Qual è il senso delle croci sulle montagne?

Perché sulla cima di molte montagne ci sono spesso delle croci?

E non si tratta di piccole crocette, spesso sono delle opere monumentali che comprendono anche enormi piedistalli e pavimentazioni dell'area che le circonda.

Rientra sempre nel discorso della nostra tradizione?

Allora io pretendo la statua di Garibaldi.

E, visto che ci sono, pretendo che l'immagine di Garibaldi venga affissa in ogni ospedale, ogni scuola e in ogni luogo pubblico.

Compresi i bagni (pubblici).

Quasi quasi ora faccio una petizione...

17 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Le croci sulle montagne sono come le pubblicità delle banche che dicono "la tua banca ti da fiducia". Evidentemente serve dirlo perché non è così.

    L'ossessione per marchiare il mondo di croci da parte dei cattoilci è il loro modo per continuare a convincersi che la loro fede ha senso e per credersi importanti tanto da meritarsi le cime delle montagne di tutti per i loro simboli personali.

    Un altro modo che hanno ad esempio per convincersi è ripetere in coro il "credo" o dire cose "non posso credere che siamo qui per caso". Rifiutano cioè di ragionare e si persuadono di quello che fa loro piacere e lo sottolineano con bruttissime croci che deturpano le nostre montagne con il loro simbolo di morte, intolleranza e prevaricazione sul prossimo.

    E se servisse ancora una prova, dopo secoli di morte e predominio, che la croce è un simbolo di prevaricazione, allora vediamo come sono messe lì:

    Innanzi tutto sappiate che a NESSUNO e ripeto e a NESSUNO è permesso di costruire alcunché sulle cime delle montagne (TUTELATE da ogni intervento dai Beni Ambientali) tranne che ai SOLI cattolici, i quali agiscono con il permesso (ILLEGITTIMO) firmato da altri cattolici, conniventi solo con la gente della propria fede, che siede in comuni e provincie.

    Ricordate che ogni croce sulla montagna è un atto pubblico autorizzato da un cattolico per i cattolici. Provate ad andare nello stesso comune o provincia dove hanno autorizzato la croce e provate a chiedere di mettere sulle cime delle montagne una stella di Davide, un candelabro a sette braccia, una mezzaluna o una colonnina induista o anche solo un palo in ferro con base in calcestruzzo di 40 cm, e vi cacceranno a calci nel sedere e vi rideranno in faccia perché lo state chiedendo a dei cattolici e come tali ingiusti.

    Poi fate la prova chiedendo di mettere una statuina votiva della madonna o una croce in cemento armato di 25 metri e vi firmeranno tutto.

    Chiedete di mettere una cosa orrenda come questa ad esempio

    http://www.associazione-laselva.it/images/CatriaCr...

    Aggiungo infine che molte croci sui monti sono messe senza alcuna autorizzazione (vedi storia sugli scout in fondo), cioè sono abusive ma sono lasciate in piedi da amministratori compiacenti - cattolici, guardacaso.

    Per cui ecco cosa servono le croci sulle montagne, a ricordare alle persone per bene che ci sono tante persone imbottite di falsità e leggende su gente che risorge e donne ingravidate da spiriti, pronte a ripristinare in ogni momento una teocrazia assolutista basata su frottolame e causa di enormi violenze, ingiustizie e abbruttimenti della civiltà.

    Guardate le croci e ricordatevi con che gente convivete in Italia, gente che prega mentre voi lavorate, gente che sapendo che è illegale e sotto gli occhi di tutti, mette gigantesche croci sui monti di tutti - di tutti - mentre voi non potete nemmeno ampliare la vostra cantina abbattendo una paretina senza un permesso.

    Fonte/i: @ Gildo Cianus TRE, anche se sei un povero gattone, avrai notato che nessuno si è mai permesso di abbattere nulla del culto dei cattolici in Italia (quindi nessun "quando"), ANCHE LADDOVE ERA DEL TUTTO ILLEGALE ED ABUSIVO. Quindi prima di aprire la bocca che ha appena mangiato pesce ed alitarci fesserie sul modo di fare dei talebani, ti conviene lavarti i denti ed inchinarti a riconoscere che la tolleranza per i credenti e le loro costruzioni c'è sempre, per legge e per rispetto, perfino per quelle che sono spesso brutte abusive e anche spesso in terreni demianiali di tutti. Le costruzioni, dalle statuine votive alle croci immense, sono sempre state rispettate, un rispetto e coerenza per la vita civile di tutti che invece manca da parte dei cattolici che sono in prima linea contro la costruzione di ogni moschea o a difendere le chiese, pure quelle abusive, dicendo che sono extraterritoriali (vedi http://www.uaar.it/news/2008/08/24/palazzo-maffei-... http://www.uaar.it/news/2008/08/22/spunta-una-nuov... tanto per capire con che gente si ha a che fare) ma poi prendono i soldi dai comuni per ristrutturarle. Anzi indaghiamo un po' con quali soldi vengono construite le croci enormi sui monti, ti spiace? Quanto scommettiamo che vengono fuori dozzine di sovvenzioni e voci di spesa (=regali) di comuni ed enti montani amministrati da cattolici? Prima di parlare a fantomatici talebani che abbattono vie crucis, pensa ai cattotalebani che le mettono dove non dovrebbero in barba alle leggi e poi vengono qui vestiti da felino a piangere. @ Rapido: è evidente che qui non stiamo parlando di segnaletica ma di simboli di culto. Ecco come vengono posti 600 kg di traliccio di 10 metri a forma di croce con un basamento di 8.000 kg di cemento in montagna ad opera degli scout. http://www.agescicapua2.it/unico/installazione_del...
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Le croci ovunque servono per ricordarti che dovunque tu vada, qualunque cosa tu faccia, dovrai comunque soffrire come un cane, perchè la vita è sofferenza e dobbiamo soffrire. Anche Dio soffre, vuoi non soffrire tu?

