Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 1 decennio fa

Vi siete mai chiesti perchè la mucca ( o il toro) veniva spesso "ricordata" dalle antiche civiltà ?

.

Qual'è , secondo voi, il significato del simbolismo della mucca (o toro) sacro?

.

Aggiornamento:

x cip:

fuochino....

Aggiornamento 2:

x tesla:

fuochino....

Aggiornamento 3:

La domanda non è facile,

quindi fra un po' vi darò un aiutino.

(aspetto altre risposte)

Aggiornamento 4:

x einstein: acquetta....

Aggiornamento 5:

PS: ma non è difficile.

Aggiornamento 6:

x Violator:

fuochino....

Un 1° aiutino:

(il Padre Nostro).

.

Aggiornamento 7:

x Akra:

:-)

.

7 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Ma l'era del toro non era quella che veniva prima di quella dell'ariete, che veniva prima di quella dei pesci, che viene prima di quella dell'aquario?

    Le civiltà antiche ( prima del 2000 ac) erano nell'era del toro.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    I tori erano gli animali sacri al Dio sole. Chi venerava il toro, venerava il sole.

    Spesso in mezzo alle corna è rappresentato il disco solare.

  • 1 decennio fa

    Per quanto riguarda il Toro, si fa riferimento al periodo precessionale del toro che indicativamente va da circa i V mill. ac a metà del III mill. ac, quando poi sfocia nell'età dell'ariete.

    Per periodo precessionale si intende un periodo di circa 25800 anni in cui la Terra completa un giro del proprio asse (che è inclinato rispetto all'ellittica <orbita>) attorno alla verticale, simile a quella di una trottola.

    L'effetto che ne consegue è che ogni 2200 anni circa la Terra "entra" in segno zodiacale diverso e con percorso a ritroso rispetto allo zodiaco.

    P.es. ora siamo nell'Acquario, circa al tempo di Cristo il segno era quello dei Pesci (guarda caso il simbolo di Cristo è appunto quello dei pesci), nei 2200 anni precenti c'era quello dell'Ariete (simbolo di Mosè), prima ancora era il Toro.

    Eccoci arrivati al dunque.

    In ambito Egizio, il Toro appare ai tempi del I dinastia (intorno al 2700 ac) e simboleggiava il dio Api che fu venerato, appunto, sotto forma di un toro, nero con macchie bianche, scelto in base a particolari forme delle macchie stesse.

    Da notare che Mosè (Ariete) distrugge il vitello d'oro (Toro), cioè l'Ariete si sotituisce astrologicamente al Toro.

    Tornando in Egitto, prima del dio Api, esisteva e continuava ad esistere Iside/Hator (che viene rappresentata con in testa due corna di mucca che contengono un sole), dea della della maternità e della fertilità (sostituita poi da un dio maschile appunto Api, incarnazione di Ptha, il vasaio- modellatore-creatore dell'umanità). Il Patriarcato ha sostituito il Matriarcato.

    L'Uomo ha perso la sua parte femminile, Adamo modellato da Ptha, ha perso una costola (Eva la Madre primigenia), che attraverso il Serpente (Spirito Santo) cerca la Consapevolezza.

    Iside/Hator con le corna della mucca (grembo materno) che racchiudono il sole-Ra (figlio) come Eva primigenia, Madre dell'Umanità.

    Iside/Hator madre di dio

    Iside/Hator da cui è derivata l'iconografia della Madonna.

    http://taurinorum.com/testi/Hator.html

    http://www.medmedia.org/pubblicazioni/ISIDE-HORUS....

    http://it.wikipedia.org/wiki/Precessione_degli_equ...

  • 1 decennio fa

    :Un tempo la mucca era così importante per i Celti, che è stata considerata una forma di scambio monetario. Antichi signori irlandesi erano noti come l’aire-o signori della mucca. La mucca è sacra alla dea Brigida. La mucca simboleggia abbondanza e protezione; col suo senso materno può difendere il bambino interiore e provvedere a tutte le necessità quotidiane.

    La grande capacità della mucca di produrre latte in quantità per il vitello e per la gente rispecchia il prodigio e la meraviglia per l’allattamento al seno delle madri con i loro bambini. La bellezza della Dea e di tutte le donne che allattano è vividamente illustrata in un mucchio di dipinti dal Rinascimento in poi, basti pensare alle Marie che allattano i bambin Gesù.

    E la creazione del miele da parte delle api una volta era considerata una vera meraviglia della natura. La spiegazione scientifica della produzione del miele che coinvolge enzimi ed il polline dei fiori non era stata chiarita fino al 19° secolo. E il miele è la sostanza naturale che veniva considerata come la più buona del mondo.

    Il simbolo dei corni della mucca è collegato con la Madre Terra, la Dispensatrice di Latte – linfa vitale, nella maggior parte delle culture.

    Nell’Egitto Iside portava una specie di copricapo che faceva parte dell’acconciatura con una luna racchiusa ed abbracciata da due corna vaccine.

    Invece Hathor è la mucca celestiale, e le gocce del suo latte spruzzate qua e là hanno dato origine elle stelle che illuminano la notte: la Via Lattea.

    Che dire poi della cornucopia di origine romana? Un corno pieno di ricchezze, simbolo della fertile Madre Terra; simbolo di Fortuna e in genere simbolo di ringraziamento.

    Un importante ritrovamento degli scavi archeologici di Marija Gimbutas è la figura d’argilla di testa e corna bovine circondate da api. La figura è oltretutto da rimarcare per la rassomiglianza con gli organi interni della riproduzione femminile: utero, trombe di Fallopio e ovaie visti di fronte ricordano schematicamente proprio la testa di una mucca.

