Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scuola ed educazioneInsegnamento · 1 decennio fa

Perchè con l'articolo "un" non vanno apostrofate le parole maschili?

9 risposte

Classificazione
  • Paola
    Lv 6
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Perché l'apostrofo si utilizza quando c'è incontro di vocali. Un non finisce per vocale, quindi niente apostrofo.

  • 1 decennio fa

    Perchè quando usi "un" con le parole maschili l'articolo che usi è "un"cioè art indeterminativo maschile,mentre quando lo usi con le parole femminili che iniziano x vocale in realtà usi l'articolo "una" cui è stata rimossa la "a" x problemi di cacofonia quindi si mette l'apostrofo come segno di questa "eliminazione di vocale"

  • Stella
    Lv 4
    1 decennio fa

    Scusa, ti sei espresso male, non è la parola che si apostrofa, ma l'articolo. E l'articolo "un" non si apostrofa mai. Gli articoli (indeterminativi) sono:

    per il maschile "un", che si usa davanti ai nomi che iniziano per vocale o per consonante, eccetto per quelli che iniziano con s impura, z, gn, ps, pn, per cui si usa "uno",

    per il femminile "una" , che davanti alle parole che iniziano per vocale si apostrofa.

    Se vuoi sapere il perchè di questa regola, per la forma femminile, forse è per una questione di cacofonia.

  • 1 decennio fa

    se ho capito la tua domanda, ti stai chiedendo come mai la forma "uno" si trasforma in "un", mentre la forma "una" diventa UN' davanti a sostantivo/ aggetivo femminile (non sempre però l'elisione è obbligatoria, lo è in particolare per le parole che iniziano per A tonica: un' amica, un' ancora; ma puoi scrivere una iniziativa, non è errore).

    In entrambi i casi la convenzione grafica segue l'evoluzione spontanea della lingua parlata ed è chiaramente giustificata dall'intento di evitare suoni "cacofonici". sono state perciò istituite regole grafiche diverse, in modo che non si possa fare confusione tra femminile e maschile.UN , con caduta della vocale O (troncamento) diventa la regola per il maschile e la forma UNO si mantiene solo in alcuni casi ben precisi ( s+ consonante/ Z iniziali di parola)- Al femminile invece la regola rimane UNA, ma si elide davanti a parola che inizia per vocale, l'apostrofo indica che è stata momentaneamente omessa una vocale che normalmente c'é.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Perchè l'articolo femminile ha la vocale finale A [unA], la quale lettera davanti alle parole che iniziano per vocale viene tolta per ragioni di suono (un'anfora sarebbe unA Anfora)

    Invece l'articolo maschile è UN e basta..

  • 1 decennio fa

    Beh..forse è una specie di privilegio...hihihi...

  • 1 decennio fa

    regole grammaticali

  • 1 decennio fa

    perchè le donne piangono e gli uomini no....

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Non c'è un motivo.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.