esahettra ha chiesto in Arte e culturaLibri ed autori · 1 decennio fa

Oceano mare...è o non è un capolavoro?

credo che dovrò rileggerlo altre mille volte per capirne tutto il senso...

voi cosa ci avete letto?

cosa rappresentano secondo voi elisewin, plasson, bartleboom, adams, l'ospite della settima stanza, la locanda, i bambini... e soprattutto il mare? che chiave di lettura avete usato?

grazie in anticipo per le vostre impressioni...

4 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Oceano Mare è il senso che tu vuoi dargli...è il casino interiore contenuto nei silenzi di Adams, il percorso di crescita di Elisewin alla scoperta di un mondo più strano di quanto credesse, la comprensione del fatto che non esistono limiti al sapere di BartleBoom & Plasson, la malinconia di Ann Deverià divisa tra un marito per lei perso ed un amante per il quale LEI è perduta, il dubbio sull'effettiva esistenza di qualcuno in quella settima stanza, l'atteggiamento disarmante dei bambini che a volte sanno essere più saggi degli adulti...e poi lui, Oceano Mare, esaltato quasi fosse una mitologica divinità dalla quale si attende una rivelazione, basterebbe anche un minimo segnale..e invece niente, c'è, è onnipresente nel libro con le sue onde, le sue vele, i suoi non rintracciabili occhi, la sua furia assassina, la paura di affrontarlo e lo sgomento di sopravvivergli..

    Credo che, se lo rileggessi, cambierei totalmente quanto ho appena scritto...ma è proprio questo il bello della lettura, nessuno ti obbliga ad accontentarti delle semplici parole impresse sulla carta...

  • Oceano mare secondo me è un bellissimo libro, leggilo d'un fiato, fatti trasportare dalle situazioni e vivile interiormente!

    ti verrà da sola la tua chiave di lettura, è naturale...

    ciao!

  • Lalli
    Lv 7
    1 decennio fa

    si, lo è

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ciao, io credo che la cosa fantastica di oceano mare sia proprio il fatto di non dare una sensazione univoca..

    Sono quasi certa che un libro come quello, pieno di simboli, personaggi miseriosi trasmetta emozioni differenti da persona a persona...

    io personalmente non lo rileggerò perchè voglio che mi rimanga la sensazione appassionante e di curiosità che ho avuto leggendolo la prima volta...

    Non vorrei rovinare la "magia" che mi ha lasciato dentro.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.