Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureLingue · 1 decennio fa

E' possibile che esistano persone più o meno "predisposte" ad imparare una lingua straniera?

16 risposte

Classificazione
  • Pangea
    Lv 7
    1 decennio fa
    Migliore risposta

    Il concetto di predisposizione mi ha sempre fatto un po' storcere il naso

    perché ho la convinzione che se qualcuno volesse realmente imparare qualcosa niente potrebbe impedirglielo

    Credo che l'impegno sia sempre una discriminante

    Imparare una lingua straniera per me è come imparare a fare qualunque cosa

    Difficile è solo ciò che non si fa

    Ciò detto, in quest'ambito probabilmente entra in gioco una dote riconducibile ad una capacità fisica più che intellettuale

    Mi riferisco al famoso orecchio

    Per quanto io ritenga che anche questa dote sia il frutto di una buona educazione non posso affermarlo senza un'ombra di dubbio

    Mi piacerebbe che in questa domanda intervenisse qualcuno che abbia studiato canto o musica per spiegare se le persone stonate possano, attraverso l'esercizio, correggersi

    In questo caso cadrebbe anche l'impossibilità di pronunciare bene una lingua per un insuperabile limite

    Ma non voglio chiudermi nelle mie convinzioni

    Probabilmente ciò che gli altri chiamano predisposizione io lo chiamo passione

    Se prendessi venti bambini e li mettessi per la prima volta di fronte a una serie di stimoli intellettuali, ipotizzando la grande abilità del loro insegnante nel coinvolgerli, credo che si appassionerebbero ad ogni cosa che gli venisse insegnata

    E' molto probabile, se non inevitabile, che ognuno di loro sviluppi delle preferenze: non c'è cosa più personale dei gusti

    Per quanto mi riguarda credo che questa sia l'unica forma di predisposizione che può incidere sull'apprendimento di qualsiasi cosa

    La passione verso qualcosa è una spinta in più verso la sua conoscenza e indubbiamente fare qualcosa con passione è molto più semplice che farlo controvoglia

    Ho parlato di bambini per cercare di analizzare la questione senza troppi elementi inquinanti, essendo loro fogli bianchi

    Per un adulto che si approcciasse per la prima volta ad una lingua il discorso si complica un po'

    I bambini sono spugne, non c'è niente che non possano apprendere facilmente se adeguatamente stimolati

    La cultura credo sia un po' come l'alimentazione: se un bambino viene nutrito correttamente in fase di crescita, il suo fisico ne beneficerà anche in età adulta

    Al contrario, se il bambino venisse nutrito male il suo fisico potrebbe portarsi dietro delle carenze anche nell'età adulta in cui sarebbe costretto a fare dei sacrifici per mantenersi in forma

    Così l'adulto che non sia stato educato sin da piccolo ad una disciplina, farà più fatica ad apprenderla ma non necessariamente

    In ogni momento della nostra vita possiamo scoprire un nuovo sapore o un nuovo argomento che ci appassioni e quando questa passione scatta, tutto diventa semplice

    Riassumendo, ritengo che l'unica forma di predisposizione sia la passione verso qualcosa ma ho anche la convinzione che l'elemento più importante ai fini dell'apprendimento sia l'educazione ricevuta in fase di crescita che può sopperire anche alla mancanza di passione verso una disciplina

    Ma per un adulto che si approcci per la prima volta allo studio di una lingua senza passione, magari per necessità, l'apprendimento sarà talmente difficoltoso da fargli dire: "non sono predisposto"

    Storco il naso, come dicevo all'inizio, perché per me è un alibi

    Indubbiamente quella persona dovrà fare una fatica enorme per imparare quindi ci vorrà molto impegno

    Ma non è impossibile che impari

    Se non ha voglia di utilizzare tutta la sua energia per riuscire dovrà semplicemente ammettere di non averne voglia

    La predisposizione per me è uno stato mentale, non un dono innato

    Come dice un saggio proverbio napoletano, "nessuno nasce imparato"

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • .....
    Lv 7
    1 decennio fa

    sì, ognuno è portato all'apprendimento di materie diverse.

