test di paternità e amniocentesi?

buongiorno a tutti! prima di formulare la mia domanda vorrei fare una premessa, che per me è di fondamentale importanza, sono certa al 3000% che il padre sia mio marito, perchè non ho altri rapporti da quello coniugale, purtroppo però mio marito soffre di gelosia patologica e quando non può avermi sotto controllo iniziano le fobie...ho scoperto di essere incinta e per rassicurarlo gli ho proposto di fare il test di paternità(anche se ritengo tutto ciò molto umiliante) dal momento che comunque dovrei fare l' amniocentesi;ora dopo questa premessa pongo la mia domanda: è possibile utilizzare il risultato dell' amnio anche per il test o è necessario specificare al ginecologo che vorrei fare anche il test di paternità; dico questo perchè vorrei che il mio gine dal momento che è di famiglia non sapesse niente e che la cosa si risolvesse solo tra me e mio marito senza che altri debbano necessariamente venirne a conoscenza.Grazie

Aggiornamento:

innanzitutto ringrazio tutti per il supporto morale...c'è una parte di me che è consapevole di quanto male continua a provocarmi, ma ho già una figlia di 4 anni e non voglio farla soffrire, anche se so che soffrirebbe comunque vivendo in un clima familiare costantemente teso! rispondo a chi mi ha chiesto come mai faccio l' amniocentesi, purtroppo io devo farla da protocollo dal momento che in famiglia ho avuto uno zio che aveva la sindrome di down. rispondo anche alla ragazza che si sta laureando in ostetricia che sapevo già che attraverso l' esame dell' amniocentesi si può sapere la paternità, quello che volevo sapere è se i risultati dell' amniocentesi che mi darà il ginecologo sono sufficienti affinchè io possa anche fare altrove il test di paternità oppure per il test di paternità utilizzano il liquido amniotico per fare questo tipo di test specifico! perchè se fosse così devo perforza comunicarlo al mio gine...

9 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    L'amniocentesi oltre a permette di diagnosticare con certezza le anomalie cromosomiche del feto ( es.Sindrome di Down ecc), le più frequenti malattie geniche stabilire, su richiesta, la compatibilità genetica (test di paternità).

    Fonte/i: laureanda in ostetricia^^
  • Anonimo
    1 decennio fa

    sinceramente io al tuo posto non farei mai al mondo il test di paternità, ma stiamo scherzando un rapporto deve basarsi sulla fiducia reciproca e non è accettabile l'atteggiamento di tuo marito

  • Anonimo
    1 decennio fa

    scusa ma mi sembra doveroso dire che tuo marito non capisce niente devi essere rassicurata in questo momento per far crescere in armonia tuo figlio e non essere in pensiero per quello che può dire tuo marito ricorda che un rapporto si basa sulla fiducia e se tuo marito non si fida meglio metterlo alla porta subito

    che insegnamento crede di dare a suo figlio o figlia???????????

    spero per te che sia un maschietto perchè povera bimba se è geloso con te figurati con una figlia

    io fossi stata in te una pedata nel di dietro non gliel'avrei risparmiata ma si può essere più ottusi di così

  • 1 decennio fa

    franci scusami se non ti rispondo direttamente (amnio o dna) ma guarda che c e qualche problemino serio se devi arrivare a fare una cosa del genere per dimostrare a tuo marito che e´lui il padre, il problema non e´ovviamente tuo ma piu che da un ginecologo o un genista, non scherzo, porterei mio marito dallo psicologo.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Boh
    Lv 5
    1 decennio fa

    Si ma ne devi fare richiesta specifica quindi per forza lo saprà` anche il medico.

    Il problema e` il fatto in se..tu devi dimostrare a tuo marito che il bimbo e` suo,di questo mi preoccuperei al tuo posto.Questa mancanza totale di fiducia non crea dei buoni presupposti per il futuro..pensaci e non permettere di umiliarti in questo modo.

    Baci

  • 1 decennio fa

    dunque o sei talmente stupida da umiliarti in tal modo o tuo marito ha seri motivi per credere che il figlio non sia suo. non si fa un test di paternità solo per placare la gelosia del marito, ma dico stiamo scherzando?????????????????''

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ma, scusa la domanda, ma il tuo matrimonio su cosa si fonda?! E' sconcertante la richiesta di tuo marito!!!!!!!!!

  • 1 decennio fa

    intanto..scusa la domanda..ma xkè fai l'amniocentesi??..bah..mi sembra strano..cmq...non credo si possa fare..bisogna aspettare ke il bimbo nasca e poi fare un test...ri.skua ma...xkè lo fai? se tuo marito ha questi dubbi..xkè sopporti tutto questo?? :| bah..sarò io ke sn scema..

  • Anonimo
    1 decennio fa

    ho trovato questo :

    Nuova tecnologia non invasiva per il test di paternità prenatale

    I test scientifici possono determinare la paternità dopo la dodicesima settimana di gravidanza utilizzando in molti casi metodi di test non invasivo. Si effettua un semplice prelievo di un campione di sangue dal braccio della donna incinta. Il sangue di una donna incinta trasporta il materiale genetico del feto, che può essere confrontato con il DNA del supposto padre.

    nonso per' in quali ospedali lo fanno e se serve l'impegnativa del medico ..

    mi spiace per quello che stai passando con tuo marito..

    in bocca al lupo per tutto

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.