produzione pellets?

salve a tutti.

Ho già scritto un messaggio a riguardo è ho avuto delle ottime risposte da qualcuno di voi.Ma ho ancora bisogno di aiuto e chiarimenti.C'è qualcuno fra i partecipanti di questo forum che conosce bene il ciclo di produzione del pellets da segatura,che macchinari occorrono x tutto il ciclo e che costi bisogna affrontare?x chi leggesse x la prima volta i miei mess."ho intenzione di iniziare a produrre pellets con maggioranza segatura di faggio,tutto questo all'estero in un paese dell'est e quindi mi servono delle informazioni utili ad iniziare.grazie spero che qualcuno mi possa dare ancora delle informazioni utili.buona domenica.

Aggiornamento:

ciao francyp92.

grazie per la risposta.

il materiale è segatura in gran parte di faggio quindi con un'umidità tra il 7/10%.per quanto riguarda le prospettive futute secondo il miopunto di vista grazie al petrolio che nn ne vuole sapere di scendere come prezzo è l'unica soluzione alternativa.la materia prima nn è difficile da reperire visto che ci sono grandi quantità di foreste e quindi segherie.il mio problema è riuscire a capire in grandi linee la spesa iniziale dei macchinari con una produzione oraria di circa 200kg di pellets.ho sentito parlare di macchinari compatti a riguardo ma nn so di che si tratta di preciso.grazie

Aggiornamento 2:

ciao zio rex grazie per la tua risposta.

Quindi dalla tua risposta deduco che esiste un macchinario compatto che fa tutto tranne l'insacco nn sai dirmi quale ditta produce questi macchinari?in che zona vivi?

2 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    http://www.energie-rinnovabili.net/pellet

    guarda se può tornarti utile e comunque oltre al faggio ci vuole un legante come il mais........o il girasole.......come usano dove lavora mio marito...............buona domenica

    io i dati tecnici non li conosco so che mio marito ha un silos che si riempe della segatura della falegnameria annessa, collegato con un macchinario che permette di far uscire il pellet gia pronto e lui deve solo insacchettarlo ad una pesa li vicino in piccoli sacchetti da 15 kg e farne dei bancali da circoscrivere con le etichette della composizione del pellet stesso................zio Rex

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Oggi, allo stato attuale della situazione del mercato ITALIANO, Il consiglio è di capire le prospettive future per non trovarsi dopo alcuni anni ad avere delle forti difficoltà dovute ad una mancata analisi reale.

    Ogni qualvolta si affronta la costruzione di un impianto di pellets, deve essere ben chiaro:

    - tipo di prodotto: Es. Legno: abete, faggio, pioppo.....

    - stato del prodotto: Trucciolo, polverizzato, grosse dimensioni.

    - umidità del prodotto (DATO FONDAMENTALE) minore o maggiore di 10 %....

    - reperibilità e costi di materia prima

    infatti questi impianti, soprattutto nel caso del legno, non convengono se la materia prima deve essere acquistata.

    Inoltre, un mercato è interessante se, oltre che la richiesta, c'è sempre sicurezza nel reperire la materia prima.

    Tutti gli impianti per produrre il pellets, indipendentemnte dal materiale, sono costituiti principalmente da :

    Zona raccolta

    Zona ESSICAZIONE (Se occorre)

    Zona Miscelazione

    Zona Macinatura Grossolana / Polverizazzione

    Zona Pressatura (termine tecnico: Cubettatura o Pellettatura)

    Zona Raffredamento prodotto

    Zona insacco

    Quindi, bisogna essere consapevoli che, si deve installare un processo industriale in base a quelle che sono le caratteristiche e condizioni iniziali della materia da lavorare. L'impianto dovrà essere progettato e costruito, non in base alle risorse economiche / tecniche in possesso del Cliente, ma dopo una reale valutazione della materia prima. Quindi il costo può essere valutato solo dopo che siamo venuti alla conoscenza delle caratteristiche del prodotto.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.