Viridian ha chiesto in Auto e trasportiFerrovie · 1 decennio fa

Nel guidare un treno è tutto automatizzato? Cosa è rimasto ancora di manuale o a decisione dell'uomo ?

7 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    La conduzione di un convoglio ferroviario rimane sostanzialmente tutta affidata al personale di macchina; gli automatismi che sono stati inseriti riguardano solo i sistemi di sicurezza (attivi e passivi) come ad esempio gli impianti uomo morto e gli impianti di controllo marcia come SCMT, SSC, ERTMS, Ripetizione Segnali etc.

    Sostanzialmente, l'avviamento, la fermata, la velocità sono tutti parametri sotto controllo del macchinista; gli automatismi intervengono solo nel caso vengano infranti dei parametri di sicurezza (superamento segnali a via impedita, superamento velocità prevista nel tratto percorso, malore del PdM..).

    Se poi vuoi valutare l'aspetto "manovre" i sistemi di sicurezza sono ancora inferiori; puoi trovare un particolare automatismo installato nei locomotori impiegati nelle selle di lancio degli scali di smistamento, la cui velocità durante il lancio (che deve essere calibrata con frazioni di 0,5 km/h) viene controllata a distanza dal computer centrale responsabile del controllo di direzione e frenatura dei carri.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    ciao,sui treni "ordinari" è già stato riferito tutto e bene da chi mi ha preceduto.

    Tuttavia esistono ancora le tradotte (che sono veri eproprio treni perchè circolano con un numero proprio,con una propria traccia oraria) che si basano esclusivamente sulla buona vista e sulla prontezza di riflessi dell'agente abilitato e dell'agente di scorta proprio come ai tempi della trazione a vapore.

    Utilizzano loco diesel da manovra pesante non recentissime tipo 245/255 e 145 che non dispongono di apparati di sicurezza nel caso vengano superati segnali a via impedita.

    Per questioni di sicurezza non possono trainare carrozze viaggiatori in servizio tranne nei casi di "soccorso in linea".

    Le tradotte circolano in orari di basso traffico,vengono utilizzate per lo spostamento di materiale rotabile tra grandi impianti o per le manovre nei raccordi ed hanno una velocità massima limitata a 60 km/h proprio perchè a bordo non vi sono sistemi di sicurezza moderni.

    C'è da dire che anche questo tipo di treni hanno i giorni contati in quanto circolano in regime di deroga fino a tutto il 2009.

    Partenza,velocità,rallentamenti e fermate sono tutte a discrezione di professionalità e "voglia di vivere" (è proprio il caso di dirlo) dell'agente abilitato alla condotta.

    Fonte/i: T.M.C. Trenitalia
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Tutto è ancora affidato al personale di macchina sia l accelerat che il freno e la fermata nelle stazioni, l unico cosa automatica sono i sistemi di sicurezza che possono essere:ripetizione segnale,SCMT o Vacma che servo non in caso di mancato riconoscimento del segnale da parte dei macchinisti il convoglio va in frenatura.

    Fonte/i: Sono operatore della manutenzione rotabili pressso Trenitalia.
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    non è assolutamente tutto automatizzato. ci sono strumenti che ausiliano la guida e intervengono in caso di emergenza.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    Sui treni elettrici c'è un freno, tipo manopola sul lato sinistro del macchinista; poi sul lato destro un'altra da utilizzare quasi come se si volessero cambiare le marce. non c'è frizione. quando si supera la velocità consentita in certi tratti il treno emette un rumore interno alla cabina di guida, tipo fischio così bisogna diminuire la velocità, altrimenti il treno si ferma da solo.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Il macchinista imposta prima di partire la velocità che ha nella tratta che deve fare ; esempio da Firenze a Siena , devono impostare la velocità media sui 90/100 orari e guardare anche il libro di viaggio che hanno loro stessi , poi ovviamente la cosa più importante è vedere la linea stessa se è sgombra da cose o animali .

    Nei treni nuovi è quasi del tutto automatizzato , mentre in quelli più vecchi è ancora l'opera dell 'uomo a prevalere .

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    il volante quando deve fare le curve ;-)

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.