Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 1 decennio fa

La noia uccide l'intelligenza?

Avete mai visto un animale annoiarsi?

Una tartaruga, un gatto, un cane. Si annoiano?

L'uomo invece è travolto, in continuazione, da un senso di monotonia, e abitudinarietà che, a un tempo lo rassicurano, ma spesso causano noia e tedio.

Non sarà mica la presenza di stimoli intellettuali, sicuramente più vivaci rispetto a quelli animali, che ci danno questa sensazione?

L'intelletto esige sapere, e va coltivato. È in continuo arricchimento e trasformazione.

La noia lo uccide?

Cosa proponete come soluzione?

Aggiornamento:

Maral, non credi che quella degli animali sia più sofferenza che noia, data dallo stare chiusi in una gabbia, e dunque privati della loro natura?

20 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Migliore risposta

    Sì, bravo : la noia uccide l'intelligenza !!

    Non lo dico per vantarmi, ma sono laureato in ingegneria e (potenzialmente) potrei far fruttare molto di più le mie potenzialità in lavori di più alto livello. Invece le aziende italiane hanno deciso di non creare e non inventare più nulla, relegando gli ingegneri a fare lavori meschini e mortificanti che potrebbero benissimo fare dei diplomati.

    Dopo tre anni ho già il cervello disabituato a fare calcoli e facilmente stancabile. La sera torno a casa che quasi non mi va nemmeno di cucinare, mentre ricordo che, quando ero studente, finivo di studiare e avevo ancora voglia di fare mille altre cose.

    Cosa propongo come soluzione ? Ho provato a cambiare lavoro, ma non ne ho trovati altri. E, quindi, l'unica soluzione sarebbe CAMBIARE L'ITALIA !!

    - - -

    Per quelli che hanno detto che l'intelligenza uccide la noia. Provate a fare un lavoro monotono e ripetitivo per 8 ore al giorno, seduti ad una scrivania, davanti ad un pc. E poi vedete se la vostra intelligenza non si va a fare benedire.

    .

  • 1 decennio fa

    Sì, ho visto animali annoiarsi chiusi in gabbia. Una volta vidi un orso bianco in gabbia che non faceva altro che scuotere la testa avanti e indietro continuamente, come fanno spesso i matti. L'uomo è oggi l'unico animale che si costruisce da solo le gabbie mentali o fisiche per viverci utilizzando la sua intelligenza per renderle più robuste, forse da questo dipende la sua noia.

    Non so se si tratti più di sofferenza che di noia (in fondo anche la noia è sofferenza per carenza di stimoli), certo l'interpretazione non può che essere soggettiva (nessuno è nella mente di un altro, tanto meno di un animale), eppure quando vedo un animale in gabbia, soprattutto un felino, mi pare di leggervi i segni di una noia letale, sconfinata e assoluta.

  • 1 decennio fa

    ...non sarebbe più logico pensare che l'intelligenza rattrappita , spenta, ferma ,non sorretta dalla fantasia e da una certa carica morale

    CREI NOIA ?

    Mi sono sempre chiesta come facciano altri ad annoiarsi : a me non è mai ,dico mai successo !!

    mai ho usato questo termine per indicare un mio stato d'animo .

    Perchè ? perchè ho , a farmela ignorare , la CURIOSITA' ed un certo apprezzamento, o meglio, INTERESSE per le cose della vita .

    Allegro o preoccupato , ma un' interesse , uno stimolo ed una carica che viene da dentro .

    Gli animali penso che reagiscano al loro naturale stimolo ed anche a quelli esterni :

    quindi la sofferenza della reclusione equivale a mancanza di stimoli .

    Ciò , logicamente , pian piano diviene inevitabilmente sofferenza.

    Loro non programmano o hanno sentore del futuro , quindi non sono sofferenti per la loro reclusione vista come prospettiva futura come accade a noi :

    sentono la mancanza, nel presente , della privazione dei loro bisogni naturali e si spengono anche a livello di vitalità .

    Guardo i miei animali : in giardino sono sempre all'erta , sempre pronti anche dormendo ,e godono .

    Chiusi in casa anche , ma si avverte meno reattività.

    ........per gli animali non esisterebbe molto la noia se non provocata da agenti esterni !

    E' per gli umani il problema .

