Alessia ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 1 decennio fa

per chi come me soffre di attacchi di panico?

soffro da tempo di attacchi di panico ed è qualche mese che non riesco più a uscire di casa da sola....solo il pensiero mi fa sentire male....ho perso il lavoro, tutti i miei amici e il mio ragazzo mi ha lasciata....sono rimasta completamente sola, passo le intere giornate chiusa dentro casa e inizio a pensare seriamente al suicidio.....

qualcuno di voi si è trovato nella mia situazione?? come ne siete usciti?

12 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    Non so se conosci l'emetofobia.. Beh io ci sono dentro da quando ho 8 anni. Ora ne ho 18, ho passato tutta l'adolescenza a farmi sèghe mentali e ad evitare i posti e le occasioni dove avrei potuto farmi una vita.

    Pensa un po', ieri sera ero qui tranquillo che cazzeggiavo su answers, a un certo punto mi è venuta nausea, di colpo. Erano le 11.30 più o meno e non sono riuscto ad addormentarmi prima delle 3 porca tròia.

    Suicidio? È da quando ho 12 anni che ci penso. Credo di non avere le palle per suicidarmi, ma forse c'è ancora qualcosa per cui mi piace vivere, o almeno lo spero, perchè da come va ultimamente non è che ci siano molti fattori incoraggianti.

    Purtroppo però non so come aiutarti, è un periodo piuttosto nero per me ora. Pensa che ho appena compiuto i 18 anni e nemmeno ho mai dato un bacio vero.

    È terribile perchè più vai avanti e più è difficile uscirne. Non so da cosa siano causate queste cose, secondo me dai giudizi a cui siamo costantemente sottoposti, ci sono quelli che se ne fregano e quelli che ci rimangono secchi come me e te.

    L'unica cosa che mi dà sollievo è la musica, suono la batteria e qualcosa anche di chitarra e tastiera, ma ascolto veramente tanta musica. Perchè mi distrae, perchè mentre quando mi perdo nelle note di Mistreated dei Deep Purple ,come ora, dimentico quello a cui stavo pensando. Ma quando arriva il panico non c'è nulla da fare, vomitare per me equivale a morire, se sento che mi viene da vomitare (anche se poi non ho mai effettivi conati) mi comporto esattamente come farebbe una persona legata a una sedia con davanti un serial killer che impugna una motosega.

    Ogni pensiero è negativo càzzo, è una mèrda perchè sia io che te siamo sicuramente in perfetta salute, abbiamo tante occasioni per vivere una vita felice, forse troppe, così non ci accontentiamo e buttiamo tutto nel cèsso sparandoci centinaia di sèghe mentali per le cazzate più stupide.

    Scusami se non ti dò un aiuto ma magari ti fa piacere sapere che c'è qualcun altro nella tua identica situazione, se vuoi il mio contatto msn mandami una mail (qua non lo pubblico per rimanere anonimo). Il tempo di chattare tanto non ci manca visto che non ci piace troppo la luce del sole vero? ;)

    Ciao e buona notte..... Che mèrda addormentarsi sapendo che il giorno dopo ci si sveglia esattamente patetici e sfigati come prima. Viene quasi da desiderare il lusso di scivolare dal sonno alla morte.

    Chissà se un giorno ci sarà pace per noi.....

    Fonte/i: Scusate lo sfogo ma come ho già accennato qui sopra sono solo un patetico sfigato che non fa altro che deludere amici e parenti.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Training autogeno, la miglior cosa definitiva...

