La confessione auricolare (confessione segreta all’orecchio di un sacerdote), è scritturale?

Le opinioni degli studiosi sull’origine della confessione auricolare differiscono :

L’Enciclopedia Cattolica dice: “A partire dal sec. IV la C. [Confessione] segreta andò acquistando maggior importanza ed estensione”. — Città del Vaticano, 1948-1954, Vol. IV, col. 231.

Un’altra opera cattolica afferma: “Molti storici contemporanei, sia cattolici che protestanti, fanno risalire le origini della penitenza individuale come disciplina normale alle chiese d’Irlanda, Galles e Inghilterra, dove i Sacramenti, incluso quello della Penitenza, erano di solito amministrati dall’abate di un monastero e dai suoi monaci sacerdoti. Sembra che, prendendo a modello l’usanza monastica della confessione e dell’istruzione spirituale pubblica e privata, si siano estese ai laici l’abitudine di confessarsi di frequente e la confessione di fede. . . . Tuttavia fu solo nell’XI secolo che si cominciò a concedere l’assoluzione per i peccati occulti all’atto della confessione e prima di compiere la penitenza”. — New Catholic Encyclopedia (1967), Vol. XI, p. 75.

Lo storico A. H. Sayce riferisce: “I testi rituali indicano che a Babilonia si praticava la confessione pubblica e segreta. Il metodo più antico e più diffuso sembra fosse proprio quello della confessione segreta”. — The Religion of Ancient Egypt and Babylonia, Edimburgo, 1902, p. 497.

Aggiornamento:

Per Silvano : Certo che l'Enciclopedia Cattolica esiste, anzi, visto che ho citato il volume, puoi anche andare a leggerti tutto il contesto: Enciclopedia Cattolica Città del Vaticano, 1948-1954, Vol. IV, col. 231.

Oppure: New Catholic Encyclopedia (1967), Vol. XI, p. 75.

The Religion of Ancient Egypt and Babylonia, Edimburgo, 1902, p. 497.

Noi non facciamo copia incolla, ma usiamo citare frequentemente frasi di personaggi celebri ( anche cattolici) per dimostrare l'obiettività di tali persone...

Aggiornamento 2:

Anche Giannimax ha usato una frase che mi è piaciuta particolarmente perché è basata sul Catechismo Tridentino art. 246, trad. italiana di Tito S. Centi, Edizioni Cantagalli, 1981 (con Nihil obstat e Imprimatur). Di quì non si scappa, purtroppo...

Non è difficile informarsi per conto proprio, perché come puoi notare sono volumi di cui tutti abbiamo il libero accesso e come Testimoni di Geova li citiamo come fonti autorevoli. Se davvero sei cattolico dovresti apprezzarli anche tu, o forse dovresti ammettere che hanno ragione???

6 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Secondo la formula tradizionale, tuttora in uso in certi luoghi, il penitente si rivolge al sacerdote dicendo: “Beneditemi, o Padre, perché ho peccato”, e indicando quanto tempo è passato dall’ultima confessione. — Edizioni Paoline, 1948, p. 133.

    Matt. 23:1, 9, CEI: “[Gesù disse:] Non chiamate nessuno ‘padre’ sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello del cielo”.

    Peccati che possono essere perdonati

    “Non c’è colpa per quanto grave ed empia, che non si cancelli grazie alla Penitenza; e non una sola volta, ma molte e molte volte”. — Catechismo Tridentino, art. 246,

    Ebr. 10:26, CEI: “Se pecchiamo volontariamente dopo aver ricevuto la piena conoscenza della verità, non rimane più alcun sacrificio per i peccati”.

    Mar. 3:29, CEI: “Chi avrà bestemmiato contro lo Spirito Santo, non avrà perdono in eterno”.

    Penitenze

    Di frequente il confessore impone al penitente di recitare un determinato numero di “Paternoster” e di “Ave Maria”.

    Matt. 6:7, CEI: “Pregando poi, non sprecate parole come i pagani, i quali credono di venire ascoltati a forza di parole”.

    Matt. 6:9-12, CEI: “Voi dunque pregate così: Padre nostro che sei nei cieli . . . rimetti a noi i nostri debiti”. (In nessun punto della Bibbia è detto di rivolgere preghiere a Maria o tramite lei.

