promotion image of download ymail app
Promoted
Anonimo
Anonimo ha chiesto in Gravidanza e genitoriAdolescenza · 1 decennio fa

Vediamo chi sa scrivere molto bene?

ciao...a me piace scrivere a casa quando non so che fare.

voglio confrontarmi con altri modi di scrivere.

mi scrivete un testo poetico che parla dell'adolescenza?

e che condanna il bullismo sui ragazzini sfigati?

grazie

Aggiornamento:

LA SCUOLA L'HO FINITA!!!!!!!!! L'ANNO SCORSO!

5 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    Come può essere dura la vita da ragazzo se nn si sta dalla parte giusta. se si finisce x essere lo zimbello della classe...qll a cui dai lo scappellotto sulla nuca ogni volta ke fai finta di andare a buttare la carta nel cestino...quello ke <fammi un po' vedere ke hai da mangiare?>...<nn mi piace> e la merenda vola giù dalla finestra. aggressioni,prepotenze,estrsioni,umiliazioni ke gli adulti(presidi,bidelli,insegnanti)nn vedono o fanno finta di nn vedere, xkè i ragazzi hanno l'aria di voler badare a se stessi; i ragazzi fanno muro e sn capaci di ritorsioni ke allora è mejo starne fuori.

    la maggior parte dei ragazzi ha avuto a ke fare cn offese o aggressioni da parte dei bulli,è ormai diventato un "tormentone quotidiano" l'essere ogni santo giorno preso di mira xk sei grasso,xk puzzi,xk sei un asino,xk sei un sekkione...e tt qst può distruggerti l'esistenza, e a tt questo seguono le offese e gli insulti,skerzi pesanti,quelli ke fanno rabbia fino alle lacrime,il diario fatto a pezzi,la pipì nelle scarpe da ginnastica,il lancio dalla finestra dei libri e dei quaderni; fino alle minacce,alle aggressioni e ai piccoli furti.

    a questo punto uno pensa ke sia la strada e + precisamente il tragitto tra scuola e casa lo spazio meno protetto quello nel quale le vittime vengono prese di mira dai bulli. invece no. e nn sono neppure i bagni di scuola. o i corridoi,gli spogliatoi. il "luogo del delitto" x eccellenza è la classe. solo ke i grandi, bidelli e insegnanti,spesso nn sn presenti quando occorre, e in ogni caso,tra ki nn se ne accorge e ki fa finta di niente,raramente ci si può contare.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    cos'è devi fare un tema da solo e chiedi aiuto a noi in questo modo...????

    no perche dai titoli sembrerebbe proprio cosi...!!!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    L'adolescenza: una tappa della nostra crescita, un ponte di collegamento tra l'infanzia e l'età adulta. Nell'adolescenza si cresce sia fisicamente che mentalmente, si è continuamente alla ricerca del divertimento e molto spesso dello sballo, la razionalità è praticamente assente ma le nuove esperienze come fumo, alcol e droga sono continuamente persistenti e provocano danni fisici irreversibili. Durante l'adolescenza il corpo cambia forma, cresce e si evolve, in questo periodo della vita si hanno le prime storielle amorose dove si verifica l'attrazione fisica verso il sesso opposto, si affina il carattere e matura la mente. Nell'adolescenza si hanno i primi conflitti con i genitori, si diventa ribelli e trasgressivi. Purtroppo però è proprio nel periodo dell'adolescenza che si verificano numerosissimi casi di bullismo dove ragazzini prepotenti se la prendono con ragazzini più tranquilli e che magari non seguono del tutto la moda. Spesso i casi di bullismo portano le vittime a gesti orrendi, come il suicidio, pur di porre fine alla loro posizione di vittime e fonti di divertimento pubblico. Frequentemente i ragazzini ribelli che fanno i bulli sono più timidi e sfigati di quelli che vittimizzano ma si creano una maschera dove nascono la loro timidezza e tirano fuori ttt la ribellione presente in loro stessi.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    L'adolescenza è una fase in cui ci si sente orribili fuori e inadeguati dentro, e si nasconde la propria “mostruosità” dietro maschere e silenzi. In cui si cerca la solidarietà nel gruppo, che accoglie senza chiedere nulla e si riunisce per il puro gusto dello stare insieme. In cui si scopre l’amore e il mistero della sessualità. E in cui si accendono i primi conflitti con la famiglia, inevitabili e il più delle volte indispensabili per crescere. I ragazzi non sono interessati al passato e non si proiettano nel futuro, ma sono immersi in un presente che spesso li schiaccia, inducendoli a cercare riscatto in un eroismo vuoto – quello del sabato sera, votato ad una trasgressione ad ogni costo – o rifugio nella droga, da cui invece avrebbero il diritto di essere tutelati.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    allora i bulli dissero agli sfigati:

    <<I COMPITI FATTELI DA SOLO!!>>

    bella eh?!

    si come no..allora a cs ti serve che ti scriviamo noi delle cose?!dubito solo x vedere 'chi sà scrivere molto bene'...

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.