    La versatilità, il cosmopolitismo, l'apertura mentale e la velocità, ma soprattutto la volontà di apprendimento sono ottimi requisiti per imparare bene una lingua, che poi è lo specchio anche di una mentalità e di una cultura a sè.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Rita L
    Lv 6
    1 decennio fa

    Mi permetto di esordire dicendo che concordo pienamente con Pangea. Le rispondo anche confermando che una persona stonata può correggere il difetto con l'esercizio della respirazione e del diaframma.

    Detto ciò, sono convinta che più che di predisposizione alle lingue si dovrebbe parlare di predisposizione all'ascolto, al confronto, all'imitazione e, non ultimo, il coraggio di sbagliare e fare figure barbine.

    Come succede per qualsiasi conoscenza acquisita, più si approfondisce lo studio, più questo diventa "facile". Ogni lingua diventa la chiave della prossima.

    Così, quando si incontra una persona che parla fluentemente 5 lingue è assai probabile che questa ne imparerà una sesta nella metà del tempo rispetto a chi, invece, ne sa solo una.

    In questo senso, la predisposizione si potrebbe tradurre semplicemente con interesse (o passione, sempre per citare la cara amica del piano di sopra).

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Saranno le stesse persone che sanno usare molto bene la propria madrelingua. Anche se tutti parliamo bene la nostra madrelingua, ci sono notevoli differenze di livello.

    Scusate se come esempio di persone "più predisposte" prendo me stessa.

    I miei parenti mi hanno raccontato che già a due anni sapevo parlare il tedesco (mia madrelingua) come un adulto e a 5 anni nelle vacanze in Italia cercavo di capire tutto della conversazione degli altri, facevo domande sul nome degli oggetti in italiano e volevo parlare italiano. A casa facevo mettere spesso un disco con canzoni in italiano, sempre lo stesso, per intere mattinate e alla fine le sapevo cantare senza accento (me le ricordo ancora oggi XD).

    Mostravo un forte interesse inspiegabile per le lingue, oggi lavoro come traduttrice e parlo più lingue straniere.

    Ho due sorelle, ma quel forte interesse per le lingue ce l'avevo solo io.

    Secondo me è tutto una combinazione di facilità di apprendimento per predisposizione genetica e motivazione da parte dell'ambiente (sociale).

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 decennio fa

    penso proprio di sì, non siamo tutti uguali...

    Poi devi considerare che alcuni possono essere più "appassionati" a imparare le lingue, e quindi forse dureranno meno fatica.

    Comunque, anche a parità di passione e impegno, ci saranno persone che imparano più facilmente di altre.

    Come c'è chi capisce meglio la matematica, chi è portato per certi sport, eccetera.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    L'intelligenza umana è qualcosa di molto sfaccettato. Esistono molteplici aspetti che la contraddistinguono e si può eccellere in diverse aree e deficitarne in altre. Esiste l'intelligenza sociale, l'intelligenza emotiva, l'intelligenza matematica, quella creativa ed appunto, quella linguistica.

    I cd. "geni" molto spesso eccellono in una essendo praticamente deficitari in quasi tutte le altre. E l'esempio tipico è quello dei "secchioni": magari persone estremamente portate verso discipline quali la matematica ma che in un ambiente "sociale" sembrano dei perfetti idioti.

    E per venire al punto: sì, c'è chi è maggiormente predisposto all'apprendimento delle lingue.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Probabilmente si ma la ritengo più una predispisizione mentale che non una genetica. La curiosità di imparare, di capire, di comunicare aiutano moltissimo l'acquisizione delle lingue. Non ho mai studiato inglese a scuola, ma ho sempre tradotto i testi delle canzoni per capirne il significato e all'università vocabolario alla mano ho letto dei libri. Mi piace e scopro che pur mancandomi nozioni di grammatica e sintassi quando devo comunicare in ingelse capisco e riesco a farmi capire con le 4 parole che so.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • eccomi. presente.

    io riesco a imparare una lingua studiandola da autodidatta.