    Soffri a testa bassa e mucci.

    Per Bacco, se i cristiani non fossero la maggioranza, li metterebbero tutti in manicomio.

    Io voglio il busto di Socrate e di Spinoza a stanze alterne.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Sicuramente farai più di 50 firme in un mese...

    :)

  • 1 decennio fa

    xk l'uomo vuole avvicinarsi a dio e nn ce nnt di + alto dove costruirle

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 6 anni fa

    E quando poi crollano ammazzando qualcuno?

    http://www.quibrescia.it/cms/2014/04/28/cevo-chi-h...

    Qualcuno sa come è andata a finire? Tutto insabbiato?

    Tuttavia ,riflettendoci, mi conviene essere contento che ci siano delle croci: coi tempi che corrono rischiamo che sulle vette ci costruiscano qualche simbolo musulmano!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    ciao bel mostro! beh avevano finito le macchinette x il caffè allora hanno optato x le croci! ahahahah!

    beh allor vediamo un po'... io una volta in una montagnba che sono andata ho trovato la foto di 2 ragazzi, purtroppo morti e degli specchi che servivano a fare il riflesso sulle finestre delle case e rompere i c*** alle persone...forse le hanno usate come bacheche?! bah!

    dai ora cerco di rispondere seriamente! forse perchè è un posto alto e il posto + vicino ad 1 eventuale DiO?! forse per metterti ansia, angoscia e dirti che anche lì sei sorvegliato!? potrebbe essere!

    ...io proprongo la nostra foto!!! almeno farebbe ridere!

    Fonte/i: un bacio!
  • 1 decennio fa

    La montagna rappresenta sempre la terra che si protende verso il cielo, dunque la montagna è un luogo che rievoca un ponte fra Terra e Cielo. Sul monte Sinai Mosè ha ricevuto la Legge da Dio, sul monte Tabor Gesù si è trasfigurato (è una teofania= manifestazione di Dio), sul monte Calvario Gesù è morto...le Scritture sono ricche di richiami al luogo mistico della montagna.

    Per questi motivi le montagne recano spesso delle croci (simbolo della Passione di Cristo).

  • Anonimo
    1 decennio fa

    io negli ospedali voglio una statua di questa quà

    http://www.laracroftrevolution.com/modelle/alison_...

    e alla fine le cose sono due.

    o non vuoi andartene più dall'ospedale o la gente guarisce prima per l'effetto benefico

    p.s.

    (anche non vestita da lara croft andrebbe bene)

    p.s.2

    (non vestita proprio ancora meglio :Q___)

  • Anonimo
    1 decennio fa

    La montagna è spesso ricorrente nella

    nostra storia o nelle leggende e/o

    credenze di una qualsiasi religione.

    La Luce Solare dei pagani, dice della

    trasfigurazione del Vangelo sulla montagna

    con Elia e Mosè.

    Nel discorso della montagna si ricorda che

    la pace col fratello è più urgente dell’offerta

    da portare sull’altare.

    La montagna è sempre stata trasfigurata come

    significato simbolico di Cristianità e potenza: non

    solo nella nostra cultura.

    Nel Macrocosmo buddhista, intorno al monte MERU

    ruotano il SOLE, la LUNA e le stelle sono sopra al

    Mondo dell'Avidità.

    Anche qui, ritroviamo riscontri analoghi sempre

    riferiti alla montagna.

    Evidentemente, le croci vengono collocate sulle

    vette per esprimere la grandezza, la vastità e

    l'autorevolezza che queste dovrebbero trasfondere a

    tutti noi.

  • 1 decennio fa

    Se vai in montagna non trovi solo la croce sulle vette, trovi capitelli su ogni sentiero, trovi via crucis intagliate nel legno che si inerpicano lungo vari percorsi, e gli uomini del posto si tolgono ancora il cappello quando ci passano davanti mentre le donne vi mettono fiori sempre freschi. Fa parte della religiosità popolare quindi sì, rientra nelle nostre tradizioni.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.