  • 1 decennio fa

    ciao ascolta da attacchi di panico si puo' guarire, prima di tutto rivolgiti a uno psichiatra che valutera' se darti dei farmaci di sostegno...per quando riguarda le tue paure ad uscire ecc.. il le ho superate cosi: ogni volta che uscivo mi allontanavo da poco per volta per esempio prima andavo al bar sotto casa poi al supermercato all'angolo e cosi via.... e adesso va bene!!!! fidati e comunque mi hanno aiutato anche i farmaci.. ciao baci

  • 1 decennio fa

    Devi uscire assolutamente fuori.Divertirti,parlare con la gente,vedere persone nuove,fare delle compere,devi distrarre da quei pensieri che non sono buoni.La vita e bella e si vive solo una volta.Sicuramente se ti fai bella e ti piaci come sei e sorridi,troverai un altro ragazzo e un bel lavoro e nuove amiche ma..Dipende tutto da te.Imparati a volerti bene e a piacerti che il resto verra da se.Te lo auguro su con la vita...I problemi li abbiamo tutti e non tutti trestiamo chiusi in casa,la vita continua,I problemi si risolvano devi essere forte e non pensare a niente.Auguri per la tua nuova vita.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    devi renderti conto che questi attacchi di panico non sono fondati ma sono solo provocati dal tuo inconscio... se ci pensi non vi sono grandi motivi per aver paura di uscire di casa da soli... ma poi perchè gli amici ti hanno lasciata invece di aiutarti? cmq dovresti chiedere l aiuto di uno specialista... ma non pensare al suicidio! si trova sempre una soluzione...sta tranquilla e in bocca al lupo!!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    i fiori di bach certo sono utili ma da soli non bastano, il mio consiglio è quello di rivolgerti ad uno specialista. quando hai attacchi di panico respira lentamente e cerca di concentrare il tuo pensiero altrove. aiuta credimi. un bacione e non pensare a cose come il suicidio..hai tutta una vita davanti le cose vedrai che miglioreranno....e le persone che ti hanno abbandonato, be sono loro che ci vanno a perdere pensa a qst. vuol dire che non ti volevano realmente bene quindi.....innanzitutto una nuova vita sociale nuove amicizie ecc è già un buon inizio. un in bocca a lupo!!

  • 1 decennio fa

    sai noi potremmo dirti come ne siamo usciti..ma penso che la cosa sia soggettiva..c'è chi magari è riuscito ad uscirne da solo..o chi ha avuto bisogno di un supporto...cmq a mio avviso ti consiglio di tel alla usll del tuo paese e prendere un appuntamento da uno psicologo..lui saprà aiutarti meglio di noi..

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Quando ho gli attacchi, cerco di non essere sola in casa, anzi esco, cammino, mi distraggo stando in mezzo alla gente. Quando sono a riposo invece, mi assalgono, e devo prendere il xanax. Per uscirne, bisogna pensare meno a noi stesse,(Io l'ho fatto spesso perchè ho problemi di salute).

  • 1 decennio fa

    se ne esce solo attraverso la psicoterapia, è l'unica soluzione, e non ti spaventare perchè non sei pazza nè niente, tantissime persone ne soffrono. e andare da un bravo psicologo o psicoterapeuta oggi non deve fare più paura, sono dottori competenti che sapranno aiutarti. hai bisogno di riprendere in mano la tua vita, fatti forza e cerca di prenderti un appuntamento, magari fatti accompagnare da qualcuno della tua famiglia o qualcuno di cui ti fidi la prima volta.

    ti mando anche questo link che magari può servirti: http://www.disturbodipanico.com/

  • Anonimo
    1 decennio fa

    mi spiace che ti sia successo tutto questo ..io ha avuto solo degli episodi di attacchi di panico l anno scorso mi scoppiavano al lavoro...ma evidentemente erano leggeri pur essendo ansiosa mi riesco a controllare...

    acetta quello che ti è successo e non fartene una colpa ne uscirai piu forte non farti abbattare....vedrai che ricomincerai tutto da capo nn pensare al suicidio ...sarà retorico ma parlane con qualcuno che ti possa aiutare ....e poi ci sarà qualche tua amica che ti chiede di uscire, non ti isolare altrimenti si crea un circolo chiuso..esci poco ma affonta qualche situazione svagati....un bacio ps se hai bisogno di sfogarti volentieri...annas79@msn.com

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.