    con lo spagnolo ho fatto così. le altre lingue (inglese e francese soprattutto) le ho già studiate al liceo.

    mi ci devo mettere in full immersion, ma dopo 3-4 mesi di studio autonomo senza insegnanti sono a livello di parlare una lingua a livello base, come conversazione di tutti i giorni, e anche di trovarmi all'estero e parlare senza problemi.

    non so come faccio ti dirò, penso che molto conti dal fatto che mi hanno tirata su con uno studio continuo delle lingue (inglese dalla seconda elementare e liceo linguistico) per cui ho già un metodo di studio. se sai il metodo sai come districarti con la lingua, sia che essa sia l'inglese che anche il tedesco, lo spagnolo, il metodo è sempre quello. basta dividere le cose e prendere un libro strutturato come quelli che usano a scuola, dove non c'è solo la grammatica, ma anche conversazioni, dialoghi, esercizi di ascolto, giochini di vario tipo, esercizi semplici di completamento, non basta solo la grammatica.

    se hai metodo, funziona, lo possono fare tutti.

    devi avere comunque una predisposizione per le materie umanistiche, io un metodo di studio simile al liceo lo applicavo per qualsiasi materia, più o meno tutti quelli che fanno il liceo hanno dei metodi simili, non si può pretendere che una persona che ha fatto altri tipi di scuole ce l'abbia, non gli viene neanche naturale. diciamo che in questo caso si fa di necessità virtù, si adotta un metodo più o meno strutturato, per cercare di sopravvivere agli anni di liceo, inizialmente è difficile, poi col tempo ci prendi l'abitudine.

    io ad esempio non ho capacità matematiche. al liceo avevo 9 in matematica ma perchè studiavo a memoria, altrimenti fioccavano i 4.

    ho provato a studiare un manuale di contabilità (per imparare come si registrano delle fatture, sai, lavorando in azienda poteva tornarmi utile)...niente, non ce l'ho fatta, applicando lo stesso metodo che usavo al liceo, non ce l'ho fatta, non ero capace....

    sono brava a studiare filosofia, sono brava con la storia, l'italiano, le lingue straniere, ma anche geografia, scienze politiche, diritto, storia dell'arte...ma porco cane non ci riesco a prendere un benedetto manuale di contabilità per imparare queste cose.

    assurdo.

    ---------------------------------------------

    cmq il discorso che ha fatto pangea non è stupido, a me è sempre venuto naturale perchè ho sempre avuto una passione per queste materie, infatti non so neanche come spiegarlo quello che è la mia passione, comunque molto dipende anche da una certa predisposizione mentale, io vedo i miei colleghi, contabili, stanno facendo dei corsi di inglese, organizzati dall'azienda, sono veramente in difficoltà, forse dipende dall'età, non più in età di studio, o dal fatto che sono portati a tutto un altro tipo di esercizio mentale, per cui fanno fatica, non so.

    io so quello che sono io, non mi mettete di fronte a un problema matematico, o di logica, è una tragedia...

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    bè, secondo me sì.. anche in base alla mia esperienza, ci sono persone che faticano a pronunciare bene le parole straniere (anche dopo appositi esercizi), così come esistono persone che riescono a ricordare numerosissime parole straniere o a costruire frasi in lingua straniera con grande velocità...

    però ciò non esclude che con corsi intensivi e professionali tutti possano alla fine imparare lingue straniere (anche se ad alcuni ci vorrà più tempo e faranno più fatica)...

    ciao!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    invece per me è solo un fatto di apprendimento. se solo volessi e mi interessasse davvero,potrei imparare tutto ciò ke voglio!

    nn esistono persone nn portate x una certa cosa,solo ke quella persona non ha incontrati persone giuste x un giusto apprendimento. ad esempio, a scuola molti nn sono bravi in matematica, spesso nn lo sono x svogliatezza,xkè la prof nn sa siegare e via dicendo. ma se va a far ripetizioni da un buon insegnante e sa ke potrà venir bocciato a causa della mate....vedi cm si apprende velocemente la ,matematica.

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.