vi3x ha chiesto in Politica e governoLegge ed etica · 1 decennio fa

Riforma Gelmini - Cosa ne pensate?

Prendo spunto da un post poco sotto il mio per chiedervi un PARERE CRITICO sui contenuti della riforma Gelmini:

"Ritorna il voto in condotta

E’ stato ripristinato il voto in condotta, che torna a fare media con i voti nelle materie scolastiche. Gli studenti saranno valutati non solo in base ai risultati conseguiti nelle singole discipline, ma anche in riferimento ai comportamenti che avranno tenuto in classe e a scuola. Nei casi di grave insufficienza nella condotta l’alunno non sarà ammesso all’anno successivo. Questa è una risposta non solo al moltiplicarsi dei fenomeni di bullismo ma soprattutto il segnale che la scuola intende recuperare la propria dimensione di ambito educativo di ogni singolo studente.

Educazione civica

Il ritorno allo studio dell'educazione civica, ovviamente adeguata ai tempi, è un altro segno dell'intenzione di ridare alla scuola la sua funzione educativa. Conoscere i principi costituzionali è utile per gli studenti italiani e per meglio integrare gli studenti stranieri e le loro famiglie, ricevere un’educazione stradale, ambientale, alla salute, consentirà a ogni studente di diventare più consapevole delle proprie responsabilità.

Tornano i voti in pagella

Per dare maggiore e immediata chiarezza alla valutazione degli alunni, ci sarà un ritorno ai voti in pagella. I voti saranno affiancati dai giudizi, che saranno utilizzati per spiegare e motivare il voto. In questo modo genitori e studenti avranno una migliore percezione del grado di preparazione raggiunto.

Torna il maestro unico

Dal 2009 ritorna il maestro unico dalla prima elementare, per dare un solo punto di riferimento ai bambini e valorizzare il ruolo dell'insegnate.

Libri di testo validi per cinque anni

Per aiutare le famiglie ad arginare il caro libri, il contenuto dei libri di testo adottati dalle scuole resterà invariato per cinque anni."

[Grazie CoMpiX!]

Magari cerchiamo di evitare il "a me il grembiulino non piace" o "sta smantellando la scuola"...mi piacerebbe avere delle risposte intelligenti e motivate, lasciamo gli slogan alle manifestazioni di piazza.

Allora, cosa pensate di questa riforma?

Aggiornamento:

Beoncina: ti commenti da sola.

Roberto: apprezzo, ma perchè ti piace?

Elenux: il ritorno del maestro unico è critico "solo" perchè si devono licenziare professori? Credo che una riforma vada valutata anche per i (presunti) vantaggi, oltre che per gli svantaggi. Come pensi che inciderà sul livello dell'apprendimento?

Jennifer D: chiedo anche a te, valuti la riforma della scuola unicamente contando i professori che saranno licenziati?

Sardo: finalmente un intervento un po' più strutturato :) effettivamente il tuo discorso sul maestro unico è centrato sul rilievo che avrà per i bambini. Però forse c'è un po' di differenza di figura tra un maestro delle elementari e una professoressa di lettere alle superiori...

Aggiornamento 2:

Lara: perchè credi che uno non basti? Nel senso che non avrebbe tutte le competenze specifiche delle varie materie? Perchè secondo te i voti affiancati dai giudizi sono una cagata? Credi che aiuterebbero i genitori a capire come va loro figlio o secondo te era sufficiente il voto numerico?

Chiara: ti rigiro l'osservazione di Sardo, secondo te i bambini potrebbero stufarsi?

Aggiornamento 3:

La sonny: qui mi trovi un po' critico. Esistono criteri di valutazione per le altre materie? Cosa vincola un professore a dare un voto piuttosto che un'altro in una materia (specie se l'interrogazione è orale). Cosa gli impedisce di fare comunque preferenze?

Sulla condotta, secondo te la soluzione è aspettare che si verifichino gli estremi di un reato? Condivido in effetti le paure sull'insegnante sbagliato, ma molti sociologi e psicologi dell'infanzia hanno detto anche che il bambino passerebbe gran parte del tempo a riadattare i processi di apprendimento di fronte a maestri diversi. Sicuramente giusta l'osservazione sul libro, effettivamente l'automatismo non è la scelta migliore. Secondo te sarebbe coerente scandalizzarsi sui tagli dello Stato alla scuola pubblica da una parte e difendere a oltranza il posto dei professori dall'altra?

