Anonimo
Anonimo ha chiesto in Musica e intrattenimentoMusicaClassica · 1 decennio fa

sarà difficile passare dalla tastiera al pianoforte?

Io è da 3 anni che suono la tastiera ma suono soltanto musica classica o quella di Allevi!! Ora vorrei cambiare strumento e comprarmi il pianoforte ma i tasti sono un po più duri... Mi potete aiutare e dare qualche consiglio? Sarà difficile abituarmi al pianoforte?

9 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    ho svolto un percorso simile, salvo che io con la tastiera accompagnavo canzoni moderne o le arrangiavo ricorrendo alle varie soluzioni timbriche che la tastiera offre mediante l'uso del sequencer e di altre tecnologie, che utilizzavo anche per sperimentare nel genere progressive, funky ed house..

    Poi suonando il piano ad una festa di capodanno era il 1987, ricordo era un bechstein appena accordato perfettamente, mi sono accorto che non mi sarei mai staccato da quella panchetta. Pochi anni dopo ho comperato un piano di pari valore , o quasi, ed è nata una passione che né la chitarra né la tastiera mi avevano procurato.

    E con la passione e qualche anno di buona scuola, l'equivalente del primo quinquennio del conservatorio (, salvo trascurare il solfeggio, ahimé,) mi sono realmente divertito a suonare di tutto.

    Questione tecnica : molti libri possono aiutarti a rafforzare ed estendere le tue dita : Hanon e Duvernoy ti aiutano anche a familiarizzare con le scale, svolgi gli esercizi senza forzare ma con costanza e le tue mani presto voleranno. Dopodiché hai bisogno di antologie valide, ma puoi ovviare con degli spartiti io ti consiglio per primo un'antologia di musica barocca diretta da De Gainza, facile e poi Bach minuetti in sol e varie bourré , infine invenzioni a due voci e le suite inglesi. Poi Beethoven per Elisa quindi le sonate di Mozart , in due volumi ti scegli quelle più semplici come quella in Do maggiore o quella in La maggiore che contiene la marcia turca, Poi passi a Chopin notturni preludi ballate evitando quelli più ostici,

    In un paio d'anni se nel contempo frequenti un buon corso di solfeggio prendi padronanza dello strumento e delle partiture di media difficoltà tra cui ce ne sono di stupende.. Dopodiché puoi divertirti davvero con Debussy ( chiaro di luna, Children Corners) Satie ( gymnopedies, gnossiennes) Joplin ( rag time vari) Gerschwin ( preludi , porg and bess) Ma a questo punto forse preferirai suonare un pò di tutto anche le canzoni moderne. A me così è passata la vocazione per composizioni i tipo minimal house che grazie ai supporti ritmico armonici dell'elettronica mi venivano facili, e un pò lo rimpiango . Ma nel complesso il cambio di strumento mi ha aiutato ad apprezzare la musica colta, non solo pianistica, e così mi sono arricchito davvero.Ti auguro di poter fare lo stesso !! ( meglio un buon piano acustico del digitale , oggi ce ne sono di tipo misto acustico digitale per poter suonare anche in cuffia, uno ottimo è lo Schimmel.) Se hai bisogno di altri consigli scrivimi una mail, Ciao

  • Perla
    Lv 4
    1 decennio fa

    sicuramente è più facile passare da piano a tastiera. ma con un pò di impegno, sei sicuramente già + avvantaggiato di ki non ha la tua esperienza...

  • 1 decennio fa

    no ma poi non tornerai piu alla tastiera.... è un altro mondo

  • 1 decennio fa

    Beh in effetti passare dalla tastiera al piano è un po' complicato appunto per le pesantezza dei tasti... ma vedrai che è questione di abitudine...studiando un po' ti abituerai ai tasti del piano.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    ciao anche io ho iniziato suonando la tastiera che ha i tasti leggerissimi e poi i miei mi hanno comprato il pianoforte che ha i tasti più pesanti....inizialmente mi era un po' più difficile ma con il tempo ci si abitua ...

  • 1 decennio fa

    Ciao, allora io a casa non ho il pianoforte e studio su una tastiera, faccio molta fatica, ma se hai il pianoforte a casa allora non avrai alcun problema, all'inizio si, perchè dovrai abituarti al peso infatti, all'inizio ti faranno male le dita ma poi vedrai ci vuole poco per abituare le mani al peso del pianoforte, ma vedrai che non è così traumatico, io per i concerti suono una decina di minuti prima sul pianoforte e le dita vanno..... Buona fortuna, Ciao!!!!...

  • 1 decennio fa

    dai nn preoccuparti è solo che nel piano devi metterci un pochino più di fisicità e sentire meglio i tasti per avere l'effetto desiderato.se spingi piano un tasto il piano suonerà meno intensamente se devi entrare con la nota dovrai andarci di peso come se facessi cadere il dito sul piano. se devi uscire devi togliere subito la mano. magari se guardi le mosse di un pianista ti rendi conto meglio di quello che sto dicendo.ma vai tranquillo lo stesso serve solo un po' di pratica come tutte le cose d'altronde!

  • 1 decennio fa

    no, se inizi tutto da capo.

  • il mio consiglio è:non suonare la musica di allevi

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.