francesco B ha chiesto in SaluteSalute - Altro · 1 decennio fa

creatina?????????????

nello sport del calcio la creatina è considerata sostanza proibita cioè doping???????????????

5 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    e bèèèè, guarda quel finocchio di Del Piero...

  • 1 decennio fa

    no il doping dovrebbe essere il gh

  • Anonimo
    1 decennio fa

    ciao... io faccio ciclismo da anni e sono dilettante da uno... faccio uso regolare di cretina ee ti posso assicurare che nn è doping, NON E' UN FARMACO! è un integatore che nn fa altro che accellerare le reazioni chimiche a livello cellulare! accellera ma nonper questo altra! nn altera in alcuna maniera le prestazioni complessive! io faccio un controllo incrociato sangue-urine ogni 3 settimane e nn ho MAI avuto rogne per la creatina!

  • 1 decennio fa

    certo ke si

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • La Creatina (Cr) è un aminoacido e viene sintetizzata sia endogenamente che anche assunta in piccole quantità attraverso l'alimentazione da carne e pesce. Si trova nel corpo sia sotto forma libera che fosforilata ed in questo caso prende il nome di fosfocreatina (PCr). Il pool totale di creatina (TCr) corporea, comprendente quindi sia la forma libera (Cr) che quella fosforilata (PCr), è di circa 120 g per un soggetto di 70 Kg (3). Circa il 95% del TCr è immagazzinato nei muscoli scheletrici, principalmente sotto forma fosforilata (PCr) (66%). La rimanente quota di Cr (circa5%) è contenuta nel cuore, cervello, e *********.

    Il fabbisogno quotidiano di Cr è di circa 1,6% (2g per un individuo di 70 Kg). La metà del fabbisogno quotidiano è ottenuto mediante l'alimentazione principalmente dalla carne, pesce, e prodotti animali. Infatti 250 g di carne rossa cruda contengono circa 1g di Cr. La rimanente quantità di Cr è sintetizzata nel fegato, rene e pancreas a partire dagli aminoacidi: glicina, arginina e metionina. Il normale contenuto di TCr nel muscolo varia da 120 a 125 mmol/Kg di massa secca (4,5,8-19).

    Il solo effetto collaterale indesiderato riportato negli studi clinici eseguiti con dosaggi (da 1,5 a 25 g/die per periodi da 3 a 365 giorni) in soggetti non allenati ed atleti d'elite è stato un incremento di peso (3). Effetti collaterali preoccupanti sono stati riportati da pubblicazioni non scientifiche e da mailing list via Internet. Queste preoccupazioni hanno origine da racconti aneddotici non controllati e possono non essere correlati con l'assunzione di Cr. Negli studi clinici ben condotti non c'è alcuna evidenza di effetti pericolosi per la salute.

    Ciò nonostante, queste preoccupazioni hanno fatto si che si indagasse per verificare le varie ipotesi di pericolo.

    Si è valutato se l'assunzione di Cr esogena a lungo termine possa sopprimere la sintesi endogena a lungo termine di Cr. In effetti durante il periodo di assunzione di Cr la sintesi endogena è ridotta (1,3,13) ma non ci sono dati che indichino una soppressione a lungo termine della sintesi endogena di Cr.

    Per il fatto che la Cr è un aminoacido si è ipotizzato che potesse aumentare lo stress a carico di rene e fegato, ma gli studi clinici non hanno rilevato significative elevazioni degli marcatori di salute del fegato in risposta alla supplementazione di Cr (31,68). Inoltre Poortmans e colleghi (76) hanno visto che la supplementazione di Cr a breve termine (20 g/die per 5 giorni) non provocava modificazioni significative dei marcatori si stress renale. Quindi si può affermare che la Cr non provochi stress renale se assunta ai dosaggi raccomandati.

    Aneddoticamente si racconta che gli atleti che seguono un duro allenamento in ambienti umidi possano andare incontro più frequentemente a crampi in seguito ad assunzione di Cr. I seguaci di tale teoria credono che le variazioni liquide dovute alla creatina possano provocare delle alterazioni elettrolitiche e aumentare lo stress renale. Comunque, nessuno studio scientificamente valido ha dimostrato che la Cr possa provocare crampi, disidratazione o modificazioni elettrolitiche sebbene alcuni studi abbiano valutato atleti in allenamento in situazioni di caldo intenso ed umido (24,31,56,59,63,65). Sempre aneddoticamente si riporta che la supplementazione di Cr possa provocare una maggiore incidenza di contratture muscolari. Chi teorizza questi problemi ritiene che i guadagni rapidi di forza e di massa corporea possano provocare uno stress maggiore su ossa e articolazioni.

    Nessuno degli studi scientifici condotti ha riportato questo genere di problemi malgrado si valutassero atleti sottoposti a stressanti sedute di allenamento (24,25,31,32,38,39,40,41,42,48,50, 52,56,59,63,64,65).

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.