Anonimo
Anonimo ha chiesto in Casa e giardinoFai-da-te · 1 decennio fa

E' possibile alimentare un dispositivo elettrico allacciandolo alla rete da una scatola di derivazione?

E' possibile fare un collegamento alla rete elettrica direttamente dalla scatola di derivazione di una stanza?

Se è possibile, come si fa? eventualmente senza scollegare le prese già esistenti nella stanza...

Grazie agli esperti che vorranno rispondere!

Aggiornamento:

E' possibile fare un collegamento alla rete elettrica direttamente dalla scatola di derivazione di una stanza?

Se è possibile, come si fa? eventualmente senza scollegare le prese già esistenti nella stanza...

Grazie agli esperti che vorranno rispondere!

Edit, a beneficio di chi l'ha chiesto: la stanza ha un uso un po' particolare (non abitativo, anche se è dentro un appartamento) e capita che le 3 prese esistenti (tutte dotate di ciabatte) siano già occupate (sì: proprio da *27* apparecchi elettrici, grazie a dio a bassa potenza (per la bolletta, mica per altro)). Ora, solo per una settimana devo per forza aggiungerne un altro, che funge a 220 V ac e assorbe solo una ventina di mA. E' una sorta di temporizzatore con una normalissima spina. L'unica soluzione (tanto è solo per una settimana) è tagliare l'estremità della spina e collegare i fili direttamente ad una scatola di derivazione. (che, sì, rimarrà aperta).

5 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Alcune premesse:

    1°) le attuali leggi sulla sicurezza, riservano questi interventi a personale tecnico qualificato e certificato.

    2)° Solitamente nella scatola di derivazione trovi due tipi di alimentazione (per luci e per le prese) quindi devi identificare il tipo di alimentazione che ti necessita altrimenti potresti trovare dei problemi(dimensionamento cavi e interruttore sezionatore con basso amperaggio) un grosso errore è connettere una futura presa ad una alimentazione per luci. Inoltre i nuovi cavi devono essere correttamente dimensionati, di potenza diametro 2,5 mm quadri per i vari circuiti prese, 2,5 mm quadri per ciascun

    elettrodomestico di una certa importanza (Lavatrice, forno, boyler,lavapiatti, frigo ecc.).

    1,5 mm quadri è sufficiente per alimentare le singole luci.

    3) Devi poi identificare la dorsale elettrica che arriva dall'interruttore (solitamente magneto termico) che permette il sezionamento della linea e un suo intervento in caso di problemi di rete.

    4) Qualsiasi operazione va effettuata solamente con l' interruttore principale disinserito. (per sicurezza consiglio di disinserire tutti gli interruttori del quadro elettrico)

    procedura:

    A) dalla scatola di derivazione si trovano cavi provenienti da un interruttore che attraverso dei mammut o dei morsetti isolati distribuiscono l' energia a punti luce. .(fase neutro e terra) allenta i tre morsetti connetti il nuovo cavo tripolare che andrà sistemato in una canalina di protezione fino al punto di utilizzo (che sarà? una nuova spina ? nuovo punto luce ?) Ulteriore indicazione: dato che il cavo dovrà essere posto in una canalina meglio se acquisti un cavo a doppio isolamento)

    Ciao

  • Anonimo
    1 decennio fa

    certo che è possibile,stacca la corrente,apri la scatola di derivazione,individua la linea dove ti vuoi allacciare(possibilmente la linea prese,è quella con i conduttori di sezione più grande),apri i morsetti terminali sui conduttori e allaccia il dispositivo che vuoi,ma attento che sia alimentato a 220 volt.

    la linea è composta da due fili,il neutro di colore blù..e la fase di colore nero,o marrone,o grigio.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    certo che è possibile ,pero' devi controllare l'assorbimento elettrico del tuo dispositivo e sincerarti che la linea a cui lo colleghi sia di sezione adeguata,.....la linea di solito e' di colore azzurro (neutro) e nero,/grigio/marrone (fase) pero dalla domanda che poni mi sa che è meglio che chiami un elettrcista

  • 1 decennio fa

    si che è èpssibile

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Si, ma a che scopo?

    Nella scatola di derivazione arrivano i fili di alimentazione, poi ripartono tutti i fili alimentati, per le varie prese.

    Nella migliore delle ipotesi tenuti insieme con capicorda, nella peggiore nastrati.

    Dovresti minimo disfare i tre mazzi di fili, fase, neutro e terra, aggiungere il nuovo dispositivo e ricollegare il tutto.

    La scatola poi la lasci aperta?

    Non capisco a cosa ti serve, non è piu' semplice usare una presa?

    @@@@@@@@@@@

    Letto la spiegazione.

    Premetto che tutte quelle ciabatte sono comunque un rischio.

    Ti conviene, aperta la scatola, trovare in base hai colori i tre fili di alimentazione, ci aggiungi altri tre fili, stessi colori lunghi 20 cm e li intesti su una presa volante da 25 A.

    Ricorda che il gialloverde va al centro.

    Così non dovrai tagliare il cavo di alimentazione del nuovo dispositivo, una volta che non ti occorre piu' puoi richiudere il tutto, presa volante compresa, buona per una prossima volta.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.