Anonimo
Anonimo ha chiesto in Mangiare e bereVegetariani e vegani · 1 decennio fa

dieta vegan?

voglio mettermi a dieta ( per dimagrire) ma sono vegan

qualcuno mi consiglia qualche dieta ipocalorica per dimagrire che preferibilmente abbia gia provato?

5 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Migliore risposta

    Esempio di un menu vegano energetico variabile a fantasia

    Giorno 1

    Pranzo: riso integrale con olio e gomasio preferibilmente almeno 80-100 gr, zucchine al vapore condite con olio, qualche cucchiaio di fagioli cannellini, pane;

    Cena: cuscus con lenticchie rosse, spinaci in insalata, finocchi, pane.

    Giorno 2

    Pranzo: pasta integrale al miglio, al farro o al grano saraceno, cavolfiore al forno, qualche cucchiaio di azuki, pane;

    Cena: zucca al forno, tofu alle erbe, pane.

    Giorno 3

    Pranzo: risotto, cipolline in agrodolce, qualche cucchiaio di ceci o lenticchie, pane;

    Cena: minestra di miglio, zucchine, cotoletta di seitan, pane.

    Giorno 4

    Pranzo: pasta con pesto vegano, lenticchie con carote, pane;

    Cena: minestra di verdure con fiocchi di avena o di riso, tofu, pinzimonio di sedano e finocchio, pane.

    Giorno 5

    Pranzo: orzo con funghi o verdure di stagione, cotoletta di seitan, zucchine al vapore, pane;

    Cena: zuppa di cipolla con crostini di pane, porri gratinati, qualche cucchiaio di fagioli neri, pane.

    Giorno 6

    Pranzo: grano saraceno con cipolle, qualche cucchiaio di fagioli rossi, zucca al vapore, pane;

    Cena: farro con verdure, insalata di lenticchie, pane.

    Giorno 7

    Pranzo: pasta al farro o di soia (con una salsa di aglio, olio, tamari), crocchette preparate con avanzi di cereali o di legumi, insalata verde; Cena: kamut con cipolle, qualche cucchiaio di legumi, cavolfiore scottato, pane.

    Colazione e merende: tè kukicha, latte di soia, di riso, di avena, di mandorle, pane, fette biscottate con marmellata senza zucchero, o gallette di riso o fette di segale, semolini di cereali, muesli, fiocchi di cereali preferibilmente avena, frutta o succhi di frutta, biscotti o merendine vegane, yogurt di soia.

    Arricchire ogni piatto con germe di grano o lievito di birra in scaglie, semi di sesamo o di girasole tostati e alghe polverizzate, gomasio al posto del sale; condire le verdure con aceto di mele o di umeboshi; per la cottura di tofu o seitan usare salsa di soia, consumare 10 gr di frutta secca ogni giorno preferibilmente mandorle; usare pane integrale e a lievitazione naturale da alternare o sostituire con gallette di riso, di mais o fette di segale.

    Un consiglio è quello di non imporsi proporzioni, ognuno deve sentirsi libero di mangiare nella quantità che il proprio fisico richiede.

    ciao ;-)

    Fonte/i: wikipedia
  • 3 anni fa

    Per chi vuole perdere peso in poco tempo, il consiglio principale è trovare un buon metodo. A me hanno consigliato questo http://FattoreBruciaGrasso.teres.info/?2Rv6 Poi, ovviamente, quello di tagliare in modo netto le calorie. Addio quindi a spuntini e merendine, via libera invece a tanta frutta e verdura, anche per spezzare la fame tra un pasto e l’altro.

  • 1 decennio fa

    purtroppo bisogna prendere coscienza del fatto che essere vegetariani/e o vegan non significa automaticamente nutrirsi in modo adeguato.

    molti/e vegetariani/e e vegan per vari motivi vivono la loro scelta come "deficitaria" cioè sono quasi ossessionati/e dalla possibilità che tale scelta li/e porti a contrarre delle carenze alimentari. quindi si inerpicano, mossi/e da tale timore, nel consumo di svariati prodotti molti dei quali derivati da processi industriali e comunque basando la loro dieta quasi interamente su cibi cotti. In tal proposito ci terrei molto che tu leggessi quello che c'è scritto sulla pagina linkata qui sotto

    http://www.scuolanaturopatia.org/articoli.php?area...

    credo che uno dei messaggi più importanti della scelta vegetariana ma soprattutto vegan (anch'io sono vegan) sia proprio la riduzione di quella distanza, causata dalle nostre abitudini e credenze, che ci allontana e separa dalla nostra natura specifica e dalla natura in senso olistico. perchè è proprio riscoprendo la nostra natura originaria che prendiamo coscienza del legame di fratellanza che ci lega ad essa nella sua totalità. proprio in base a questo processo credo si riesca a vivere empaticamente ogni rapporto con qualsiasi elemento dell'ambiente. ovviamente il processo può essere affrontato, con i medesimi esiti, in senso inverso ovvero riscoprire la propria appartenenza alla natura ci porta a riscoprire la nostra vera essenza.