Aggiornamento 4:

Ziettuccia: per i ragazzi di Scampia (quelli che a scuola ci vanno, almeno) al posto del voto in condotta cosa proporresti? Li leghiamo alla sedia? Per le scuole "non a rischio" è di facciata anche lì? Educazione civica deve ricavare ore nel programma al pari di ogni altra materia: quindi non si dovrebbero mai modificare programmi ministeriali perchè inevitabilmente si tolgono ore ad altre materie.

Maximilien: niente slogan eh?

Emmeline: si, credo che il senso del maestro unico sia quello alla fine. Ottima osservazione sulla società italiana...

Gioaction: condivido pienamente. Purtroppo quello dei "pezzetti" o delle riforme tampone sembra essere un problema della politica italiana in generale, di destra e di sinistra. Forse è il risultato della mancanza di dialogo tra le parti: una parte dice una cosa, l'altra l'esatto opposto.

17 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Ritorna il voto in condotta: visto il degrado che c'è tra gli adolescenti ben venga! Poi anch'io ho avuto il voto in condotta, nulla di cui preoccuparsi se si è persone civili!

    Educazione civica: qualche conoscenza in più non fa male a nessuno! fosse per me approfondirei anche lo studio della geografia e della grammatica italiana!

    Tornano i voti in pagella: se abbiamo dei voti, è giusto esserne a conoscenza! Più del voto apprezzo i giudizi che contano molto più di un numero!

    Torna il maestro unico: non sono d'accordo, i bambini non hanno bisogno di un punto di riferimento fisso, ma devono imparare a scegliere da soli il proprio, maturando così spirito critico. In più credo che ogni maestro/a sia specializzato in un proprio settore e non possa ricoprire i ruoli e le conoscenze di tre o più insegnanti. Ovviamente c'è anche il problema del licenziamento che non può essere sottovalutato come dici tu.

    Libri di testo validi per cinque anni: visto quanto costano i libri lo trovo un bel rimedio, anche se, a mio parere, non può bastare!

    Però sinceramente, BASTA CON QUESTE RIFORME! Ogni vola che cambiamo governo (e in Italia non è una cosa rara) vengono fatte nuove riforme scolastiche! Ormai non si capisce più nulla! Non vi è più identità nella scuola e di anno in anno le cose cambiano radicalmente! Tutto questo per cosa?! Io più che ad aumentare la quantità degli insegnamenti, punterei alla qualità!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    allora, voto in condotta: al primo impatto può sembrare positivo ma non è così, perchè non esiste un vero e proprio criterio di valutazione per il comportamento e si rischia che diventi una cosa soggettiva e che i professori vadano a preferenze. inoltre per i casi gravi c'è già il codice penale che interviene anche all'interno della scuola, non serviva far pesare così tanto il voto in condotta.

    maestro unico: è molto grave che i bambini delle elementari abbiano un maestro unico, l'hanno detto molti sociologi e psicologi dell'infanzia. infatti il bambino per crescere meglio ha bisogno di conoscere tante idee e modi di fare diversi e avendo più maestri questo veniva facilitato. inoltre se a una povera classe capita un insegnante non bravo è una situazione abbastanza tragica perchè è l'unico che hanno. poi non tutti gli insegnanti sono in grado di insegnare tutte le materie, anche se a bambini delle elementari.

    libro testi valido per 5 anni: spiego subito perchè è sbagliato conun esempio...se a una classe capita per un anno un prof incapace che fa loro utilizzare un libro orribile in cui non si capisce nulla, ma fortunatamente l'anno dopo arriva un prof nuovo e decente, non è giusto che sia costretto a tenere quel libro per 5 anni!

    LO STATO HA TOLTO CIRCA OTTO MILIONI DI EURO ALLA SCUOLA PUBBLICA.

    è importante sensibilizzare le persone sulla gravità di quello che sta succedendo e sul fatto che la scuola pubblica viene sempre più penalizzata.

    opinione di una studentessa

    ciao!

  • 1 decennio fa

    Sintetizzo l'opinione che ho già espresso in altre risposte: manca del tutto l'approccio strutturale alla riforma della scuola mentre si procede con provvedimenti minimali ed estemporanei, con cui si può essere o meno d'accordo ma sempre estemporanei restano.