    In Lituania, l’antica arte della Divinazione (eseguita per lo più da donne) consisteva nel versare cera d’api nell’acqua e nell’interpretare le forme che vi apparivano.

    in egitto La mucca rappresentava la dea Hathor che era la principale divinità dell’amore e della fertilità, governava la bellezza e la musica. Veniva spesso rappresentata con una donna con corna di mucca o come una mucca che era uno dei molti simboli con cui venivano rappresentate le divinità materne. Il latte aveva per gli egizi un particolare significato rituale di resurrezione e purificazione.

    VACCA

    (Eso.) - In India, l'adorazione della vacca e del toro si basa sul fatto che la prima personifica la potenza produttiva (Surabhi, la Vacca dell'Abbondanza), ed il secondo il potere generativo della Natura. La Vacca è anche il simbolo animale della Luna e talora aveva come contrassegno la falce di Luna crescente. Ciò è solo una piccola parte del significato di questo simbolo, essendo esso uno dei più grandiosi e filosofici. Esotericamente lo troviamo fra i simboli che circondano Ardhanari, a rappresentare la quinta razza, quella Ariana. Secondo l'Aitareya Brahmana, Vach, la Vacca Melodiosa del Rig Veda dalla quale discende l'umanità, fu inseguita dal padre Brahma, in preda ad incestuosa voluttà. Per sfuggire a tale minaccia, essa fu mutata in cerco. Essa è Iside, Venere, la madre del Logos, che per Egizi ed Indù diventa il Toro. Nella filosofia esoterica, la vacca è la natura creatrice, il toro lo spirito che vivifica. L'idea di un "culto della vacca" è quanto mai errata e ingiusta. Nessun Egiziano adorava la vacca, nè qualche Indù adora oggi questo animale, anche se è vero che la vacca e il toro erano sacri in passato quanto oggigiorno, ma solo come il simbolo fisico di un ideale metafisico; proprio come una chiesa fatta di mattoni e malta è per il Cristiano civilizzato sacra in ragione delle sue associazioni e non per le sue mura. La vacca era sacra a Iside, la Madre Universale, la Natura, e ad Hathor, il principio femminile in Natura, le due dee essendo legate sia al sole che alla luna, come provano il disco e le corna (crescenti) della vacca. (Vedi "Hathor" e "Iside"). Nei Veda, l'Alba della Creazione è rappresentata come una vacca. Questa alba è Hathor, e il giorno che segue, o la Natura già formata, è Iside, poiché entrambe sono una, tranne che riguardo al tempo. La più antica Hathor è la "sacerdotessa delle sette vacche mistiche" e Iside, la "Divina Madre" è la "vacca con le corna", la vacca dell'abbondanza (o Natura, Terra) e, come madre di Horus (il mondo fisico), è la "madre di tutto ciò che vive". L'outa era l'occhio simbolico di Horus, il destro era il sole, e il sinistro la luna. L'occhio "destro" di Horus era chiamato "la vacca di Hator", ed era usato come un potente amuleto, come la colomba in un fascio di raggi, o di gloria, con o senza la croce, è un talismano per i Cristiani, i Latini e i Greci. Il Toro e il Leone che troviamo spesso in compagnia di Luca e Marco nel frontespizio dei loro rispettivi Vangeli nei testi Latini e Greci, sono spiegati come simboli - come è in realtà.

    ERA DEL TORO 4,286 - 2,143 bce

    The Egyptian civilization was informed by the Age of Taurus, Taurus is the sign ruling over the desire nature on Earth symbolized by the Bull. Taurus also presides over the gifts of mother Earth to its inhabitants. Surprisingly, the EgyptianDownload earth deity was the male god Geb, shown here under the sky goddess Nut

    The Mayan astronomers of Central America, cultural descendants of the original South American civilization, noted that around 3100 BC, an evolutionary shift occurred. They thought of it as the origin point for a 5200 year cycle of sentient evolution, one that culminates in 2012 AD. It is also about the time of the dawning of the mother Babylonian culture and possibly their own New World Olmec culture. Pre-Aryan Hinduism, or the Vedic Era, could be seen as the flag-bearer of the Taurus Age, with a noticeable agricultural content and devotion to fertility in the symbolism.The transition from the Age of Taurus to the Age of Aries, is symbolized by the death of Krishna.

    Age of Taurus Agricultural Age, FertilityTaurus Symbol religions, Golden Calf, Hindu Cattle worship, The Hindu religion still clings to its cattle worship from the age of Taurus. Rise of Mesopotamian and Egyptian civilisations. Bronze age in Greece, rise of Minoan and Mycenean cultures. Consolidation of agriculture, building of pyramids and megaliths. Bull cults in Assyria, Egypt, Crete.

    Today we find the bull as an object of awe in bullfighting which suggest the end of the Taurus Age, a topic of much myth making in pre-Christian religions including the old testament. The conclusive point of the bull-fight, el momento de la verdad, is when the torrero exposes his chest to the horns of the bull in order to lean over the animal’s head and plant the sword between the horns. This act of death defiance highlights the ancient ritual inherent in the sport.

    Mi è stato utile l'aiuto:padre Nostro-che sei NEI CIELI

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    ...prchè nelle antiche civiltà egiziane e babilonesi la mucca o la vacca raffiguravano la dea Innana (HAthor)...

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Fermi tutti!!! Questa domanda, non può essere che la mia!!!

    La mia risposta è: emmmh... dunque......

    non lo so'!!!

  • 1 decennio fa

    ciao

    credo rappresentino la fertilità....

    ciao

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.