Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Anonimo
Anonimo ha chiesto in Mangiare e bereVegetariani e vegani · 1 decennio fa

Chi e' contro le torture si chiama "fanatico estremista" ?

Aggiornamento:

"Da ebreo cristiano cresciuto in una quartiere pieno di sopravissuti dell'Olocausto e di gente che ha perduto i suoi cari, non penso di banalizzare il loro dolore. Ma non sono forse i macelli, gli allevamenti intensivi e i laboratori di ricerca, così accuratamente nascosti alla nostra vista, le Auschwitz di oggi? Dolore, violenza e sofferenza sono più accettabili solo perché inflitti ad animali innocenti che a persone innocenti?

- Steward David, sopravissuto all'Olocausto nazista, attivista per i diritti degli animali"

Aggiornamento 2:

"E' più difficile spezzare un pregiudizio che scindere un atomo."

- Albert Einstein

Fanatico drogato e..estremista e' chi vuole uccidere, per i propri interessi senza conoscenza e ragione, non chi cerca di salvare.

E' tutto capovolto.

Alla faccia del " non uccidere".

Alla faccia della scienza, della ragione, e del amore, e della frattelanza.

Ma infatti come possiamo noi bestie essere paragonati agli animali?

Fino a ieri non si considerava anche la donna un niente?

L'evoluzione continua.

A voi la parola :)

Aggiornamento 3:

sergente dici che puoi entrare? Non sai di cosa parli. Qui si parla di strutture come : laboratori, allevamenti, ecc e tu mi dici che uno puo' entrare cosi? Ma se non sta scritto nemmeno l' indirizzo ( delle sedi)su nessun prodotto. Niente. E poi che dire, tutto quello che dici sull' alimentazione veg. e' assolutamente sbagliato! E poi gia' che ci siamo : Einstein era vegetariano o forse non lo sai neanche questo. Einstein, quando parlava di stupidita' intendeva cio' a cui tu sei contro. Era vegetariano! Adesso che mi racconti?

He he he

Aggiornamento 4:

volpetta furbetta heh ehe ma ci sei o ci fai?

Non mi dire che non hai compreso la mia domanda. Mi sa' che cerchi di arrampiccarti sui specchi. He hehe eh bacino tesoro :) volpetta tvb

Aggiornamento 5:

Besciamel guarda mi hai fatto ridere. Ma la Volpetta mi ha fatto ridere meglio. E' piu' spiritosa. Tu semplicemente corrispondi al contenitore del tuo avatar. :) Io e te, ragioniamo in modi complettamente opposti. E comunque cosi dicevano anche degli ebrei, donne, ecc come detto l'evoluzione continua con o senza di te, e di me.

Aggiornamento 6:

Sergente ti posso controbattere ma non ha senso. Dico solo che non stanno cosi le cose.Ok Tu la pensi in un modo io in un altro. Ma non si puo' chiamare una persona fanatica o estremista, perche' non vuole supportare un sistema di guadagno sporco ( secondo la sua idea). Questo e' il punto della domanda.

Caso mai l'incontrario, perche' sei tu che dici che l'animale vale meno come se questo potesse giustificare le torture, e non mi dire che la loro vita non lo e', perche' vuol dire negare l'evidenza. E se mi dici che lo e' ma tanto valgono meno, allora il discorso e' diverso, ma non potete accusare noi di fanatismo perche' per noi gli animali valgono. Non so se rendo l' idea. :)

Aggiornamento 7:

Volpetta mi dispiace se ti hanno segnalata.

