Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 1 decennio fa

Cosa avreste fatto al mio posto?

Ho 26 anni ed è da 26 anni (forse qualche anno in meno) che soffro di stitichezza CRONICA.

Per cronica intendo che se, anche se seguo una dieta ricca di fibre, faccio movimento, bevo ettolitri di acqua e prendo integratori, e faccio anche la fisioterapia con l'elettrostimolazione, il mio intestino non si muove di mezzo millimetro.

A volte nemmeno la purga fa effetto, quindi la devo cambiare e aspettare alcuni giorni prima di prenderla e nel frattempo sento il mio addome appesantito e gonfio.

Vorrei mettere in risalto che molte volte la pancia si gonfia come un palloncino (sempre a causa dell'intestino ingombro) e si vede benissimo dall'esterno, mentre quelle rarissime volte che la purga funziona perfettamente, l'addome diventa piatto.

Quindi nessuna purga? Nessuna evacuazione! Quindi ho SEMPRE dovuto fare uso di questi "medicinali" per liberarmi.

Fatto sta che ho fatto diversi esami, i quali hanno dato risultati negativi, a parte una "pigmentazione" (la definisco improprimente così) del colon dovuto all'abuso di lassativi prolungato nel tempo.

Ma diamine! Se non prendo niente, il mio intestino non va!

Cmq dai risultati delle varie analisi non emerge nulla, quindi FISIOLOGICAMENTE non ho NULLA!

Si è arrivati quindi alla probabilità che il mio problema fosse di ORIGINE PSICOSOMATICA (anche se personalmente vorrei aggiungere che tutte le donne della famiglia di mia nonna materna hanno sempre sofferto di stitichezza, quindi: mia nonna, mia madre, le sorelle di mia nonna e le cugine di mia madre tutte stitiche! Una volta una dottoressa omeopatica palpando il mio intestino mi disse che avevo un intestino globoso).

Ho iniziato poco più di 2 anni fa una psicoterapia da uno psicologo (anche per altri problemi di carattere psicologico).

Secondo lui il mio problema è dovuto al fatto che razionalizzo molto, sono ipercontrollata e raggelo le mie emozioni.

Nel frattempo sono emersi dei disturbi ossessivi compulsivi che non mi davano un minimo di tregua per un periodo (li ho ancora purtroppo e sembra si siano calmati un po' al momento).

Cmq sia qnd lui mi disse la sua ipotesi riguardo l'origine del mio problema, risposi "ma allora non guarirò mai!"

Sapete che mi ha risposto?

"Eh... ma oggi ci sono tante cose! Le fibre, gli integratori, la ginnastica... "

Insomma, le sue parole non è che mi siano piaciute tantissimo, perché se io sono andata da lui, è per curare l'origine del mio problema e se sono andata da lui, vuol dire che tutto quello che lui ha elencato (alimentazione, fitness, integratori, ecc) non ha minimamente funzionato.

Oltre tutto, l'avermi risposto in quel modo, significa che non avrebbe mai curato i miei problemi o per lo meno che con lui non li avrei mai risolti!

Quindi non solo non avrei curato il problema che dà origine alla mia stipsi, ma anche tutti quelli psicologici connessi!

Insomma, io l'ho interpretato così "finora hai solo perso tempo e soldi"

Voi come vi sareste comportati al posto mio?

Vorrei chiedervi inoltre se qualcuno si è trovato nelle mie stesse condizioni.

Queste stitichezza mi ha dato parecchi problemi e me li sta dando tuttora (a proposito! Nei miei tentativi non ho aggiunto che mi sto curando alle terme con le cure idropiniche x il mio problema, le quali ovviamente... NON hanno funzionato!)

I problemi sono gonfiore, senso di pesantezza, digestione lente e difficile, intossicazione (perché sn stata male x una settimana e qst episodio si è ripetuto più volte nel tempo, e sn stata malissimo fino a vomitare la bile e non avere la forza di camminare né di mangiare, né tantomeno bere), cellulite, circolazione del sangue difficile e gambe gonfie.

Qualcuno di voi saprebbe dirmi qualche parola utile x il mio caso? Grazie infinite!

8 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    lo psicologo lo devi cambiare,se uno psicologo ti dice che sei troppo razionale e raggeli le emozioni e non sa curarti o consigliarti,non sa fare assolutamente il suo lavoro.

    Moltissime persone hanno dei blocchi emotivi(ammesso che il tuo problema sia realmente questo),di sicuro un bravo psicologo non si è mai sognato di rispondere loro in quel modo.

    Può anche essere di origine psicologica,ma non è detto o addirittura può essere un problema fisico che è poi diventato anche psicologico aggravandosi.

    Il punto è :non basta un dottore che esprima un parere.Dovresti fare un check up ospedaliero e poi cambiare psicologo.

    Dopo una serie di esami(finchè non si trova una possibile causa),se non viene riscontrato nulla,allora puoi pensare soltanto a curarti presso uno psicologo esperto.Già da ora ne cercherei uno,che ti prenda in cura.

    Provato tutti i rimedi come fibre..activia ecc..clisteri..

    nel frattempo continua a mangiare frutta,verdura e fibre,deve essere tutto coordinato perchè funzioni e fai molto movimento.

    Gli psicologi sono persone e come in qualsiasi campo,anche qui,c'è chi non sa svolgere il suo lavoro.

    Ti consiglio un libro molto istruttivo scritto da una psicologa competente,sui problemi psichici vari.

    "donne che corrono coi lupi" clarissa pincola estes.

    é pensato per le donne.Uno dei migliori libri mai stati scritti in psicologia.

