Anonimo
Anonimo ha chiesto in Matematica e scienzeIngegneria · 1 decennio fa

Lampada a led con batterie ricaricabili?

Dovrei creare per un mio esame una lampada a led .. ho pensato di farla ricaricabile. Qual'è il calcolo giusto da fare per capire quante batterie ci vogliono per far si che quel led (avevo pensato al OSRAM LED LINEAR LIGHT) funzioni?

Grazie

6 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Migliore risposta

    Una buona lampada a led con batteria ricaricabile prevede un led bianco della Lumiled da 350 mA o 700 mA e tensione ai capi di 3,4-3,8 volt. L'ottica è argomento a se e la chave del successo.

    Occorre per ogni led della catena una tensione di 4,8 volt circa e prevedere una resistenza di zavorra o un regolatore a corrente costante in serie.Da prevedere una caduta di almeno 1,5 volt su ciascuna resistenza di zavorra per ogni led se sono in serie. Raccomandatissimo un controdiodo di crowbar per evitare spiacevoli inconvenienti da inversione di polarità. Devi poi dimensionare o radiatorino in modo da mantenere a temperatura del led entro circa 80°C. sulla giunzione. Per la capacità delle batterie fai mA assorbiti x durata della btteria fra le ricariche.x 2,4 quale coefficiente di scarica rapida e di derating da invecchiamento.

    per il carica batterie ti consiglio di rivolgerti all'ufficio tecnco de fornitore: le attuali batterie sono delicate e le migliori come rapporto capacità/volume rischiano di scoppiare per sovraccarca.

    Saluti.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 5 anni fa

    Per chiarire i tuoi dubbi ti consiglio di andare su Amazon.it a questo link http://amzn.to/1sTDa8k dove trovi una ampia scelta di Lampade da ufficio.

    Li potrai leggere tutte le caratteristiche dei vari modelli e i commenti di chi li ha gia' acquistati. In questo modo potrai farti una idea piu' precisa su questi prodotti e scegliere eventualmente quello che fa al caso tuo.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    beh dovresti conoscere le batterie... piu che altro il carico che riescono a sostenere senza subire eccessive perdite di potenziale.

    ti serve anzitutto avere i datasheet dei led che ti servono, per avere la curva tensione corrente dei dispositivi. dopo di che devi scegliere un resistore di carico che faccia rispettare la legge delle tensioni. potresti ad esempio impilare in serie 5 led nel quale fai scorrere 1mA alla quale è associata una tensione di 0.7 V (e siamo a 3.5V di caduta) ci aggiungi un resistore da 1kohm per ottenere un altro volt e alimenti il tutto con una serie di batterie da 1,5V.

    La legge di Kirkoff alle tensioni dice 3*1-5=5*0.7+1000*0.001 ed è rispettata. La legge delle correnti dice che in ogni dispositivo scorre 1 mA (sia nel resistore che nei led, come supposto) indi tutto dovrebbe funzionare.

    ATTENZIONE. Per i Led ho dato valori di soglia di illuminazione completamente tirati a caso. Normalmente i led hanno tensioni di accensione molto piu alte (e anche correnti) e la potenza ottica d'uscita varia linearmente con la corrente che circola (controlla il parametro di efficenza esterna) indi dovresti rifarti i conti, io non ho preso dei Led particolari.

    IN PIU ricordati che per fare la luce bianca (ma non credo ti sia richiesto questo) hai bisogno di mixare le varie componenti dello spettro visibile in una misura compatibile con la curva fotopica dell'occhio. Sapendo che ai vari colori sono associate tensioni diverse (e a volte MOOOOLTO diverse) forse ti conviene fare più alimentazioni separate piuttosto che un blocco unico che va ad alimentare più carichi in parallelo. Facendo un alimentazione unica, rischi che le batterie debbano fornire una corrente abominevole danneggiandosi o scaricandosi in men che non si dica.

    spero di essere stato d'aiuto

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    in teoria...

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    basta la legge di ohm V=R*I

    oppure la formula inversa della potenza P=V*V/R

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    penso di si.

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.