Comunque le cose che mi hai riferito riguardo il mantenimento e il trattamento degli animali sono le cose che della teoria che nulla hanno a che fare con la realta'. Hai parlato mai con un zootecnico? Ti ha spiegato come mai questi animali vivono molto meno a causa di uno stress estremo che devono subire? Ovviamente vivere meno in quelle condizioni e' una fortuna. Queste cose che tu mi hai portato sono le teorie da raccontare ma il benessere dell' essere vivente va a farsi benedire. Non stanno cosi le cose. Si tratta di una "macchina vivente". E lo dici da sola che fin adesso non hanno neanche uno spazio esterno. Praticamente descrivi una prigione con lavori forzati. Certo anche le donne fanno figli, ma non organizzerei mai il loro accopiamento, e nascita del loro figlio in quelle maniere. Non so se mi spiego. Parli di natura, mentre descrivi la prigione, la costrizione, la macchina vivente.

Aggiornamento 8:

Volpetta le vacche hanno sentimenti, possono essere tristi o felici. Ci sono state amicizie vere tra uomini e vacche! Come possiamo parlare di "natura" quando parliamo di inferno sulla terra? Immagina una persona in queste condizioni. Terribile.Ecco il punto della mia domanda. Essere contro la schiavitu', e la tortura non vuol dire essere fanatici, vuol dire essere piu' ...sensibili.E non parliamo del mattatoio..torture per piacere..non parliamo di trasporti....lascia perdere Volpetta la facenda e' triste, altro che " natura", e un vegan sarebbe fanatico se ha in cuore la gentilezza verso tutti? No..non mi sembra.Caso mai si parla di estremista e di fanatico quando una persona pur di fare denaro, o sfruttare, non rispetta certi limiti!

Volpetta hai parlato di veterinario?Parliamo di zootecnia?

"Non è possibile assicurare agli animali benessere e tenere in piedi l'industria zootecnica.

- "Oltre il muro", Roberto Marchesini, medico e veterinario"

Grazie Volpetta della tua presenza comunq

Aggiornamento 9:

non metto pollici in giu'

Aggiornamento 10:

Ma anch'io ho parlato di benessere.

"Non sono uomini"=" non sono come noi", quindi valgono meno, nella loro condizione.

Ma questo hanno detto contro le donne , contro i neri, contro gli ebrei, contro gli omosessuali, contro tutti i DIVERSI.

" Non sono come noi".

E' questa mentalita' di separazione, a portare tutte le situazioni brutte che viviamo su questo pianeta. Quando capiremmo che siamo UNO allora possiamo parlare di pace e di benessere!

Secondo me. Ma non solo. Ecco il mio punto di vista, e se per questo uno viene definito "fanatico estremista" allora ....lieti. Pace. Tanto e' stato sempre cosi. L' evoluzione non e' stata mai facile.

Mi ha fatto piacere aver avuto questa bellissima discussione, secondo me la comunicazione e' meravigliosa e fondamentale. Bello. E forse un giorno ci possiamo capire anche meglio.

Grazie Volpetta e a tutti.

Un abbraccio.

Nella nostra diversita' ...noi siamo Uno :)

Aggiornamento 11:

Ma ne siamo davvero consapevoli noi altri?

Aggiornamento 12:

Tekkia, continuare a fare quello che facciamo. Non comprare cose che provengono dagli animali e cercare di informare chi vuole essere informato. Amica ti abbraccio, hai un gran bel cuore! Ti abbraccio forte!

Aggiornamento 13:

Grazie agli amici (veg.) per il sostegno.

10 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Amorini, voi e il vostro patetico vizio di segnalare.... vi fa tanto sembrare dei rosiconi sapete?

    Comunqe, per rispondere alla domanda.

    In Italia non esistono lager, grazie alla legge contro il maltrattamento degli animali.

    Tanto per farvi un esempio, le vacche sì, vengono ingravidate una volta l'anno, ma accadrebbe anche in natura, cari i miei piccoli veterinari in erba, quello che si fa in allevamento è solo "sincronizzare" il calore.

    Le vacche vengono ingravidate la prima volta nello stesso periodo in cui NATURALMENTE avrebbero avuto il primo calore.

    Semplicemente si sono SELEZIONATE giovenche che vanno in calore il prima possibile, così come si sono SELEZIONATE vacche che producono MOLTO PIU' latte del necessario. Queste, se non munte, rischiano la mastite, a causa del ristagno di latte.