    Rom. 12:9, PS: “Il vostro amore sia sincero! Fuggite il male, seguite fermamente il bene”.

    Gesù non autorizzò gli apostoli a rimettere i peccati?

    Giov. 20:21-23, CEI: “‘Come il Padre ha mandato me, anch’io mando voi’. Dopo aver detto questo, alitò su di loro e disse: ‘Ricevete lo Spirito Santo; a chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi’”.

    In che modo gli apostoli compresero e misero in pratica queste parole? Nella Bibbia non è riportato un solo caso in cui un apostolo abbia ascoltato una confessione segreta e concesso poi l’assoluzione. Comunque, i requisiti per essere perdonati da Dio sono esposti nella Bibbia. Gli apostoli, sotto la guida dello spirito santo, potevano discernere se le persone soddisfacevano tali requisiti e, su questa base, potevano dichiarare se Dio le aveva perdonate o no. Come esempi, vedi Atti 5:1-11

  • 1 decennio fa

    .. secondo me e' una kazzata.. pero' magari qualcuno si puo' sentire meglio confessando qualche cretinata che ha combinato.. non mi sembra che sia scritturale... negli atti e' scritto che i primi cristiani si confessavano le colpe fra loro... potrebbe andare bene forse come un rapporto di amicizia... cioe' io mi fido di te e ti confesso tutte le cacchiate che ho fatto perche' desidero che tu mi conosca fino in fondo.. e tu poi magari fai altrettanto...e' come stringere un patto... pero' non mi risulta che il prete ti confessi i suoi peccati quando tu gli confessi i tuoi....e' unilaterale.. non e' scritturale..

  • Anonimo
    1 decennio fa

    No, non ne trovi traccia nella Bibbia. E giustamente i riformati e gli evangelici non la praticano

  • biel
    Lv 4
    4 anni fa

    è verissimo!tutto quello che scriveva OTTO era verissimo,sono i "Cattolici" che non conoscono l. a. verità,che non leggono l. a. Bibbia e che non sanno come il principe di questo mondo ha accecato le menti,Gesù stesso l'ha detto, chi non è nato di nuovo,crede a dottrine di uomini,Gesù ha detto:"conoscerete l. a. Verità,e l. a. Verità vi RENDERà liberi,ti sembra di vedere persone libere in giro?sono tutte legate da spiriti di:inganno,malattia,idolatria,manie di persecuzione,ossessioni,possessioni,drog... scritto:io posso ogni cosa in Colui che mi fortifica,io sono più che vincitore in Cristo,Gesù stesso cube:venite a Me,voi tutti affaticati ed oppressi,ed Io vi darò ristoro,e ancora:gettate i vostri pesi su di me e prendete il Mio giogo che è leggero,quello pesante non viene da Mè,e allora chi contesta l. a. Parola?quelli della"setta"(i pentecostali)o i cattolici?adesso mettete tutti i pollici in giù come avete fatto con LADYDREAMFOREVER,ha scritto cose della Bibbia e voi non l. a. leggete nemmeno x sapere se è l. a. verità(Teologia: scienza umana che spiega l. a. parola di Dio,forse che Dio ha ritirato lo S.Santo e dato autorità agli uomini di tradurre l. a. Sua parola?guai a chi aggiunge o toglie un solo iota(piccolo puntino)sia anatema!quello che hai scritto sulla confessione è stato divulgato insieme a una lunga lista di eresie della chiesa degli uomini,dal Rev.Stefano Testa.Dio ti benedica

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Qualcuno mi sa spiegare come mai i Tdg sanno fare domande e scrivere risposte solo con copia-incolla? siete bot per caso?

    E poi l'Enciclopedia Cattolica, ma chi la conosce?

    il Catechismo della Chiesa Cattolica è l'unica fonte riconosciuta dai cattolici, quand'è che TorrediGuardia vi aggiornerà in fonti più attendibili?

  • Anonimo
    1 decennio fa

    ....ma....figliola!!! Dove hai pescato sta roba? Ch'io ricordi non l'ho mai vista.........beh! aspetta....provo ad andare alla Biblioteca dei Cieli e vedo di consultarmi....

    ..........forse son passati troppi secoli e...sai...la vecchiaia.....

    ....ora vado, ma torno.......torno.........

    Fonte/i: Mi sarò rincòglionito nei secoli? amen
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.