Come perdere le proprie barriere... quelle che ti impediscono di amare?

il tempo... l'esperienza...il dolore...un amore mai ricevuto...sola...persa...

E' stata dura per me...forse troppo...

Da piccola avevo solo mio padre, (di mia madre non ho mai saputo niente...) ma beveva e si drogava quindi mi picchiava spesso, troppo spesso...perdeva il controllo ed io ero la prima cosa che avava davanti.

Ricordo la pura quando lo sentivo rientrare e le notti che mi trascinava giù dal letto.

Usciva a tutte le ora e a volte rientrava solo la mattina presto.

A sette anni una sera non e' piu' rientrato a casa e dopo ben tre giorni che io ero sola e terrorizzata a casa arrivarono quelli del servizio sociale e mi portarono via!

passai i successivi 3 anni emmezzo in un istituto...finalmente libera dal terrore che avevo di mio pade...libera dalle botte...libera dalla paura...

Poi una famiglia mi prende in affidamento...passano mesi ma e' dura lui mi tratta in modo strano...mi tocca...mi stringe...un giorno la moglie non c'e' e viene in camera mia...io non capisco ma non voglio per prendermi mi fa male al bracio e mi sbatte per terra e cadendo rompo una bottiglia e finisco completamente sui vetri rotti...prendo lo zoccolo e glielo do' sulla testa...poi corro...corro forte...entro nella casa accanto spaventata...poi scappo scappo via da tutto....

ero sola mi faceva male ovunque e sanguinavo....non sapevo cosa fare...come potevo farcela?

poi sono entrata in una chiesa...volevo ombra...il prete mi vide e mi medico'...Di dove sei? la tua mamma? Cosa ti e' successo?

ero sconvolta iniziai a piangere e probabilmente raccontai tutto...

non volevo tornare la' non volevo andare in istituto...lui mi disse che per un pochino potevo stare li' ma doveva avvisare...

alla fine mi ha tenuta con se' fino ai 18 anni...anche di piu' fosse stato per lui ma io dovevo andare...

lavoravo aiutavo preparavo stiravo lavavo...di tutto pur di aiutare...pur di non essere un peso...pur di non dover di nuovo scappare...

Ma ora a 20 io non riesco ad amare...temo gli altri...il contatto mi terrorizza...a lavoro preferisco stare isolata...la notte non dormo...e non riesco a permettere a nessuno di avvicinarsi a me...non riesco a lasciarmi amare...

un'enorme barriera si è formata in me e io la vedo ma non riesco a combatterla...cosa potrei fare?

17 risposte

Classificazione
  • Sarà
    Lv 5
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Stella..ti capisco..ti capisco anche troppo bene..mio padre era come il tuo..solo che mia madre mi ha salvata..non vedo quella persona ( che per me non è mai stata mio padre) da anni..non l'ho mai capita..e mai la vorrò capire...

    ricordo tutto quello che ci ha fatto passare per tre anni..e adesso per me e per mia madre c'è un muro che non riusciamo a scavalcare..io non riesco a fidarmi più degli altri..ho il terrore che mi stiano usando..ho paura che le persone non siano mai come le vedo..come penso di conoscerle....non riesco nemmeno a immaginare cosa significhi amare veramente qualcuno senza aver paura di quella persona..

    per quello che riguarda il peso..anch'io ho il terrore di esserlo..e di non essere accettata..perchè è come se fossi diversa..insomma..quando parlano della loro famiglia..io mi sento diversa..e mi distacco sempre di più..e anche se so che non è giusto farlo..non riesco a cambiare..anche se molti provano ad aiutarmi..non ci riescono..la mia paura verso gli altri è troppo forte..da superare così facilmente..

    ti capisco..e ti sto vicina..

    ciau bazi bazi..^__^

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Hai tutta la mia ammirazione e il mio rispetto per riuscire a portare tutto ciò dentro di te....

    Solo una cosa, non vi è barriera da combattere, c'è solo di accettare il desiderio e il bisogno di amare, se ancora ne hai....e di saper cedere all'amore della persona giusta quando si presenterà l'occasione....

    In bocca al lupo....