    Il vitello una volta nato viene allontanato per il semplice motivo che se poppa la madre poi avrà mano "feeling" con la mungitrice, ma nei primi giorni riceverà comunque il latte materno, che in questo periodo viene chiamato "colostro" e NON è commerciabile. In seguito è VIETATO rendere anemico il suddetto vitello (leggi contro il maltrattamento).

    La vacche vengono munte 2 volte al giorno, NON stanno di continuo attaccate alle macchine.

    E' VIETATO l'allevamento "alla posta" le vacche devono essere libere di muoversi ed avere gli spazi necessari. A breve verrà emanata una legge in cui si rende obbligatorio anche uno spazio esterno dove far uscire gli animali.

    L'igiene viene sempre rispettata, pena l'ammalamento dei capi (e una multa - legge contro il maltrattamento) cosa che va CONTRO l'interesse dell'allevatore, che NON può vendere latte infetto (perdita economica).

    Le mungitrici NON causano mastiti, per i motivi appena riportati.

    I mangimi per le vacche, sono APPOSITAMENTE STUDIATI PER LORO.

    L'aggiunta di urea NON è un male, MA UN BENE per la oro salute.

    L'urea fa male a noi, a loro serve, sono erbivori e ricavano anche in questo modo gli amminoacidi necessari per "comporre" le proteine.

    Le vacche non vengono "sfinite" dall'allevamento, semplicemente con l'età hanno un calo NATURALE di produzione, e a quel punto è più conveniente per l'allevatore macellarle, ma non è una regola e non sta scritto da nessuna parte.

    E questo solo per quanto riguarda le vacche in Italia. E ti assicuro che ne ho lette di cavolate in proposito.

    E ci sarebbe molto altro da dire sugli allevamenti del pollame e sulla macellazione, anche lì ne leggo di tutti i colori...

    °w°

    "Comunque le cose che mi hai riferito riguardo il mantenimento e il trattamento degli animali sono le cose che della teoria che nulla hanno a che fare con la realta'"

    Qui sbagli di nuovo. Per un semplice motivo. Io ti sto dicendo (uso una "metafora") che uccidere è vietato dalla legge e tu mi rispondi che comunque esistono gli assassini.

    Beh, i veterinari sono i "poliziotti" degli allevamenti.

    Se un allevamento non rispetta questi parametri o cambia o CHIUDE. E nel frattempo NON vende. E si prende pure una multa.

    "Volpetta le vacche hanno sentimenti, possono essere tristi o felici."

    Le vacche NON sono uomini. Hanno sentimenti ben diversi dai nostri. NON sono CONSAPEVOLI della loro situazione. NON pensano "sono in prigione" come farebbe un uomo.

    Se gli diamo da mangiare, gli garantiamo una vita sociale e spazi sufficienti, l'animale NON soffre.

    Ed è quello a cui si mira proprio nelle leggi contro il maltrattamento.

    In più mettici pure che, detto un po' in parole povere, una mucca felice produce di più, (ed è la realtà) puoi convenire con me che rientra anche nell'interesse dell'allevatore far sì che i suoi animali siano "felici".

    Che poi ti ripeto, non si può parlare di "felicità" ma sarebbe più logico parlare di "benessere" che poi è il termine corretto.

    E' vero che gli animali hanno dei "sentimenti" ma attenzione, MOLTO DIFFERENTI rispetto a quelli umani, molto più consapevoli e complessi.

    PS: In un allevamento che rispetta le norme vigenti nel nostro paese gli animali dovrebbero trovarsi per la maggior parte in uno stato di benessere, i restanti, che quindi si trovano in uno stato di stress, sono in questo stato per motivi che possono essere dei più disparati e anche non imputabili al fatto che "sono in allevamento".

    Soggetti in stato di stress si ritrovano anche in natura, e spesso si tratta di soggetti "subordinati" rispetto al gruppo preso in considerazioni (questo accade anche in allevamento ovviamente).

