Anonimo
Anonimo ha chiesto in SaluteMalattie e disfunzioniMalattie del cuore · 1 decennio fa

Un cardiopatico, con una lieva cardiopatia dilatativa, può viaggiare in aereo????

Purtroppo da anni soffro di una lieve cardiopatia dilatativa al ventricolo sx, sono in cura specialistica, assumo i farmaci di rito, quali betabloccanti, antipertensivi, farmaci per il colesterolo e ho una lieve forma di diabete di tipo 2, trattato per via orale. Da 8 anni, non salgo su un aereo, i cardiologi del centro dove sono in cura, qualche anno fa, mi dissero che avrei potuto prendere l'aereo, perché essendo pressurizzato, non incide su niente, prima di richiederlo domani, visto che mercoledì, devo partire urgentemente per Londra, cause famigliari, volevo sentire il vostro parere. Premetto che faccio una vita normale, anche se l'attività lavorativa mi è stata sospesa dall'inabilità datami.

Aggiornamento:

@Carmen M

Traduco la tua risposta, visto che sono napoletano come te: "Oh madonna, e chi lo sa?"

8 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    L'aereo viene sconsigliato ai cardiopatici gravi con fattori di eiezione molto ridotti ed ad altri pazienti portatori di gravi disfunzioni del circolo, a causa della depressurizzazione rispetto al suolo ed alla ridotta quantità di ossigeno presente nel velivolo quanto è in crociera. Tutti i velivoli, a prescindere dall quota di volo (che varia dai 9000 ai 12000 metri) mantengono infatti al loro interno una pressurizzazione analoga a quella che si avrebbe trovandosi a 1800 metri di quota. Si tratta di un valore generalmente accettabile da una persona con la tua patologia, poiché la differenza di pressione fra quota 1800 ed il suolo è ridotta, così pure la riduzione dell'ossigeno nel velivolo è minima. In ogni caso,al momento d richiedere il biglietto farei presente il tuo stato di salute alla compagnia, al fine di predisporti (più per tua serenità personale) una piccola bombola di ossigeno personale, vicino al posto che ti verrà assegnato.

    Buon volo

  • ANDREA
    Lv 7
    1 decennio fa

    certamente

  • ?
    Lv 6
    1 decennio fa

    Per esperienza diretta ti dico che viaggiare in aereo non è controindicato per una persona affetta da cardiopatia dilatativa..........

    Per anni io e il mio compagno ci siamo girati il mondo e l' abbiamo fatto sino che non è sopravvenuta un altra patologia che però non aveva niente a che fare con la sua cardiopatia....

    Nessun caso è eguale al l' altro ma, se le cose stanno come dici, ti consiglio di andare dove ti porta.. il cuore !!!!

  • MARA
    Lv 4
    1 decennio fa

    Ho preso delle info da alcuni siti:

    http://www.dica33.it/argomenti/salute_viaggi/cuore...

    http://www.sanihelp.it/news/scheda/2922.html

    Riassumendo mi pare che dicano che si può prendere tranquillamente, basta che rispetti certe condizioni, ti premunisci evitando di mangiare cose sbagliate e posture errate del corpo!

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Certo che puo prendere l'aereo!!

    Conosco gente che ha preso l'aereo pur avendo due aneurism cerebrali...e nonostante il minimo rischio che poteva correre..non ha avuto alcun problema!!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    ù marò boh..

  • 4 anni fa

    Se stai cercando un modo naturale per abbassare il colesterolo totale, senza assumere farmaci, ti cosiglio questo sistema http://guariredalcolesterolo.teres.info/?104d

    Purtroppo sul colesterolo c’è molta ignoranza in giro e quando parlo di ignoranza non mi riferisco solo alle persone comuni, ma soprattutto alla maggioranza di medici, nutrizionisti e riviste salutistiche di vario tipo.

  • 4 anni fa

    Consiglio un ottimo sistema naturale che può aiutare chi soffre di diabete http://guarirediabete.teres.info/?2dM0 Le basi della terapia del diabete sono il corretto stile di vita e l’alimentazione adeguata, personalizzati sulla base del tipo di diabete, dell’età, del grado di sovrappeso e delle esigenze individuali quotidiane. Questo prodotto può aiutare molto ma deve comunques essere affiancato da una cura medica vera e propria.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.