bin110901 ha chiesto in SportNuoto e tuffi · 1 decennio fa

Esame di Nuoto?

Una delle prossime prove per entrare in un corpo speciale di polizia per me sara' quella di nuoto:

- devo nuotare 50 metri in meno di 54 secondi;

- devo stare a galla per 5 minuti, senza possibilita' di uscire da un raggio ipotetico di 1 metro;

- recuperare un oggetto a 3 metri di profondita', e tornare a bordo piscina stile dorso;

Bhe... tutto questo per me che non sono "esperto di nuoto" e' durissimo ora. So nuotare... ma non sono un campione del nuoto.

Prima di tutto: ho provato subito i 50 metri stile libero, ma come scendere sotto 54 secondi per me che non sono un professionista? Considerato che respiro ad ogni bracciata, forse devo provare a mantenere per TUTTO il tempo il respiro e nuotare per tal minuto senza respirare????

E la testa, mi conviene tenerla sempre fissa per non perdere secondi preziosi??

E poi, che stile conviene per galleggiare senza spostarsi intorno... per 5 minuti??

Help...tanto bisogno di aiuti!!!

7 risposte

Classificazione
  • Joypad
    Lv 4
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Prima di tutto rilassati, la prova è fattibilissima anche per i nuotatori non esperti.

    Poi complimenti, c'è bisogno di gente volenterosa come te che dedichi la propria vita al mantenimento dell'ordine e alla protezione degli altri, grazie.

    Immagino che avrai un pò di tempo per allenarti, quindi non avrai problemi.

    Scendere sotto i 54 minuti non è nulla di speciale, anzi direi che si fa più fatica a starci sopra!! :-)

    Eccoti vari una serie di consigli:

    -La testa deve essere ferma

    -Bisogna respirare il meno possibile ma non andare in ipossia, valuta tu per quante bracciate riesci non respirare senza che la tua prestazione inizi a risentirne. Secondo dovresti riuscire benissimo a respirare ogni 6 bracciate, che è già troppo spesso, ma per iniziare potrebbe andare.

    -Quando respiri ruota la testa il minimo indispensavile e non fermare la nuotata.

    -Usa moltissimo le gambe, devono andare sempre al massimo

    -Le bracciate non devono essere solo dei veloccissimi mulinelli, ma devono anche andare a cercare l'acqua su cui spingersi il più a fondo possibile.

    -Se farai una virata, cioè se ti dovrai spingere dal muretto perchè la vasca non è da 50 metri, sfrutta questo momento per ottenere ristoro muscolare. Spingi con le gambe il più forte che puoi, come se volessi rompere il muro, poi allungati per bene. Sfrutta lo scivolamento prodotto dalla tua spinta restando fermo e allungato per un attimo (ma che sia davvero un attimo e non degli attimi altrimenti ti pianti lì dove sei), e poi riparti a nuotare sempre più forte.

    -Non respirare alla prima bracciata dopo tale scivolamento, rompe il ritmo e perdi la velocità guadanata.

    Tieni tutto ciò sempre bene a mente.

    Se hai modo di allenarti organizza il tuo lavoro in due parti.

    Parte 1

    Serie del tipo 12x50m, o 8x75 o 6x100 stile andatura normale leggermente sostenuta, 20" di riposo. Ripetuto due volte con un minuto di riposo tra le serie.

    Ripetuto una volta sola la settimana prima della prova per dare più spazio all'efficenza della parte 2

    Parte 2

    4x25 stile parti piano arrivi fortissimo, 40" di riposo

    4x25 stile parti fortissimo arrivi piano, 40" di riposo

    4x25 stile la prima metà vasca forte, 40" di riposo

    4x25 stile la seconda metà vasca forte, 40" di riposo

    3x50 stile al massimo della velocità (se riesci parti dal trampolino), 1'40" di riposo

    Questi esericizi sono da fare tutti non sono un elenco tra cui scegliere come invece quelli della parte uno

    Ovviamente oltre a questo che è il lavoro centrale dovrai fare un'opportuno riscaldamento sciolto e un recupero finale sempre sciolto.

    Per il galleggiamento basta disegnare con le braccia e le gambe dei cerchi come per disegnare un 8.

    E' veramente poco faticoso, vedrai che ti annoierai.

    Per andare sotto a 3 metri scendi e risali lentamente e deglutisci per aiutare il tuo corpo ad eseguire l'autocompensazione in rapporto al cambio di pressione. Spingiti forte dal fondo per risalire e auitati sia nella salita che nella discesa con le braccia.

    In bocca al lupo. Ciao!

  • 1 decennio fa

    non saprei, ma per stare a galla il movimento dei pallanotisti ovvero pressione o bicicletta.

  • kate
    Lv 5
    1 decennio fa

    a stile libero di solito si respira ogni 3 bracciate, è più semplice e riesci comunque a stare sotto i 50 secondi senza affaticarti. La testa la muovi solo per girarla di lato e respirare. Allunga le braccia e gambe fortissimo. Se sai fare gambe rana ti consiglio quello per galleggiare: stando in piedi muovi le gambe dando delle spinte e braccia a cerchio per equilibrare, è la tecnica che usano nel sincronizzato. Anche per andare in profondità gambe e braccia a rana sono la cosa migliore. Per dorso: disteso, tranquillo, bacino in alto, braccia che sfiorano le orecchie.

  • 1 decennio fa

    Non è facile dare consigli senza vedere come nuoti e cosa c'è da migliorare. Tipo se respiri ogni bracciata mi viene da pensare che nuoti a testa alta o non completamente immersa. Ti sconsiglio di nuotare in apnea anche perché fare 50 m senza respirare è davvero difficile. Per il galleggiamento sicuramente sul dorso posizione a stella per aumentare la superficie del corpo e quindi galleggiare meglio.

    Secondo me se nuoti già 1 po' e ti mantieni bene o male a galla sei a buon punto. Ti consiglio di seguire prima 1 corso veloce di nuoto individuale con istruttore (tipo 5 o 10 lezioni) spiegagli in cosa consiste la prova in modo da concentrarti solo su quegli obiettivi. Una volta finito il mini corso puoi continuare da solo ad allenarti e a provare gli esercizi che ti ha proposto.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    stai tranquillo.... innanzitutto non respirare non vuol dire andare più veloci: qualche respirazione può peggiorare il tempo di solo qualche decimo, nel tuo caso non e' necessario.

    poi, se per tenere la testa fissa intendi di non spostarla per respirare anche qui la risposta e' la stessa: questi piccoli dettagli si fanno importanti a livelli agonistici.

    Per galleggiare invece dovresti posizionare in posizione di dorso (quello con la schiena in basso e a pancia all'aria). Riguardo all galleggiamento non so cosa suggerirti, non ho mai provato una cosa simile! In ogni caso allenati sulla tecnica e sulla respirazione e vedrai che quest "esame" non sarà poi cosi difficile.

    Ciao!

  • 1 decennio fa

    devi innanzitutto allenare il fiato... della corsa andrebbe bene... poi il problema non è che respiri troppo spesso, ma è il metodo in cui lo fai...se provi a vedere i filmati dei nuotatori noterai al rallentatore che loro alzano la bocca un millimentro sopra l'acqua e respirano anche loro quasi sempre...la testa deve essere sempre fissa e quando respire girati sempre dallo stesso lato eviterai scordinamenti....

    le prove non sono tanto difficili io le ho fatto per il brevetto da bagnino e ti assicuro che a volte anche se sballi di qualche secondo chiudono un occhio...ciao

  • 1 decennio fa

    è tutto fattibile...in bocca al lupo...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.