Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scuola ed educazioneEducazione - Altro · 1 decennio fa

bambini...parlano in sardo..è giusto?

vi vorrei chiedere un parere sulla situazione dei bambini della sardegna centrale(barbagia,ogliastra,logudoro,planargia,ecc)...cioè parlano in sardo già da 5-6anni..non distiguono la lingua italiana che dovrebbero saper parlare...dal dialetto che è bene saper parlare..ma cn gli anziani..nn in casa con i fratell e genit...il problema è che i nuoresi sn convinti che loro fanno bene che siamo noi del sud della sardegna a sbagliare,che nn siamo sardi,che nn siamo attaccati alla terra...quasi fosse un vanto saper parlare la lingua sarda al contrario dell'inglese magari...più importante..che col sardo puoi parlare solo in metà sardegna e nn oltre..che la tradizione è solo tale..nn è indispensabile per quanto sia obbiettivam bn conservarla..i bambini andrebbero educati nel miglior modo possibile...nn a difendersi cn il coltello in tasca già da 12 anni...a vivere a contatto anke cn altra gente che nn sia del nuores..ma poi vedi certi ventenni studiare a cagl..in branco...si riconosc da lontan

Aggiornamento:

non voglio generalizzare naturalmente...ma purtroppo per la maggiorparte è così...è così bello saper parlare bene l'italiano..sarà perchè ho fatto anke un po di università..ma assicuro che mi ritengo fortunat di essere della zona mia del sud sardo e nn di quella del centro nord..nn avrei saputo ribattere a considerazioni del genere..è pura verità..c è talmente tanta ignoranza(questa è presente da che mondo è mondo)presso molte famiglie e comunità di amici nei paesetti ank della mia zona,che quasi ci si vergogna a parlare in italiano,perchè considerata ''lingua da continentali,per poca gente,per gente gasata,per ricchi,per snob,ecc'' insomma regna l'ignoranza..missà che,dal nuorese alla campania dal calabrese al siciliano oltre ke in veneto e un po ovunque cm testimoniato in periferia,quello che viene tramandato nn è tanto la cultura locale che va bene è importante ..ma una chiusura mentale a ciò che ci circonda e basta,cm dire che uscendo appena dalla provincia si perdono gli orizz!!!

Aggiornamento 2:

PER MARIANNA:

chissà perchè ascoltando proprio i tg..nn si sente da altrove che da quelle parti cio che che riguarda criminalità rapine vendette e sequestri...e se sei del sassarese non siete molto diversi ,nell entroterra intendo...nn generalizzo ma capita da voi nn da noi...parlo della sardegna ovviam sappiamo cosa succede in sicilia in campania ecc...quindi...poi i bambini col coltello è una estremizzaz...nn è certo una cosa che si vede abitualmente ma certo più probabile da voi che da noi.. è bene lo sappiano parlare ma nn come abbitudine...è da grezzi...cioè...nn è che poi si abituano così e parlano anke cn le maestre in sardo...nn sarebbe corretto..è da villani,da gente cn poca cultura da famiglie superficiali..molto molto arretrate..poi nn concepisco certi discorsi tipo ''popolo sardo''siamo molto diversi dai nuoresi e sassaresi quindi abbiamo solo l'insularità in comune e qualcosa della lingua...ma per fortna usanze e abbitud profondam diverse...per fortuna!!!

7 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Innanzitutto ki l'ha detta qst cavolata ke il sardo si parla solo nella zona centrale??? Io sono del nord Sardegna e sn stata anke al Sud...bhè vogliamo parlare dei Cagliaritani???nn credo sono migliori dei nuoresi!!!!anzi...la cultura nn è di certo nn avere il proprio accento. E i romani? E i napoletani? E i Toscani? E i Milanesi? cos'è loro sn senza accento?nn mi pare proprio! è giusto ke sia kosì. La sardegna e IL SARDO nn è da sottovalutare tanto meno da discriminare. C'è tanta gente laureata da ogni parte d'Italia e nn negano affatto il loro accento o il loro dialetto. Anke quella è cultura. Saper il proprio dialetto è solo un vantaggio. Certo l'italiano è fondamentale ma sn stanka di sentire ke i Sardi nn sappiano parlare l'italiano solo perchè quando ci si rivolge in CASA PROPRIA dv ogniuno è libero di parlare km li pare parla il proprio dialetto. I bambini parlano così con le loro nonne,gli zìì,i parenti,ma se viviamo in Sardegna perchè nn dovremo parlarlo???????I romani parlano continuamente il romano,e x me è piacevole ascoltarlo perchè è km un proprio markio..nn li critico..per niente. E qst kosa della criminalità??? Per favore dai! I bambini nn crescono kn il coltello in mano solo perchè sono del centro Sardegna. Qst è veramente una c*****a enorme. Guarda il telegiornale ogni tanto e ti rendi conto ke qst kose accadono da x tutto in ogni parte DEL MONDO.

