imica ha chiesto in Arte e culturaStoria · 1 decennio fa

cos'è la cortina di ferro? e ki l'ha usata x primo?

5 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Non è un'arma: fino al 1989/1991 era la simbolica linea di demarcazione fra l'Europa "libera" dominata ("alleata") degli usa e quella delle "democrazie popolari" dominata dall'Urss. Di fatto era il simbolo di una più ampia spartizione del potere sull'intero pianeta. Inizia ad esistere come concetto già nei primi gg del dopoguerra, ma quando gli alleati occidentali si vedono costretti a rifornore Berlino con un ponte aereo dato che la parte Est della Germania di fatto viene posta sotto la tutela Urss e viene eretto in città il famoso Muro (1961/1989), nasce il concetto. In effetti lungo i confini dei paesi comunisti da una parte e quello tedesco-occidentale, austriaco ed italiano dall'altra si ergono fortificazioni e sbarramenti sia bellici che anti-sconfinamento. Le fortificazioni sono un ripescaggio ed integrazione dei sistemi già presenti prima del 1940 in Slovacchia ed Italia, integrati nei rispettivi sistemi d'alleanza. Quindi, da concetto astratto ora della fine degli anni 50 ed a maggior ragione negli anni 60 la "cortina" divenne una cosa materiale. Con la dissoluzione della repubblica federativa jugoslava, e con l'adesione dell'Austria ai patti europei del 1992, nel 1995 anche le ns fortificazioni così come pochi anni prima quelle slovacche vengono disattivate: sono testimoni ferrei e cementizi del valore concreto di questa "cortina".

  • Anonimo
    1 decennio fa

    CORTINA DI FERRO è l'espressione usata da W. Churchill nel 1946 per definire la separazione dei paesi dell'Europa occidentale dagli stati socialisti dell'Europa dell'est. Divenne alquanto usuale all'epoca della guerra fredda.

    Il termine deriva da un lungo discorso di Winston Churchill del 5 marzo 1946 tenuto a Fulton (Missouri):

    "Diamo il benvenuto alla Russia nel suo giusto posto tra le più grandi Nazioni del mondo. Siamo lieti di vederne la bandiera sui mari. Soprattutto, siamo lieti che abbiano luogo frequenti e sempre più intensi contatti tra il popolo russo e i nostri popoli. É tuttavia mio dovere prospettarvi determinate realtà dell'attuale situazione in Europa. Da Stettino nel Baltico a Trieste nell'Adriatico una cortina di ferro è scesa attraverso il continente. Dietro quella linea giaciono tutte le capitali dei vecchi stati dell'Europa Centrale ed Orientale. Varsavia, Berlino, Praga, Vienna, Budapest, Belgrado, Bucarest e Sofia; tutte queste famose città e le popolazioni attorno ad esse, giacciono in quella che devo chiamare sfera Sovietica, e sono tutte soggette, in un modo o nell'altro, non solo all'influenza Sovietica ma anche a una altissima e in alcuni casi crescente forma di controllo da Mosca".

    Questo discorso rese popolare questa espressione e la fece conoscere al grosso del pubblico.

    Anche se la frase non fu bene accolta a quel tempo, con il rafforzarsi della guerra fredda, guadagnò popolarità come riferimento rapido alla divisione dell'Europa. La cortina di ferro servì a tenere la gente all'interno e l'informazione all'esterno, e la metafora guadagnò un'ampia accettazione ad Ovest.

    Con il rilassamento della contrapposizione tra le nazioni del "mondo libero" e quelle dietro la cortina di ferro, e con la fine della guerra fredda, il termine viene ormai usato solo in ambito storico.

    Spero di esserti stata d'aiuto. . .

    Un caro saluto. ^^

    Cecilia.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Era la linea di demarcazione tra Europa occidentale ed Europa orientale...

  • Anonimo
    1 decennio fa

    la cortina di ferro è il termine ke usò Winston Churchill in un suo discorso x definire la situazione di divisione e contrasto tra il blokko occidentale e qll sovietiko dp la 2a guerra mondiale

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Cortina di ferro" è un termine utilizzato ad occidente per indicare la linea di confine che divise l'Europa in due zone separate di influenza politica, dalla fine della seconda guerra mondiale alla fine della guerra fredda. Durante questo periodo, l'Europa orientale era sotto il controllo politico e/o l'influenza dell'Unione Sovietica, mentre l'Europa occidentale godeva della libertà politica.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.