riassunto....COKETOWN(CHARLES DICKENS)!!!!!!!!!!!!!!!!!?

raga mi serve il riassunto di coketown.....aiuto x favore!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

1 risposta

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    La metafora più forte inventata da Dickens per descrivere gli aspetti negativi dell’industrializzazione è la città di Coketown, il cui nome (“città del carbone”) allude significativamente al materiale su cui si fonda tutta la civiltà industriale dell’Ottocento. Dickens specifica che Coketown, come le metropoli di oggi, era riconoscibile da lontano per la cappa di fumo e di smog che la sovrastava ininterrottamente. Un’altra caratteristica di questa città-modello della rivoluzione industriale è l’uniformità: strade, case, fabbriche, tutto è riprodotto in esemplari identici l’uno all’altro. Come scrive Dickens: «La prigione avrebbe potuto essere l’ospedale, l’ospedale avrebbe potuto essere la prigione, il municipio avrebbe potuto essere o l’uno o l’altro oppure tutti e due, o anche qualsiasi altra cosa, perché nulla, nelle linee aggraziate di quegli edifici, serviva a identificarli». Perfino le persone «entravano e uscivano tutte alla stessa ora, facendo lo stesso scalpiccio sul selciato, per svolgere lo stesso lavoro». E infine anche il tempo è essenzialmente uniforme: «l’oggi era uguale all’ieri e al domani, e ogni anno era la replica di quello passato e di quello a venire».

    n Il capitolo da cui è tratto il brano che segue si intitola “La nota dominante”. La metafora, ripresa dalla teoria musicale degli accordi, evidenzia la dimensione sonora (il rumore senza sosta dei macchinari) della città industriale e contemporaneamente il fatto che la città rappresenta lo sfondo che avvolge e in qualche modo spiega gli eventi della narrazione.

    Coketown è prodotta dalla stessa logica che sta alla base dell’educazione scolastica criticata da Dickens, di cui Mr. Gradgrind è il simbolo, per la quale il fattore decisivo è l’oggettività dei fatti scientificamente misurabili e tecnicamente controllabili. Sul piano psicologico, però, la conseguenza di questa impostazione è la «follia malinconica» a cui si allude paragonando il movimento degli stantuffi a quello della testa di un elefante. Dickens si fa allora portavoce dell’immaginazione come di un diritto e di un bisogno della natura umana.

    Coketown, verso la quale dirigevano i loro passi Gradgrind e Bounderby, era un trionfo di fatti; non c’era la benché minima traccia di fantasia lì, non più di quanto ce ne fosse nella signora Gradgrind. Prima di eseguire l’intera melodia, facciamo risuonare la nota dominante: Coketown.

    Era una città di mattoni rossi o, meglio, di mattoni che sarebbero stati rossi, se fumo e cenere lo avessero consentito. Così come stavano le cose, era una città di un rosso e di un nero innaturale come la faccia dipinta di un selvaggio; una città piena di macchinari e di alte ciminiere dalle quali uscivano, snodandosi ininterrottamente, senza mai svoltolarsi del tutto, interminabili serpenti di fumo. C’era un canale nero e c’era un fiume violaceo per le tinture maleodoranti che vi si riversavano; c’erano vasti agglomerati di edifici pieni di finestre che tintinnavano e tremavano tutto il giorno; a Coketown gli stantuffi delle macchine a vapore si alzavano e si abbassavano con moto regolare e incessante come la testa di un elefante in preda a una follia malinconica. C’erano tante strade larghe, tutte uguali fra loro, e tante strade strette ancora più uguali fra loro; ci abitavano persone altrettanto uguali fra loro, che entravano e uscivano tutte alla stessa ora, facendo lo stesso scalpiccio sul selciato, per svolgere lo stesso lavoro; persone per le quali l’oggi era uguale all’ieri e al domani, e ogni anno era la replica di quello passato e di quello a venire.

    Questi attributi di Coketown erano in gran parte inseparabili dall’industria che dava da vivere alla città; su questo sfondo, in contrasto, c’erano gli agi del vivere che si diffondevano in tutto il mondo; c’erano la raffinatezza e la grazia del vivere che contribuivano – non indaghiamo in quale misura – a creare quella gentildonna elegante che storceva il nasino al solo sentir nominare il luogo or ora descritto.

    Non c’era nulla a Coketown che non stesse a indicare una industriosità indefessa. Se i seguaci di una setta religiosa decidevano di erigere una chiesa – cosa che avevano fatto i seguaci di diciotto sette – ne saltava fuori un pio magazzino di mattoni rossi, sormontato, a volte (ma soltanto negli esemplari più raffinati), da una campana racchiusa in una specie di gabbia per uccelli. Unica eccezione era la Chiesa Nuova: un edificio intonacato che, sopra alla porta principale, aveva un campanile quadrato con in cima quattro pinnacoli simili a robuste gambe di legno. In città tutte le insegne degli edifici pubblici erano negli stessi identici austeri caratteri bianchi e neri. La prigione avrebbe potuto essere l’ospedale, l’ospedale avrebbe potuto essere la prigione, il municipio avrebbe potuto essere o l’uno o l’altro oppure tutti e due, o anche qualsiasi altra cosa, perché nulla, nelle linee aggraziate di quegli edifici, serviva a identificarli. Fatti, fatti, fatti dappertutto nell’aspetto materiale della città; fatti, fatti, fatti dappertutto in quello immateriale. Era un fatto la scuola di M’Choakumchild, era un fatto la scuola di disegno, erano fatti i rapporti fra padrone e operaio; solo fatti si estendevano fra l’ospedale in cui si veniva alla luce e il cimitero, e quello che non si poteva esprimere in cifre, che non si poteva comperare al prezzo più basso e vendere a quello più alto, non esisteva, non sarebbe esistito mai, nei secoli dei secoli, amen.

    In una città così dedita al fatto, così trionfalmente sicura della sua supremazia, naturalmente tutto andava a gonfie vele, vero? Be’, non proprio. No? Povero me!

    No. Dai suoi altiforni la città non usciva splendente e radiosa come un pezzo d’oro purificato dal fuoco. C’era innanzitutto un mistero imbarazzante: chi erano i seguaci delle diciotto sette religiose? Di chiunque si trattasse non erano certamente gli operai. Strana sensazione quella che si provava alla domenica mattina, quando, passeggiando per le strade, ci si rendeva conto quanto fossero pochi coloro che, rispondendo al barbaro richiamo della campana che faceva impazzire la gente con i nervi a pezzi o ammalata, lasciavano i loro alloggi, le loro anguste stanze, gli angoli delle strade dove indugiavano con aria svogliata, guardando quelli che si recavano in chiesa o alla cappella, come se la cosa non li riguardasse affatto. Non erano soltanto i forestieri a notare tanta indifferenza; a Coketown stessa era sorta un’associazione i cui membri, a ogni sessione della camera dei Comuni, inoltravano indignate petizioni, sollecitando l’emanazione di una legge che imponesse con la forza a quella gente di diventare religiosa. [...]

    Dai un'occhiata anche qui: http://www.intercom.publinet.it/cs/3cs2.htm

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.