    Quindi la noia uccide anche l'intelligenza , la fa lavorare di meno ,

    .... ma negli esseri umani è più evidente

    quanto sia l'intelligenza pigra o stazionaria a causare la noia.

  • CI@K
    Lv 6
    1 decennio fa

    Come dice Sandra, l'intelligenza vera sa difendersi.

    Al massimo la noia può avere un effetto sedativo sulle nostre teste. Ma esistono le sveglie, quelle interiori.

    E' vero invece il contrario: l'intelligenza ammazza la noia, spesso anche quella altrui.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Io penso che se una persona è intelligente non si annoi mai. Perchè ha sempre e comunque con sè tutto quello che le serve per rinnovarsi ed arricchirsi!

  • 1 decennio fa

    La noia uccide chi non è intelligente: ho sempre pensato che l' intelligenza è la capacità di riprogrammarsi ogni giorno per affrontare le difficoltà da superare e così non c'è tempo per annoiarsi. Se poi un giorno non sai cosa fare costruisci delle trottole di legno come faccio io.. girano a meraviglia.

  • 1 decennio fa

    Uscire dalla falsa vita inventata per noi, il pendolare Produzione-Consumo-Produzione.

    Non se ne uscirà mai se gli adulti, gia fatto lo shampoo, insegnano ai figli che il dovere e starci nel ruolo di ingranaggio della macchina produtrice di squallore e avidità che il potere comanda.

    I genitori devono avere le pallle per ampiare lo spettro di scelta dei figli, senza preferire sempre che i figli siano assorbiti dal sistema ma comodi e spensierati, invece di essere piu spinti, contrastanti e curiosi e contradittori, ma soggetti all'ettichetta dell'emarginazione.

    Perchè una volta che la maentalità piu libera prenderà piede, emmarginati non lo saranno piu.

  • 1 decennio fa

    Notevole il tuo quesito. Complimenti sinceri. Partiamo da questo presupposto certo (per altro contro-affermato dagli studi di Konrad Lorenz): salvo le scimmie antropomorfe, il resto degli animali non è in grado di provare il senso di noia, che viene elaborato da una parte molto recondita del cervello, parte insita solo e soltanto in specie più evolute. Quindi, un gatto, un cane .... un pappagallo ... una cocorita ... possono avvertire di essere trascurati (ergo, di riflesso, non amati) .... ma non si annoiano. Seguono consequenzialmente il succedere degli avvenimenti temporali, che li porta dalla notte al giorno e viceversa. Infatti, per distinguere orari e scadenze devono essere educati dal padrone (termine che odio ... ma è per capirci): in tal caso, come si suol dire quasi per miracolo, il gattone attende la pappa esattamente ad un certo orario, così come il cane attende il suo accompagnatore mattutino per fare pipì e .... conversazione con le cagnoline !!!! La noia (circa il cui concetto puoi consultare centinaia di testi) è tipicamente umana .... ed umanoide. Essa di per sè, non uccide. Non è assassina, e, infatti, in Tribunale la assolverebbero per insufficienza di prove. E' causa scatenante di molte .... fini pre-annuncoate, questo sì. Pensa ai rapporti d'amore che finiscono per "stanchezza" , per "abitudine", per prassi replicate in cliché. Viceversa, è difficilissimo uccidere la noia. Bisogna saper cambiare. In queste ore, una persona a me molto cara sta tentando di farlo. E, comunque andrà a finire, avremo ucciso una parziale parte di noia.

  • 1 decennio fa

    penso più che altro che la noia, dell'intelligenza, sia il cadavere

  • ?
    Lv 4
    1 decennio fa

    Ho sempre sostenuto che gli animali costituissero la specie più depressa e tediata al mondo, ma anche la più felice.

    Condivido la tua idea, per quanto tu esprima il dubbio perché manca l'elemento sostanziale: la passione.

    La routine o quell'avere tutto a sbafo può non soddisfare solo perché gran parte delle azioni sono compiute per sodisfare i normali bisogni. Ma quando si va a toccare un bisogno principe, uno di quelli che magari ad altri potrebbe risultare tedioso, come ad esempio la pittura, ma anche altri insieme, succede che il tempo passi lieve e veloce, come una brezza di vento. Non si ha tempo per annoiarsi.

    La passione per me è la soluzione al problema da te emerso.

    Fonte/i: Errori rettificati
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.