    ----

    Vedi, quello che hai detto dal mio punto di vista è terribilmente sbagliato

    "non sono come noi" è diverso da "sono inferiori a noi"

    Io non reputo gli animali inferiori all'uomo, li reputo semplicemente diversi.

    "Diverso" non significa "inferiore", non significa "da cancellare", non significa "da abbattere".

    Una donna è diversa da un uomo, un nero è diverso da un bianco, un diversamente abile è diverso da un normodotato, negare questo significa negare la storia de i"diversi", ma notare queste "diversità" non significa che l'una o l'altra categoria siano superiori l'una rispetto all'altra.

    Noi siamo diversi dagli animali perché abbiamo un intelletto e delle emozioni innegabilmente diverse rispetto a quelle di tutto il regno animale e vegetae su questa terra, ma questo non significa poterne fare ciò che vogliamo.

    Ma questo non significa nemmeno "adorare" gli animali come se fossero una sorta di dei.

    A questo punto ti faccio un esempio.

    Hai presente le case popolari? Bene, per averne una devi fare un concorso, dove in base ad alcune caratteristiche ti asegnano un punteggio.

    Da qualche anno a questa parte, per non fare del razzismo si specifica pure se si è italiani o meno.

    Sai qual è il risultato? Che gli immigrati hanno un punteggio maggiore e le case vengono date a loro anziché a persone del posto (!!!).

    Questo è sempre razzismo, ma al contrario.

    Per fare i "buoni" si finisce con il farsi del male.

    Ecco, più o meno è questo il mio punto di vista.

    Io non vado in giro investendo gatti, ma date le norme vigenti nel mio paese non reputo sbagliato nutrirmi anche di carne, dato che poi è questa la nostra natura.

    Non voglio finire pure io a fare "razzismo al contrario".

    Ma ripeto, questo è il mio punto di vista.

    Cmq grazie x la chiacchierata, di solito è difficile parlare così civilmente in questa sezione :)

  • Senti sarò sincero, mia cara vegana anonima, non ho proprio testa per leggere ed interpretare correttamente qualunque cosa che non sia una di quelle provocazioni del càzzo o la solita domanda "capisco i vegetariani.... ma i vegani?"

    Quindi.... boh prenoto la risposta per domani.... intanto dico che in Italia ci sono leggi per tutelare gli animali e cercare di farli soffrire il meno possibile. Solo che putroppo la richiesta di carni e derivati è troppo alta, quindi è l'unica soluzione.

    E quindi...... mmh fammi pensare... Sai quale sarebbe la soluzione?

    Prendiamo ognuno un pezzetto di feci feline, lo mettiamo al di sotto del naso in modo da simulare i baffetti in stile Adolfo, così ci passa la fame e non riusciamo a mangiare niente di più di un pezzetto di mela.

    Fonte/i: Oggi ho mangiato vegano ma stax non avevo voglia di far da mangiare così mi sono abbandonato in braccio al mio fedele amico Gorgonzola - mmmm
  • Anonimo
    1 decennio fa

    L'ho sempre detto io.

    Essere vegan non si tratta di estremismo, ma di COERENZA.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Già solo per il fatto che paragoni gli allevamenti animali a luoghi di tortura puoi essere considerato un fanatico estremista.

    Gli allevamenti non sono quei luoghi da incubo che descrivete sopratutto in Italia. Naturalmente anchio credo che un allevamento vada fatto con scrupolo e sistemi tradizionali, così la carne rimane più sana e gustosa.

    Il fatto è che è voi fanatici vegani vi rifiutate di utilizzare i convertitori di cibo, per questo siete ancora fermi alla prima fase del "mangio solo erbette e puttanatine sintetiche".

    Siete come dei moderni penitenti, che amano infliggersi del danno.

    "mea culpa, mea culpa, mea massima culpa".

