Defibrillatori per tutto il territorio? ?

Visto che la morte improvvisa cardiaca e l'infarto sono i principali problemi per i quali si può anche morire, proporrei ai medici presenti in questo canale e a chi di dovere di fare in modo che in Italia, invece di spendere e spandere i soldi in c*****e, si comprino defibrillatori e li si distribuiscano su tutto il territorio e che questo valga anche in Europa. Io penso che in America già lo facciano. Cosa ne pensate?? Mi rivolgo ai medici, se hanno fatto già qualcosa in tal senso, se ci sarà o com'è la situazione. Poi volevo chiedere: il 118 che si trova con un'ambulanza nei pressi di un negozio o ad una festa possiede il defibrillatore? E' principalmente per l'evenienza di cui parlo che ci sono? Grazie. 10 punti alla miglior risposta.

6 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Per prima cosa non e' che un defibrillatore sia la panacea di tutti i problemi: serve solo e solamente se c'e' fibrillazione ventricolare : se non c'e' fibrillazione, se c'e' un arresto e' utile quanto un ferro da stiro.

    Secondo, come qualcuno ha ricordato ci vuole addestramento

    Terzo non e' che abbiano un costo irrisorio, costano piu' di 1500 e + iva e necessitano di manutenzione ed hanno una durata limitata in piu' se me lo compro il fisco dice che l'ho fatto per guadagnare di piu' e mi stanga con gli Studi di Settore ...

    Quarto dovrebbe esserci una distribuzione capillare se e' a 15 minuti di distanza e' come se non ci fosse.

    Quinto con l'aria che tira finira' come in USA che per evitare di essere denunciati per malasanita' medici infermieri e persone comunque capaci di portare aiuto si volteranno dall' altra parte e fingeranno di non vedere... chi non fa non falla e il magistrato star o l'associazione populista restano a bocca asciutta (e' vero il tipo muore... ma perche' mettersi nei guai rischiando di sbagliare ? meglio astenersi ! :-(((( )

  • Craig
    Lv 6
    1 decennio fa

    Sono una volontaria della Misericordia e nella mia zona, in Toscana, abbiamo ambulanze equipaggiate con defibrillatori manuali e Dae e siamo tutti addestrati al loro uso. Purtroppo la situazione che descirvi tu, per quanto auspicabile, è davvero lontana, perchè la nostra sanità è praticamente allo sfascio e lascia tutti gli oneri sulle spalle dei privati e delle associazioni. In genere ogni associazione che esegue emergenze ha almeno un'ambulanza attrezzata per il bls-d che viene impiegata in manifestazioni, feste, ecc.

  • 1 decennio fa

    In alcune regioni italiane i DAE (defibrillatori semiautomatici) già sono presenti in centri commerciali, studi dentistici ecc. Il loro utilizzo è di per sé estremamente semplice, basta seguire i comandi vocali del DAE e tutto funziona a dovere. Per quanto concerne il 118 bisogna fare un piccolo distinguo. Ovviamente le ambulanze possiedono un monitor defibrillatore classico ed anche, spesso, un DAE. Sulle ambulanze invece ove vi è la presenza di soli volontari a volte il defibrillatore non c'è e questo è un vero peccato. Il costo di un DAE non è così elevato e formare i volontari ad utilizzarlo non è così complicato. In Piemonte ci si sta organizzando in tal senso per poter fornire un servizio migliore agli utenti.

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Prima di investire nei defribillatori semiautomatici è meglio promuovere il concetto di pronto intervento nel singolo cittadino, il DAE diventa inutile se non si è in grado di mettere in movimento il meccanismo del soccorso (dalla chiamata del 118...) ed inutile se non si affianca al suo utilizzo una buona rianimazione cardio polmonare.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Non so da dove scrivi, ma in molte regioni sono già presenti defribillatori semiautomatici (utilizzabili anche da personale non medico) in scuole, supermercati, istituti pubblici.. basta un corso bls-d per laici per poterli utilizzare.

    Quando c'è una festa, di norma l'ambulanza è di tipo A quindi attrezzata per la rianimazione.

    L'unica evenienza per cui occorrano è quella dei problemi cardiaci, le funzioni accessorie di cui sono dotati (quelli però automatici e utilizzabili solo da personale medico) sono disponibili anche nei presidi standard dell'ambulanza.

    In Europa cmq la situazione è simile alla nostra: sono diffusi capillarmente in Francia, Germania, Inghilterra (ma anche in questi stati le regioni più povere ne sono sprovviste!).

    Non sono un medico, ma penso sia inutile sollecitarli, sono le Aziende Sanitarie e quindi le Regioni che cacciano i soldi!!

  • Juliet
    Lv 4
    1 decennio fa

    un defibrillatore può aiutare se usato tempestivamente, ma in caso di utilizzo erroneo (per esempio quando non ce n'è bisogno) può causare molti più danni.

    Esistono quelli semiautomatici, è vero! Sono quelli che ti fanno un ECG e ti consigliano o meno la scarica ma comunque per utilizzarli ci vuole il patentino DAE...

    secondo me sarebbe molto più utile che tutti sapessero fare un massaggio cardiaco!!

    rispondendo alla tua domanda, spesso un'ambulanza di presidio non possiede un defibrillatore a meno che non ci sia un medico o un volontario con il patentino (sull'ambulanza c'è scritto MEDICA oppure BLSD)

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.