    Come rendere la scuola competitiva di fronte ai nuovi scenari globali, come metterla in linea con le sfide dell'integrazione, del progresso tecnologico, come farla interagire concretamente con la realtà, quali i nuovi imprinting educativi e formativi per la società contemporanea? e potrei continuare. Sono queste alcune delle questioni da chiarirsi bene, propedeutiche a una azione riformatrice sistemica sulla scuola.

    Su questa falsariga, oggi la gelmini ha aggiunto due tasselli: meno ore agli istituti tecnici e più ore ai licei classici e scientifici.

    La riforma della scuola non può essere la mera sommatoria di tanti, estemporanei pezzetti, snocciolati un po' per volta, dietro ai quali non si intravede il filo conduttore; è questo che va individuato per primo e su questo va costruita una riforma organica della scuola (nell'ottica di destra o sinistra che sia).

  • 1 decennio fa

    una ***** come lei e tutto il governo berlusconi

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Guarda...chiamarla riforma è già una parola troppo grande....pochissimi lo sanno ma la scuola Italiana naviga ancora sulla Riforma Gentile...il ministro dell'istruzione di Mussolini...una riforma che è stata variata...ma che fondamentalmente cm concetto rimane tale. Negli anni 60 La riforma gentile è stata "ritoccata" per portarla in senso + democratico.

    Si poteva parlare di Riforma cn la Moratti che intendeva cambiare in tutto e per tutto il sistema scolastico Italiano...ma la Gelmini ha dato solo un'altra ritoccata alla vecchia Riforma Gentile.

    Io personalmente la approvo in parte.

    Il ritorno del voto in condotta è perfetto...e qui nn si discute...si può parlare di eventuali "preferenze" da parte dei prof...ma nn avrebbe senso e motivazione...perchè il voto in condotta esisteva già alle Superiori.

    Anke educazione civica è una materia che approvo molto...è giusto che ogni scuola abbia qsta materia per preparare dei coscienti cittadini che sanno cosa votare e sanno quale ideologia sostenere secondo i propri ideali e valori...nn servono i cretini che votano sl per votare e nn sanno se l'italia è una Repubblica oppure una monarchia.

    I voti in pagella devo poi essere assolutamente chiari ed immediati senza tanti giri di parole.

    Sul maestro unico però avrei da ridire...nn mi sembra così positivo...apparte i posti di lavoro che vengono a mancare e apparte il discorso del pomeriggio a scuola....ma nn mi sembra educativo per i bambini...i maestri diversi aiutano l'allievo a confrontarsi cn molti modi di pensare ed insegnare...nn mi va qstra idea di tornare al passato.

    Anke qlla sui testi unici mi sembra una grande stupidata...daccordo l'aiuto economico alle famiglie...ma molti testi devono per forza essere rinnovati anke prima dei 5 anni! Molti testi vanno continaumente cambiati xk si aggiornano in continuazione! ....basta pensare ai miei vecchi libri di storia...in Prima superiore nel libro di Storia che avevo si Parlava di "Una Regina Maria Antonietta che aveva detto al popolo: che mangino le brioches!" ....due anni dopo ho cambiato libro di testo e qsta figura era completamente rivalutata...l'esempio è stupido ma per dire che anke i libri di economia, diritto e scienze vanno rinnovati continuamente!

    Per il resto la riforma nn mi da così fastidio...nn vorrei però assolutamente il ritorno delle tre "i" Morattiane...e cioè:

    1) Inglese

    2) Informatica

    3) Impresa

    L'italiano dv lo lasciamo??? e la storia??? la matematica è sl per gli scemi?

    La "riforma" Gelmini ha anke procurato un grave danno alla scuola xk ci sn stati tagli incredibili all'istruzione...e l'opposizione ha avuto da ridire...ma se nn c'erano i tagli c'erano le tasse...ed eravamo sulla stessa barca...la sinistra tassa e la destra taglia....disastri in entrambi i casi...per cui! peggio di così...nn si può scendere...speriamo sl di migliorare....

  • 1 decennio fa

    sta buttando per la strada gli insegnanti

  • Anonimo
    1 decennio fa

    se se la risparmiava faceva un piacere a tutta l'italia e soprattutto a coloro che grazie a lei perderanno il lavoro......va a parlare dei grembiulini quando le riforme da fare sarebbero ben altre....ma noi che l'assecondiamo siamo più sciocchi ancora..le mamme si rifiutino di mettere i grembiuli per rivolta contro queste riforme (chiamiamole così) del cavolo!