    Al posto del flagello usate il tofu setian, ma, come in passato, scambiate la vita per una condanna ai lavori forzati.

    Si, direi che siete dei fanatici estremisti.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Perchè non parliamo anche di coloro che abbandonano gli animali quando devono partire per le vacanze? anche quella è una forma di tortura. non si tratta di essere estremisti o esagerati, si tratta di rispettare la natura e gli animali. Per esempio, in natura, gli animali carnivori non torturano e non fanno soffrire le loro prede, non vedo perchè l'uomo lo debba fare. Rispetto le idee di tutti quanti, onnivori, vegetariani e vegani, perchè ognuno è libero di fare le proprie scelte e sono dalla parte degli animali, perchè i maltrattamenti nei loro confronti sono sempre ingiustificati, a prescindere dal proprio credo alimentare.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    La maggior parte finora sono state "belle risposte".

    Se proprio ci dobbiamo considerare estremisti vorrà dire che siamo ai lati del pensiero di molti che ancora non riescono a capire che il dolore e il male sono evitabili anche per le "bestie" o, sicuramente per meglio dire, animali di specie diversa dalla nostra.

    Però sarebbe utile far visitare i macelli a tutti quelli che ci prendono per pazzi, credo che incomincerebbero a comprendere il nostro pensiero e solo qualche sadico continuerebbe a pensarla come prima.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ci sono problemi ben più gravi dei maiali o delle mucche ke soffrono. Si chiama Catena Alimentare. Vai a dire ad un Bambino africano di non mangiare la carne,xk se no fa soffrire la mucca o il maiale. Voi vegani non siete diversi, siete delle persone con burtte esperienze personali, siete tipo i pazzi. Siete una malattia. Mi fate schifo, vermente voi non andate in giro a dire ke lo fate per il bene degli animali, ma per essere compresi dalle persone. Andate a lavorare, x favore. Mi fate schifo peggio dei nazisti.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Sono perfettamente daccordo con te ..e per i soliti cretini ....con sta storia dei paragoni vi fate sempre le vostre paracule ragioni....la vita è vita indipendentemente da cos' è il tuo corpo albero animale o uomo ....sono fanatica? estremista? vabbè allora lo sapete che vi dico se il mio essere così minimizza le sofferenze degli altri SIII SONO UNA PAZZOIDE ESTREMISTA E FANATICA E ME NE VANTO!!!!

    tesoro è facile accusare gli altri per ogni cosa quando non si fa nulla di buono per gli altri quindi è un giudizio che non mi tocca proprio anche perchè IO QUALCOSA DI CONCRETO FACCIO! bacio e complimenti per la domanda

  • 1 decennio fa

    ..penso davvero che i lager non si possano paragonare agli allevamenti italiani..

    ..certo, nel mondo credo che ce ne possano essere di veramente terribili, ma non penso in italia..o almeno.. spero sinceramente di no..del resto in italia non c'erano neanche i veri e propri lager..

    ..non so davvero cosa pensare.. le cose che hai scritto mi hanno fatto riflettere molto.. io sono veg ma non avevo mai pensato all'allevamento come un lager, una prigione si..ma un lager..ma pensandoci adesso..corrisponde tutto..il lavoro fino allo sfinimento, gli spazi e l'igiene inesistenti, il disprezzo della vita, la mancanza di dignità, la numerazione, la separazione delle famiglie..gli esperimenti..

    ..non lo so.. continua a sembrarmi tutto così assurdo..cosa si può fare allora?

    ..come si può reagire?..io nella mia città già sono stata 'isolata' perchè mi ritengono una pazza malata..

    ..cosa si può fare?..

  • 1 decennio fa

    Parole sante!!

    infatti spesso mi è stato dato dell'estremista...

    preferisco essere considerata estremista che uccidere esseri indifesi.

    ci chiamano estremisti solo per non sentirsi in colpa..

    "come possiamo noi bestie essere paragonati agli animali?" EH GIA'...

    La stellina te la sei proprio meritata :)

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.