El GRINGO ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 1 decennio fa

Premesso che nella vita bisogna essere obbiettivi.....?

Voi a che tipo di obbiettivo assomigliate di piu’:

Zoom: eccezionale nel mettere a fuoco cose distantissime ma un po’ miope con quello che vi sta’ davanti

Macro: perfetto per entrare nel dettaglio di ogni singola cosa......vividamente ma moolto carente nella visione globale

Grandangolare: ideale per una buona prospettiva....ma solo di insieme

Standard: va un po’ bene per tutto ma non eccelle in niente

Psicofotografi di answers a voi gentil parola

Aggiornamento:

dai ayanka....mica sono belle solo le foto commerciali!! :))

Aggiornamento 2:

Ah ah esagerata Clode.....credimi con me basta e avanza l’obbiettivo normale

Aggiornamento 3:

nenuz mi sa che la tua e' la condizione migliore :)

Aggiornamento 4:

Giorgimarega....... sono senza parole!!!! Ci hai regalato (a mio modesto parere) un bellissimo micro racconto!!!!

Grazie!!!!

25 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Niente obiettivo. Il corpo della macchina fotografica direttamente attaccato sul tubo dell' intramontabile microscopio Beck Kassel. Niente elettonica. Pellicola 35 mm colori, di buona latitudine di posa. Un cerchio di luce dai bordi sfumati sulla foto. Misure da prendere, ombre incerte, bordi fantasma da scoprire nell'enfasi della camera oscura.

    Tre obiettivi; 5x, 20x, 40x in sequenza sul disco portaobiettivi. Campione per trasparenza o per luce radente, un grande impegno a giocare con contrasti, colori e ombre.

    Vedo il particolare, mi trastullo su di esso, scopro le intimità della psiche in quei granellini di caffè o la cura della mano che lappò quella fibra ottica. Alla fine del rito un brevissimo istante: uno scatto, la tendina si apre e la pellicola è esposta.

    Assomiglio a quel macchinario che estrae il dettaglio più intimo, il segreto più profondo, lo scruta da mille punti di vista denudandolo. Non mi basto essere obiettivo. La psiche mi porta a scoprire il velo di Madre Natura nel più profondo, dimenticandomi di quanto interferisce con il piccolo gioiello della scoperta; un minuscolo pezzettino da usare per tendere al Bene. Tutto il resto intorno è solo la tenue luce ambrata del laboratorio. Il freddo del piano di granito mi precipita nella realtà a portata del corpo.

    Oggi. Il mio giovane collega manovra uno joystick intanto che guardiamo tutti insieme sullo schermo del computer la grana di una ghisa, l'attacco chimico in una metallografia.la rotellina del mouse ingrandisce fino a sgranare, l'esperta percorre le ombre e le nette striature. Molock ci sovrasta. dietro il muro del laboratorio il carro ponte ha portato il colosso di acciaio, la testa robotizzata lo ha preventivamente esaminato, i tecnici hanno fatto un lavoro ciclopico preparando centinaia di punti di esame in pochi giorni.

    una serie di immagini standard sono presentate e correlate per mezzo di complessi calcoli basati sul trasformata bidimensionale di Fourier. Un nastro di dati appare a fianco dell schermo.

    Lo psicofotografo è nel mezzo degli stupiti visitatori.

    enter. Non si sente il click. Ma il rito è concluso.

    Ite missa est.

    Gli ingegneri escono. A gruppi discutono di qualità in vista del rituale dell'accettazione dell'opera.

    Bisogna essere obiettivi.

    Quando succederà in una azienda italiana?

    Saluti

  • 1 decennio fa

    Tessar 45 mm Zeiss Ikon,Tre lenti l'obbiettivo piu' semplice del mondo una definizione di immagine mostruosa ma poco luminoso

    Un obbiettivo semplice ma difficile da usare, mi ci riconosco perfino nel fatto che e' piccolo e corto

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Io vorrei essere un fucile da cecchino! :) Tiene a distanza e colpisce i punti vitali.

    http://cakonos.image.pbase.com/image/20426395.jpg

  • Anonimo
    1 decennio fa

    io sono per l'autoscatto...........ci devo essere sempre anch'io che dici ....esibizionismo?...o....feroce autocritica?baci you

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Che domanda fantastica. :)

    Decisamente macro, mio caro.....descrizione perfetta.

    Sono capace di spaccare un capello in 30 parti, e non accorgermi che è attaccato ad una parrucca. ^__^

  • Anonimo
    1 decennio fa

    non ho capito una beata funcia!!vedo tutto sfocato!!

  • 1 decennio fa

    direi un grandangolare, metto a fuoco più piani della visione, tutti allo stesso livello, un pò appiattiti ma cmq analizzati con gran precisione ed obiettività

    domanda eccellente Sir Gringos

  • 1 decennio fa

    Io penso di essere un obiettivo intercambiabile... posso essere zoom se devo vedere lontano, o macro se mi devo concentrare su qualcosa... senza mai dimenticare il grandangolare che ci fa sempre avere la giusta visione d'insieme. Nella vita occorre essere versatili e adattarsi a ciò che viene richiesto in ogni momento.

  • 1 decennio fa

    Macro: perfetto per entrare nel dettaglio di ogni singola cosa......vividamente ma moolto carente nella visione globale

    bella sta domanda.

  • 1 decennio fa

    Tzè.

    Un anonimo "Standard"....... mi adatto a tutto. O quasi. Non eccello in niente... tranne piccole e probabilmente inutili eccezioni.

    Ma esserne soddisfatta, secondo te, è grave?

    :-)

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.