    Byez

  • V
    Lv 6
    1 decennio fa

    quello che siamo noi oggi dipende in gran parte dal nostro passato... l'infanzia è il primo passo verso la maturazione e determina molto del nostro carattere. cambiare è difficile, credimi, ma non impossibile. ci vuole l'aiuto di qualcuno o uno stimolo che ti aiuti a cominciare un nuovo cammino. quella diffidenza è del tutto giustificata, non devi incolpare te stessa. sono sicura che la persona (o le persone) che ti aiuteranno ad uscire da tutto questo e ti mostreranno i lati belli della vita sono da qualche parte là fuori. le troverai. vorrei tanto poterti aiutare... in teoria le crocerossine dovrebbero saperlo fare...

    non vorrei ripetere molte delle cose che gli altri utenti hanno già detto ( e le sai già), ma sappi che anche noi nel nostro piccolo cercheremo di aiutarti... ci sarà sempre qualcuno pronto ad ascoltarti, ok?! (io mi offro volontaria se vuoi! ;))

  • Anonimo
    1 decennio fa

    dovevi denunciare tutto alla polizia

    cmq hai fatto bene ad andare in chiesa

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    ciao!

    mi spiace molto per tutto quello che hai passato.....

    l'unico consiglio concreto che posso darti è quello di rivolgerti ad un PSICOLOGO perchè loro sanno come aiutarti!

    in bocca al lupo!

    Violanera

  • 1 decennio fa

    La tua storia mi ha fatto commuovere..

    Vorrei tanto aiutarti, ma non saprei proprio come fare..

    Posso solo consigliarti di parlarne con uno psicologo purtroppo...

    :-)

  • 1 decennio fa

    Mamma mia che storia.... quante devi averne passate!... La vita spesso è davvero dura e ingiusta!...Oltretutto altre persone più 'deboli' magari al tuo posto si sarebbero infilate e perse in cattive compagnie ed abitudini,tu invece da quel che scrivi qui,hai dimostrato una forza incredibile,e un gran rispetto e amore per te stessa!Brava! Comunque sia,come tutti hai bisogno anche tu(anzi,tu a maggior ragione)di affetto,di amore,di una carezza,di un abbraccio,di qualcuno che ti stia vicino,di una spalla su cui piangere e appoggiare la testa,qualcuno che nel contempo ti dia gioia,forza,coraggio e aiuto nell'abbattere quelle barriere che tuo malgrado hai costruito,e non devono assolutamente diventare una specie di alibi anche se involontario,per rimanere chiusa ne tuo mondo ovattato,(e dicendo questo spero di non essere fraintesa),devi in qualche modo continuare ad usare la forza e il coraggio che ti ha aiutata e contraddistinta in questi anni,e andare avanti con fiducia e almeno un po' di ottimismo,quel tanto che basta,e il resto vedrai che arriverà! Sicuramente ci vorrà del tempo,e avrai spesso anche delle ricadute e dei momenti in cui prevarrà la sfiducia e lo sconforto,la paura,ma saranno solo momenti,se tu continuerai ad amare te stessa e la tua vita,ti rialzerai sempre!.. Hai bisogno di trovare persone sulle quali riporre la tua fiducia,che ti permettano di aprirti e lasciarti andare ai sentimenti e alle emozioni,e su 20 str..onzi che incontrerai,ci sarà quello che riuscirà a contraddistinguersi,uno a cui piacerai davvero,che avrà prima di tutto la voglia di starti vicino e di amarti come meriti,e per amarti intendo anche la pazienza di aspettare il momento giusto per completare il tutto,e anche per aiutarti in questo! Secondo me però,un aiuto psicologico da parte di un esperto in materia non ti farebbe male,anzi,sarebbe quasi sicuramente un acceleratore per una guarigione dell'anima...pensaci!... Nel frattempo ti auguro tutto il bene del mondo,ti faccio il mio più sincero in bocca al lupo per tutto,che tu riesca finalmente ad avere la vita che ti meriti!!! Un abbraccio!

  • 1 decennio fa

    sei già stata veramente forte a sopravvivere a quello che ti è capitato. dimostri un carattere eccezionale, voglia di fare, di cambiare:

    prova a volerti più bene, a capire davvero il tuo valore, i tuoi valori, chiedi di parlare con qualche psicologo, che ti aiuterà a rimettere insieme i tuoi cocci, e a ricompattare l'autostima, che migliorerà sicuramente.

    hai tutta la mia comprensione ed il mio appoggio.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    mi dispiace x quello che ti è successo comunque cerca di fare un po di amicizia con qualcuno e poi passa un po piu in alto

    comunque adesso hai tantissime persone tue amiche su yahoo

    e x adesso sei a posto

  • 1 decennio fa

    A 20 anni per fortuna si è ancora in tempo per cominciare ad amare e farsi amare. E' già importante che tu abbia preso consapevolezza del tuo desiderio di contatto. Sicuramente ci sarà presto qualcuno che ti aiuterà a sbloccarti perchè ti amerà davvero. La tua storia è davvero sconcertante, per fortuna è proprio vero che il tempo è un gran dottore e riesce almeno a rendere meno dolorose certe ferite. Coraggio e in gamba.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.