  • 1 decennio fa

    Certo, noi italiani dovremmo essere orgogliosi di parlare questa meravigliosa lingua dove Garibaldi e Mazzini si sono fatti il **** per noi future generazioni!!!!

    Ma chi che ***** glielo ha fatto fare???

    Anche se poi sono tutte frottole per le future generazioni gonze!!!

    Secondo i belgi, gli olandesi, i tedeschi ed inglesi e francesi sono orgogliosi dei loro dialetti e li considerano lingue da tenere ed insegnare.

    Noi perché scandalizzarci???

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Anche voi cagliaritani...in branco ... vi riconoscete

    Cosa c'è di male se un bambino impara a parlare il sardo e contemporaneamente l' italiano ?

    Io non sono nuorese ma non trovo in loro nulla di anormale .

    I coltelli più famosi della sardegna sono "la pattadese" e "l'arburese" ... quindi la passione è diffusa.

  • 1 decennio fa

    Io sono di Mogoro, ti assicuro che parlare il sardo è bello come parlare l'italiano, anche se a volte bisogna lasciare il dialetto e parlare un pò in italiano. Il fatto è che i nuoresi non vogliono far perdere alle nuove generazioni l'amore e il rispetto della propria terra, e cercano di farli parlare solo il dialetto. Questa non è una brutta cosa, anzi fa pensare quanto tengano i sardi alla loro terra, però privandogli l'italiano, gli aumentano le difficoltà per il futuro, soprattutto per il lavoro. Questo e tutto!!! Ciao!!!

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    concordo pienamente.,. il mio fidanzato è veneto e li tutti parlano dialetto e ripeto tutti anche i bambini di 2 anni..quindi la sua generazione è vissuta parlando solo dialetto e lui tuttora parla sempre dialetto e l'italino solo con me.. questo gli ha dato molti problemi all'inizio perchè parlava italiano ma con parole o frasi dialettali mentre adesso è migliorato molto.. le prime volte mi sentivo spaesata perchè tutti mi parlavano dialetto e io non lo conoscevo... l'unica cosa che mi da fastidio ma che non posso farci niente è che loro non gliene frega assolutamente di parlare italiano anzi sono stata io che mi sono dovuta abituare a loro.. qiìuindi per quello che hai detto ti do ragione dovrebbero le famiglie insegnare l'italiano.. perchè l'iatlia è grande non esiste solo la regione dove si vive..e inoltre si fa un po la figura degli ignoranti

  • 1 decennio fa

    ciao credo che parlare solo il dialetto non sia giusto perchè si verificano casi in cui l'italiano è indispensabile quindi chi crede che sia importante solo il dialetto mi sa che ha un livello culturale veramente basso.comunque ogni famiglia educa i propri figli come vuole e nessuno puo' metterci lingua.ps per elisa c sono napoletano e ti assicuro che non tutti i campani parlano solo il dialetto forse hai avuto esperienze negative ma napoli è abitata anche da professionisti che il dialetto neanche lo conoscono.quindi cerca di non essere troppo ignorante e soprattutto impara a fare distinzioni tra persone e persone.forse dove abiti tu ci sono solo persone blasonate?non credo proprio.ciao

  • 1 decennio fa

    io sono del sud sardegna ma ti assicuro che gli abitanti del nord soprattutto nuoresi parlano un italiano perfetto. . . e poi scusa sei mai stato in campania o in sicilia????parlano tutti il dialetto.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.