    la mia visione della natura in base allo studio che ne faccio e alle sperimentazioni effettuate su me stesso mi ha portato a credere che una vita sana e felice non può prescindere dal rispetto delle leggi naturali che tutto regolano. ovviamente il problema è proprio quello di capire quale siano queste leggi. in questo siamo sicuramente aiutati/e dai numerosi studi effettuati in questo campo ma credo che il "percepire l'anima della natura" sia piuttosto una capacità che tutti/e abbiamo ma che troppo spesso risulta sopita e altrettanto spesso deviata.

    ritornando su un piano più pragmatico mi piacerebbe sapere cosa rispondono tutti/e coloro che ritengono fondamentale per la vita umana, e per tanto lo consigliano anche a te, il consumo di cibi cotti e di tutti i cibi industriali di fronte al fenomeno della leucocitosi digestiva (processo che viene descritto nel link inserito sopra, per questo ti chiedo gentilmente di leggerlo).

    non voglio mettermi qui a polemizzare difendendo le mie posizioni, primo perchè non amo il proselitismo e secondo perchè ognuno/a è libero di affrontare la propria vita come meglio crede. ma non sono d'accordo quando si propinano consigli spacciandoli per verità. sarebbe utile invece scambiarci informazioni ed esperienze ma soprattutto promuovere la curiosità e la ricerca verso la verità. è fondamentale che ognuno/a di noi sia messo/a nella condizione di padronare quegli strumenti che ci permetteranno di effettuare un'autonoma analisi critica della realtà a prescindere dalla realtà e dal quando questa si presenti. altrimenti non faremo altro che passare da un gregge all'altro delegando sempre a qualcun'altro/a il compito di pensare.

    non vorrei mai che qualcuno/a si appiattisse sulla mia visione in maniera acritica perchè non sarebbe utile per lui/lei e soprattutto per me, come farei ad individuare i miei errori se tutti/e mi dessero acriticamente ragione? ma forse è proprio questa la nostra paura peggiore, prendere coscienza che la nostra vita potrebbe essere fondata sulla menzogna.

    la scelta vegan e vegetariana richiede prima di tutto coraggio, ed è coraggiosi/e che dobbiamo essere

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Io tempo fa ho riadattato una dieta onnivora, non sono dimagrita molto, ma qualcosa ho perso

    :)

    La dieta è povera di zuccheri, quindi sono banditi i dolci, se non a colazione, limitati i farinacei, escluse banane e cachi e patat sono consentiti degli spuntini a piacere che consistono in sedani o carote crude, un frutto o uno yogurt, sono consentiti di media 3 cucchiaini di olio al giorno

    Colazione a scelta tra

    latte di riso e caffè senza zuchero o uno yogurt di soia o un frutto

    e 4 fette biscottate o 4 biscotti o 30g di cereali

    Lunedì

    Pranzo

    Un panino con verdure lessate (spinaci, bieda, cicoria, a scelta) verdure grigliate a volontà

    Cena

    80g di spaghetti al pomodoro 4 fettine di tofu saltato con cipolla e pomodorini con un cucchiaino d'olio

    Martedì

    Pranzo

    Insalata a volontà con mais, pomodori, olive neri o verdi, capperi, carote, ed ogni altro vegetale e mezzo panino

    Cena

    80g di riso in bianco 1 haburger o cotoletta di soia con contorno di verdure verdi (fagiolini, asparagi, finocchi, cetrioli)

    Mercoledì

    Pranzo

    Insalata verde, una tazza di bocconcini di soia con salsa a scelta (pomodoro, thailandese, pesto vegano)

    Cena

    80g di spaghetti alle melanzane (tagliare melanzane a cubetti e farle saltare inuna padella antiaderente con poco olio e poco sale, finchè non siano dorate, fare appassire con il coperchio aggiungendo un goccio d'acqua. Mishiare agli spaghetti saltando in padella) insalata a volontà

    Giovedì

    Pranzo

    Un panino con affettato di tofu o di seitan, verdure a scelta

    Cena

    80g di riso in bianco, 120g di seitan alla piastra, insalata a volontà

    Venerdì

    Pranzo

    Un panino con carciofini o melanzane o zucchine sott'olio ben sgocciolati, un frutto

    Cena

    Passato di verdure a volontà

    Sabato

    Pranzo

    80g di spaghetti a piacere, insalata a volontà

    Cena

    120g di tortino di verdure (tagliare a pezzi grandi peperoni, melanzane e zucchine, tagliare a fettine sottili la cipolla e gratinare in forno, ricetta di mia madre!) finocchi a volontà

    Domenica

    Pranzo

    una porzione di lasagna vegan o 3 cannelloni vegan o 80g di spaghetti al tofu rosso (il tofu rosso si sbriciola e puo' essere usato come ragù) o con il ragù di soia verdure grigliate o in foglia a volontà

    Cena

    mais, ceci e piselli a volontà

    :)

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    che e????????

    il nome di un medicinale

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.