    Non è sul tuo problema (fisico),ma aiuta molto dal punto di vista psicologico.

  • 4 anni fa

    Sconfiggere la cellulite è diffice ma possibile, io ho avuto sucesso grazie a questo metodo http://RimediCellulite.teres.info/?89p6

    La cellulite si sa è la nemica numero uno delle donne: si insidia subdolamente su cosce, glutei, gambe e braccia ed è molto difficile “schiodarla” in modo definitivo.

  • very78
    Lv 5
    1 decennio fa

    prima di tutto cambia psicologo!

    un mese fa circa mi è successo una cosa simile, ho smesso di prendere la pillola 2 mesi fa (per cercare una gravidanza) il primo mese mestruazioni normali, il secondo flusso abbondate di 4 giorni quindi riposo, il quinto giorno vado a casa di mia cognata mi fumo una sigaretta e perdo i sensi. il panico! fattore psicologico avevo paura di fumare perche magari svenivo ancora ma senza sigaretta e caffe al mattino, come andavo in bagno

    ho passato 2 settimane da incubo litri d acqua fibre verdura addominali, niente senza lassativi o clisteri non ci riuscivo solo perchè non fumavo dopo il caffe. ora è tornato tutto regolare riesco andare tutti i giorni (per fortuna) i miei attacchi di panico sono spariti mi è rimasta qualche attacco d ansia ma sopportabile. cmq ho preso delle gocce per rilassare i nervi (omeopatiche) e i fiori di bach, sarà anche un fattore psicologico ma almeno funziona.

    secondo me ti sei autoconvinta che sei come le donne della tua famiglia. come ti ripeti o cambi dottore o cerchi di aiutarti di piu tu visto che il lavoro piu grande lo fai tu e non lui

    un bacione

  • 1 decennio fa

    Ciao, ho letto tutto quello che hai scritto. Io per moltissimo tempo ho sofferto di stitichezza sopratutto se mi allontanavo di casa era proprio impossibile andare in bagno. Da un mese c.a che mi sono trasferita in una nuova città avevo ujna paura di non riuscire, infatti i primi giorni prendevo i confetti "falqui" che li trovi in farmacia e fanno effetto dopo 10 ore dall'assunzione. Comunque il punto è che forse è un problema psicologico perchè ci pensi troppo proprio come facevo io... ho smesso di pensare a questo problema e mi sono detta che alla fine tutti vanno in bagno e tutti la fanno... il mio consiglio è quello di provare a rilassarti, non pensarci e vedrai che poi ci vai tranquillamente... ora non è più un problema e vado anche fuori casa.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Sarina
    Lv 4
    1 decennio fa

    Ciao bella, in realtà i fattori psicologici e quelli biologici e ambientali vanno tutti guardati quando si fa un anamnesi completa. Non penso che il tuo psicologo abbia voluto rubarti dei soldi, solo che magari analizzando i tuoi problemi psicologici non può sapere come ti comporti sugli altri fronti. Ovviamente è bene curare i vari disturbi psicologici ma secondo me ha fatto anche bene a consigliarti del movimento e una sana alimentazione perchè non può pensare a curare i disturbi psicologici se poi invece sono fattori dati dai geni o dallo stile di vita. Per quanto riguarda il tuo disturbo ossessivo-compulsivo hai detto che si è un pò attenuato.. quindi stringi i denti che ci siamo. come ti ha consigliato il tuo psicologo anche secondo me dovresti fare un pò di attività fisica, non per i tuoi problemi di stipsi, o di ansia, ma solo perchè l'attività fisica aiuta a migliorare sotto tanti fronti, l'autostima, da ossigenazione al cervello e poi aiuta a sentirsi meglio con se stessi ed inoltre svaga. sicuramente se fai qualche attività che ti piace, un hobby che veramente ti prenda sono sicura che ti farà molto bene. per quanto riguarda i problemi finali che hai scritto secondo me dovresti rivolgerti da un medico, c'è caso che ci sono problemi sia fisici e mentali, oppure anche solo fisici. non si può sapere se non ti fai una diagnosi a tutto campo. in bocca al lupo!

  • 1 decennio fa

    il primo consiglio che posso darti è: cambia psicologo,dato che dopo 2 anni nn riesci a risolvere il problema insieme a lui vuol dire che lui nn riesce ad aiutarti come tu vorresti...x il resto anch'io ho avuto problemi del genere---nn così gravi---ma si sono risolti con l'alimentazione--+ frutta e verdura--e poi dopo la gravidanza ho notato un netto miglioramento,anche se ad altre mie amiche il problema è peggiorato dopo questo evento...scusa ma nn so cos'altro consigliarti..comunque in bocca al lupo...ciao..e facci sapere..

  • Ghemon
    Lv 6
    1 decennio fa

    mia cognata aveva un problema simile al tuo anche se penso di minor entità,lei l ha risolto con cereali prugne e molto movimento,cosa che a te non ha dato esiti positivi,,secondo me il problema non è psicologico(sarete tutte mica cosi in famiglia) prova da uno specialista del settore ,ma intendo veramente valido,io ad esempio avevo un problema al gomito,sotto sforzo si gonfiava,ho provato una decina di medici a 50-100 euro a visita e non ho risolto,poi mi sono deciso,ho prenotato una visita da un luminare(cosi lo chiamano) 500 euro 20 minuti di visita ma ha capito cosa ho...e ora sono a posto. ciao e in bocca al lupo

  • 1 decennio fa

    pensavo avessi il diabete...

    ma se hai fatto gli esami probabilmente nn lo hai...

    perchè non fai una colonscopia?

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.