ripreso il suo carrello.

    "Venite, Toto," ha detto. "Noi andremo a smeraldo Città e chiedere il Grande Oz come ottenere di nuovo a Kansas nuovo".

    Ha chiuso la porta, il blocco, ha, e mettere la chiave attentamente in tasca del suo vestito. E così, con Toto trotto lungo sobriamente dietro di lei, ha iniziato il suo cammino.

    Ci sono stati diversi in prossimità di strade, ma non ha preso il suo lungo per trovare un lastricato di mattoni di colore giallo. Entro un breve periodo di tempo è stata briskly a piedi verso la Emerald City, il suo suono d'argento scarpe merrily sul disco, giallo su strada-letto. Il sole splendeva luminoso e gli uccelli cantava dolcemente, e Dorothy non si sentono quasi tanto male come si potrebbe pensare una bambina che si era stato improvvisamente whisked lontano da suo paese e scendere in mezzo a una strana terra.

    Era sorpreso, come ha camminato lungo, per vedere come piuttosto il paese è stato su di lei. Ci sono stati pulito recinzioni ai lati della strada, dipinto un Dainty colore blu, e al di là di essi sono stati campi di grano e verdura in abbondanza. Evidentemente il buon Munchkins sono stati gli agricoltori e in grado di sollevare grandi colture. Di tanto in tanto lei passa una casa, e la gente uscì a guardare al suo arco e basso come andò da; per tutti sapevano che era stato il mezzo di distruggere il Wicked Witch e la fissazione di loro libera dalla schiavitù. Le case dei Munchkins sono stati dispari-looking abitazioni, per ogni turno è stato, con una grande cupola di un tetto. Tutti i dipinti sono stati blu, di cui questo paese d'Oriente è stato il blu il colore preferito.

    Verso sera, quando era stanco Dorothy con il suo lungo cammino e hanno cominciato a chiedersi dove dovrebbe passare la notte, è arrivata una casa e non più grande di tutto il resto. Sul verde prato prima che molti uomini e donne sono stati danza. Cinque Fiddlers poco suonata come voce alta possibile, e le persone sono state ridendo e cantando, mentre un grande tavolo da vicino è stato caricato con frutti deliziosi e noci, torte e dolci, e molte altre cose buone da mangiare.

    La gente ha salutato Dorothy gentilmente, e ha invitato i suoi a cena e di passare la notte con loro, per questo è stata la casa di uno dei più ricchi Munchkins nella terra, ed i suoi amici sono stati raccolti con lui a celebrare la loro libertà dalla schiavitù del Wicked Witch.

    Dorothy mangiato un'abbondante cena ed è stato atteso dai ricchi Munchkin se stesso, il cui nome è stato Boq. Poi si sedette su un divano a guardare la gente ballare.

    Boq quando ha visto il suo argento scarpe egli ha detto, "è necessario essere un grande maga".

    "Perché?" ha chiesto alla ragazza.

    "Dato che indossate scarpe d'argento e hanno ucciso il Wicked Witch. Inoltre, hai nel tuo bianco frock, e solo streghe e sorceresses usura bianco."

    "Il mio abito è blu e bianco controllato", ha detto Dorothy, lisciatura le rughe in essa.

    "E 'tipo di voi a che l'usura", ha detto Boq. "Blue è il colore del Munchkins, e il bianco è il colore della strega. Così sappiamo sei un amichevole strega".

    Dorothy non sapeva cosa dire a questo, per tutto il popolo sembrava pensare di lei una strega, e lei sapeva molto bene è stata solo una normale bambina che era venuto da la possibilità di un ciclone in una strana terra.

    Quando aveva stanco guardando il ballo, Boq la portò in casa, dove egli ha dato la sua camera con un bel letto in essa. I fogli sono stati fatti di stoffa blu, e Dorothy dormito saldamente in loro fino al mattino, con Toto arricciati sul tappeto blu accanto a lei.

    Ha mangiato prima colazione, e guardò uno wee Munchkin bambino, che gioca con Toto e tirato la sua coda e cantò e si mise a ridere in modo tale che molto divertito Dorothy. Toto è stata una bella curiosità a tutto il popolo, perché non aveva mai visto un cane prima.

    "Quanto dista la Emerald City?" la ragazza ha chiesto.