  • 1 decennio fa

    Si è dimenticata l'bbligo del grembiule anche per le maestre !!!!

  • allora sulla condotta sono d'accordo. solitamente chi si comporta male a scuola, non rende quanto dovrebbe. educazione civica idem, almeno con una nuova generazione che la studia possiamo sperare che la società migliori e il declino inesorabile per lo meno rallenti. i voti e i giudizi ok.

    il maestro unico è una cosa fumosa. innanzitutto cosa vuol dire maestro unico? che un colo insegnante insegna tutte le materie tranne la lingua straniera e religione giusto? nella scuola elementare le cose stanno cosi: innanzitutto non è vero che ci sono tre insegnanti per classe, (quindi se la matematica non è un'opinione 2 classi 6 maestre 3 classi nove maestre e via cosi) ma tre insegnanti non gestiscono una classe ne gestiscono 2 di classi. poi, esiste l'insegnante prevalente, o tutor, quindi una figura singola ben delineata con più responsabilità (introdotto dalla MORATTI per giunta) che sarebbe gerarchicamente un superiore degli altri insegnanti che si occupano delle classi. quindi cosa vuol dire questo? che ritornare al maestro unico serve solo ed esclusivamente a tagliare posti di lavoro, a tagliare la spesa. NIENT'ALTRO! per quanto riguarda i libri, io sono d'accordo che non è possibile che ogni anno le case editrici facciano nuove edizioni che non cambiano di una virgola però c'è anche da dire che certe famiglie forse dovrebbero smettere di risparmiare sull'educazione dei figli per allocare le risorse scarse in televisori al plasma, telefonini di ultima generazione ipod e quant'altro....ecco magari un esamino di coscienza ogni tanto...

    per quanto riguarda il grembiule, io mi devo essere persa qualcosa perchè nella scuola elementare vicino a casa mia i ragazzini i grembiuli li portano, li hanno sempre portati, quindi non ho capito dov'è l'innovazione? anzi se qualcuno risolvesse l'arcano sarei molto grata!

    ciau

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Ritorna il voto in condotta:

    sai quanto se ne importano del voto in condotta i ragazzi delle scuole di Scampia o di qualsiasi altra scuola a rischio; di facciata.

    Educazione civica:

    facciamola pure, male non fa. toglierà ore a storia e geografia e cosa vuoi che sia? si saprà un poco delle une e un poco dell'altra.

    Tornano i voti in pagella:

    con questa ci siamo fatti più risate a scuola perché abbiamo dovuto buttare tutti i registri e le schede di valutazione già comprati e comprarne di nuovi. lo chiami CONTENIMENTO DELLE SPESE tu questo?

    Torna il maestro unico:

    la Gelmini almeno su questo è stata onesta: ha detto lo facciamo per risparmiare. Ma qui su answer tutti si sono improvvisati pedagoghi e sociologi.che ve lo spiego a fare che i dati OCSE hanno rilevato l'eccellenza della scuola primaria italiana?

    Libri di testo:

    passabile, vedremo quale saranno le conseguenze.

    Fonte/i: bella idea quella di legarli alla sedia, peccato che vadano a scuola con i coltelli. cosa propongo? che i prof. continuano a fare il loro dovere come già fanno i miei colleghi che vi insegnano, anzi io propongo per loro un aumento di stipendio! di facciata: perché cosa cambia bocciarli con il 5 invece di bocciarli con il 7, il voto? non sarebbe meglio ricordare ai giudici che qualche volta non dovrebbero accettare gli innumerevoli ricorsi dei genitori contro le bocciature? educazione civica: era solo un modo per dire che sarà una materia come altre, c'era già in passato e ti posso garantire che passava sempre in secondo piano (quando avevi da studiare greco, latino, storia, geografia, italiano, non stavi a pensare al libricino di educazione civica...),se si faceva una mezz'oretta il lunedì era un miracolo. tornando al presente, nella primaria poi "educare il cittadino del domani" rientra già tra gli obiettivi del curricolo, ma ora si riducono le ore di lezione frontale a 24, quando le insegnamo tutte queste materie? la mia non è una chiusura a priori rispetto all'ennesima riforma della scuola (ho avuto da ridire anche su quella della Moratti e di Fioroni), ma permettimi di dire la mia almeno, visto che ci lavoro. gli slogan li lascio a te. ah, comunque è solo un decreto legge, la riforma vera e propria deve venire. io speriamo che me la cavo. :-D
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.