prologo fantasy!!?

leggete e rispondete sinceramente plzzz...

questo l'ha scitto un mio amico!!

dite che ne pensate e non fate i lecchini perchè i 10 punti li do al piu sincero!!

La prima cosa che notò fu la bellezza. Una bellezza arcaica, quasi leggendaria. Il chi fosse quella persona passò in secondo piano, e la sua importanza e la sua rilevanza sociale non valse più nulla agli occhi di Fendhir. Ma ben presto dovette tornare alla realtà.

In fondo la regina Demiala restava la persona più importante di tutta Werlandia, colei che regna le foreste dei Halfling, le montagne dei Nani e le pianure degli Umani. E lui restava Fendhir, colui che nulla possiede se non la sua maestria nelle arti della negromanzia. Distolse lo sguardo dalla regina e cominciò a guardarsi intorno, cosa che prima non aveva ancora fatto. Il salone delle riunioni era più grande di quanto immaginasse. Il portone dai grossi battenti era di faggio boreale, quello delle terre a Nord-Est. Sicuramente lavorato per mano dei Nani. Il pavimento era di marmo bianco, e copriva l’intera stanza. Ai lati si trovava una luinga vetrata che dava sulle splendide montagne di Helbiorn.

E in fondo alla stanza la regina sedeva in attesa di cominciare la riunione.

Fendhir sedeva nella fiancata destra; di fianco a lui i soui compagni di alleanza, quella del Sud. Dall’altra parte della stanza quella del Nord, a destra quella dell’Ovest e a sinistra quella dell’Est.

Al centro della stanza si trovava il Negromante Superiore, capo di tutte le alleanza e zio della regina. Di fronte ad esso lo specchio delle moltitudini.

Lo specchio delle moltitudini, oggetto millenario e dalla storia mi steriosa. Si sapeva solamente che fu creato dagli Infiniti che popolavano Werlandia prima degli umani, dei nani e degli halfling. Lo specchio aveva uno straordinario potere: poteva infatti teletrasportare una persona in più luoghi, avendo così più corpi ma una sola coscienza.

Ma nessuno sapeva come utilizzarlo

Prima di morire Terionh, l’ultimo degli infiniti, aveva predetto che lo specchio in mano degli umani avrebbe portato solo morte, e per questo non rivelò il segreto della formula per ativarlo a nessuno. Lo portò con sè nell’aldilà.

Finalmente il Negromante Superiore prese la parola – Dichiaro aperta questa riunione-.

Proseguì – Vi ho convocati qui, fratelli, per parlarvi di una grave situazione. Come saprete il duca di Zanias sta tentando ormai da tempo di spodestare la nostra regina per poi prendere lui stesso le redini del regno. Interi battaglioni di mercenari provenienti dall’estremo Sud si stanno appostando lungo il fiume Rya. Fratelli, la guerra è prossima.- L’aula si riempì di sussulti. Tutti parvero spaventati. – Lo sapevo, lo sapevo!- Fendhir non se ne poteva capacitare. Erano appena usciti da una guerra straziante e ne stavano per iniziare un’ altra. – Calmati Fendhri- lo rassicurò Erodon, amico e compagno di alleanza di Fendhir.

Tutti avevano il viso preoccupato tranne le regina che sembrava come assente, e il Negromante Superiore, che nella sua minuta statura sembrava un nano rispetto lo specchio.

5 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Sembra carino, ma c'è qualche errore di forma...tipo ripetizioni, frasi costruite in modo poco scorrevole.

    Spero che ci metta qualcosa di originale, perchè storie di elfi, nani, uomini ce ne sono tante... In bocca al lupo, scrivere un libro non è mai facile.

  • 1 decennio fa

    La forma è sicuramente da rivedere, evitando le ripetizioni e costruendo meglio le frasi in modo che la lettura sia più scorrevole.

    Eviterei anche frasi del tipo: ... "era di faggio boreale, quello delle terre a nord-est..." perchè secondo me, dato che oggi tutti pensano di poter scrivere un fantasy, quello che conta è riuscire ad essere davvero originali nella storia e nei personaggi e non riempire le frasi di aggettivi che a volte sono superflui ed hanno l'unico risultato di appesantire i periodi.

    Non è male ciò che il tuo amico ha scritto ma sinceramente se dovessi decidere di comprare il libro sulla base di questo brano, non lo farei perchè non c'è nulla di particolare che mi abbia colpito.

    Cmq dì al tuo amico di non arrendersi. In bocca al lupo!

  • 1 decennio fa

    secondo me è molto bello e merita di essere continuato. dì al tou amico di non perdersi d'animo e di continuare!

  • 1 decennio fa

    Il tuo amico ha una bella fantasia, ottima per un fantasy, però la lettura di un romanzo fantasico andrebbe facilitata dall'autore. Essendo il fantasy un genere ricco di nomi inventati e luoghi fuori del tempo, lo scrittore dovrebbe facilitare la lettura prolungandosi sulle descrizioni e formulando frasi elaborate ma non complesse.

    L'elaborazione della frase è indice del livello culturale dell'autore, la complessità mostra l'incapacità dello stesso di trasmettere un concetto, ma credo che questo non sia principalmente il problema del tuo amico.

    Se lo rileggesse ad alta voce noterebbe poca fluidità e una grande fantasia, caratteristiche che non possono conciliarsi tra loro. Corretto leggermente nella forma, sarebbe perfetto!

    Un suggerimento: all'inizio c'è scritto: la prima cosa che notò fu la bellezza. Una bellezza arcaica...

    La frase è stata interrotta da un punto, eppure continua nella successiva, ti suggerisco di riscriverla così: la prima cosa che notò fu la bellezza, una bellezza arcaica...

    Rileggi il teso soffermandoti sulle punteggiature, noterai che esse lo interrompono più volte senza motivo.

    Dì al tuo amico di continuare a scrivere...se pubblica qui qualche altro frammento io verrò aleggerlo. Ciao!

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Mmm...non credo sia giusto parlare di fiancate quando si intende le parti interne di un edificio. Riguardo il paragrafo:

    "Fendhir sedeva nella fiancata destra; di fianco a lui i suoi compagni di alleanza, quella del Sud. Dall’altra parte della stanza quella del Nord, a destra quella dell’Ovest e a sinistra quella dell’Est."

    invece di sottolineare il collocamento dei punti cardinali sarebbe meglio dare una definizione caratteriale o anche estetica di queste alleanze. Es: vestiti d' arancione quelli dell' ovest.

    O, se è importante la disposizione di queste alleanza, usare comunque una frase più incisiva.Es: collocate ai rispettivi punti cardinali(spero che riesca a trovarne una meglio di questa).

    Non ti posso dare un parere sui contenuti perchè non amo molto il genere, però mi sembre abbastanza intrigante. C'è qualche ingenuità nella forma che può essere corretta solo leggendo molto, non solo libri fantasy.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.