    "Non so", rispose gravemente Boq, "perché io non sono mai stati. E 'meglio per le persone a tenere lontano da Oz, a meno che non siano affari con lui. Ma è un lungo cammino verso la Emerald City, e vi porterà molti giorni. Il paese è ricco e piacevole, ma è necessario passare attraverso grezzi e luoghi pericolosi prima di raggiungere la fine del viaggio. "

    Dorothy questo preoccupato un po ', ma lei sapeva che solo il Grande Oz potrebbe aiutare a ottenere la sua Kansas ancora una volta, così ha deciso coraggiosamente di non tornare indietro.

    Bade ha i suoi amici addio, e ancora una volta avviato lungo la strada del giallo mattone. Quando si era recato più miglia pensava fosse fermata a riposo, e così salita alla cima del muro accanto alla strada e si sedette. Non vi è stato un grande cornfield al di là della recinzione, e non lontano ha visto uno spaventapasseri, collocata su un alto palo di tenere gli uccelli dal grano maturo.

    Dorothy inclinato suo mento su la mano e guardava bene a spaventapasseri. La testa è stato un piccolo sacco ripieno di paglia, con gli occhi, naso, bocca e dipinta su di esso per rappresentare un volto. Un vecchio, ha cappello blu, che era appartenuto a qualche Munchkin, è arroccato sulla sua testa, e il resto della cifra è stata una tuta blu, capi di abbigliamento, indossato e sbiadito, che era stato anche ripieni di paglia. A piedi sono stati alcuni vecchi stivali con cime blu, come ogni uomo indossava in questo paese, e la cifra è stata sollevata sopra la steli di grano mediante il polo bloccato la sua schiena.

    Dorothy mentre era alla ricerca ardentemente nella queer, dipinto il volto di spaventapasseri, fu sorpreso di vedere uno dei wink lentamente gli occhi a lei. Ha pensato lei deve essere stato sbagliato in prima, per nessuno dei Scarecrows in Kansas wink mai, ma attualmente la figura assentiva la testa a lei in modo amichevole. Poi è salito dal recinto e camminato fino a che, mentre Toto correvano attorno al polo e barked.

    "Buon giorno", ha detto il spaventapasseri, in una voce piuttosto husky.

    "Ti è parlare?" la ragazza ha chiesto, in meraviglia.

    "Certo", rispose il spaventapasseri. "Di dove sei?"

    "Sto molto bene, grazie," ha risposto educatamente Dorothy. "Di dove sei?"

    "Non sono ben sensazione", ha detto il spaventapasseri, con un sorriso, "perché è molto noioso essere arroccato qui giorno e notte per paura di distanza corvi".

    "Non potete scendere?" Dorothy chiesto.

    "No, per questo polo si è inceppata la mia schiena. Se vi preghiamo di portare via il polo sarò molto grato a voi."

    Dorothy raggiunto fino entrambi i rami e revocato la cifra fuori il palo, per essere ripieni di paglia, è stato abbastanza luce.

    "Grazie mille", ha detto il spaventapasseri, quando era stato fissato a terra. "Mi sento come un uomo nuovo".

    Dorothy era perplesso a questo, perché sembrava queer sentire un uomo ripieno parlare, e di vedere lui arco e passeggiata lungo accanto a lei.

    "Chi sei?" ha chiesto alla spaventapasseri quando aveva allungato se stesso e yawned. "E dove stai andando?"

    "Il mio nome è Dorothy", ha detto la ragazza, "e sto per la Città di smeraldo, di chiedere alla Gran Oz di inviarmi torna a Kansas".

    "Dove è la Emerald City?" egli domandò. "E che è Oz?"

    "Perché, non sai?" è ritornata, nel sorpresa.

    "No, infatti. Non so nulla. Vede, io sono farcite, così non ho a tutti i cervelli", egli ha risposto, purtroppo.

    "Oh", ha detto Dorothy, "Mi dispiace awfully per voi."

    "Pensi che", egli ha chiesto, "se vado a Città smeraldo con lei, che avrebbe Oz d

  • 1 decennio fa

    Ma sei matto!? Ma secondo te chi è qel Giobbe che si mette lì come un Certosino a tradurti questo Papiro!

    Condivido uello che ti hanno già risposto! Vai su Google, cercati il traduttore e fai copia e incolla!

  • 1 decennio fa

    su google trovi il tradutore fai copia e incolla

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Fra' Kà22o da Velletri!!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.