Sebastian ha chiesto in Matematica e scienzeFisica · 1 decennio fa

Come si ottiene il nero sugli schermi?

Per chiarire, come fa un proiettore a proiettare "luce nera" sul muro bianco, o un monitor a visualizzare caratteri neri, se è vero che il nero non è un colore, nè una somma di colori, ma si ottiene assorbendo la luce o in mancanza di essa.

Aggiornamento:

Per i proiettori, mi riferisco a quelli che si collegano al pc ad esempio. Non credo che utilizzi parti opache, perché ad esempio se io proietto un'immagine nera su un muro bianco, il muro diventa effettivamente più scuro.

2 risposte

Classificazione
  • Quasar
    Lv 7
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Con i proiettori si ottiene interponendo una diapositiva opaca o con parti opache che impediscono alla luce della lampada di giungere nelle zone volute. Il nero non è proprio nero, ma semplicemente, nella scala dei grigi, più scuro delle parti adiacenti illuminate.

    Nei monitor a cristalli liquidi si ottiene spegnendo i led che si trovano nella posizione dei pixel interessati al nero. Anche qui li vediamo molto più scuri degli altri. Li vediamo al loro colore naturale in mancanza di eccitazione. A volte si ricoprono gli schermi con un materiale plastico (leggermente scuro, ma comunque trasparente) che esalta la mancanza di luce per rendere il nero più marcato.

    Stessa cosa con i monitor al plasma, si spengono i mini tubi fluorescenti interessati all’area da rendere nera.

    Nei monitor CRT (tubo catodico) si ottiene ponendo il potenziale di griglia controllo a zero o negativo negli istanti in cui il pennello elettronico deve descrivere un contorno nero, interdicendo il passaggio del pennello elettronico stesso che non eccita i fosfori in quel particolare punto; i fosfori non eccitati non emettono nessuna luce e la parte la vediamo scura. Anche qui è d'uso adoperare vetri di copertura che esaltano il nero attenuando la luminosità intrinseca dello schermo.

    -------------------------------------

    I proiettori professionali che si collegano ai PC per proiettare l'immagine sullo schermo fanno attraversre alla luce di proiezione un dispositivo che è una vera e propria diapositiva elettronica ottenuta attraverso una lastra di vetro polarizzata, a volte target di una telecamera incorporata, o secondo schermo prelevato dall'uscita ausiliaria del PC, oppure lo stesso schermo LCD con speciale trasparenza. Anche l'economico sistema a specchio sfrutta lo stesso fenomeno. Se la parte attraversata è più opaca delle altre o riflette meno luce, il muro (lo schermo) non viene illuminato, quindi non rimanda indietro nessuna radiazione luminosa (o ne rimanda una minima parte) e l'occhio la vede scura. D'altronde, in una stanza completamente bianca, se fai buio completo il bianco dei muri li vedi neri, anzi, non li vedi affatto. I colori dipendono dalla radiazione luminosa restituita all'occhio per riflessione. Se la radiazione manca o è minima l'occhio vede il nero o, sulla scala dei grigi, una parte più scura.

    Esistono anche dei proiettori a tre fasci con i colori fondamentali RGB, se interdici tutti e tre i proiettori la risultante sarà un pixel nero, o meglio, un grigio poco luminoso.

    PS.: Comunque hai detto bene, il muro diventa più scuro, non completamente nero. Se ne vuoi la prova fai il buio completo nella stanza in modo che non si veda assolutamente niente e poi proietta un'immagine "nera" sulla parete, vedrai che il muro diventerà leggermente più luminoso del resto della stanza, a riprova che il nero che vediamo noi è relativo, si pone su una scala di grigi in un punto abbastanza basso da dare l'impressione, a confronto degli altri colori presenti nella scena, di essere nero.

    -

  • 1 decennio fa

    Forse dovresti partire da un ragionamento diverso. E' d'uso comune ritenere un colore il riflesso (effetto) di una certa frequenza ottica...quando esso in realtà e ciò che rimane dal filtraggio (causa) di parte o tutte le altre frequenze.

    Quindi forse è sbagliato dire che non esiste una luce Nera (da non confondere con la luce delle lampade Nere in uso talvolta in certe Discoteche...dall'effetto ultravioletto).

    Più appropriato parlare di un raggio luminoso..filtrato nella quasi totalità delle sue frequenze..che darà per risultato un grigio più o meno intenso a seconda della luminosità ambientale e della % di filtraggio

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.