salve,ho degli infissi di legno color rovere rovinati dalle intemperie,li ho carteggiati con la levigatrice...?

....presentano delle piccole spaccature,volevo sapere se per livellarle va bene una mano di turapori,o devo usare lo stucco?E che tipo di stucco,quello in pasta bianco?In questo caso come devo fare,e poi dovro tinteggiare color rovere,sperando che si copra bene il bianco,o esistono stucchi colorati?

7 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Ciao, ti racconto la mia esperienza: 7 anni fa mi sono cimentata in un’impresa quasi impossibile…restaurare gli infissi esterni in pitch pine di circa 40 anni, rovinatissimi dalle intemperie e con evidenti fessurazioni (presumo che in 40 anni non fosse stata fatta nessuna manutenzione…) Data la quantità di infissi da restaurare (21 tra finestre e portafinestre) mi sono procurata 6 cavalletti per lavorare su più pezzi contemporaneamente…

    Ho iniziato con lo sverniciatore per togliere quel poco di flatting rimasto (rimosso con la spatola e poi con lavaggio con acqua e soda).

    Successivamente ho passato la levigatrice con carta a grana grossa (60 poi 80) e ancora con carta a grana più fine (120)

    Per le spaccature e fessure ho usato uno stucco per legno, colorato del colore finale che avevo scelto per la vernice del legno. Ne esistono vari tipi, con caratteristiche simili di durezza, carteggiabilità e verniciabilità (ti consiglio quelli diluibili con diluente nitro, in caso si indurisca troppo per essere lavorato bastano poche gocce per ammorbidirlo). Ho riempito le spaccature con lo stucco e una spatola, in quelle più larghe ho ripetuto l’operazione dopo asciugato. Alla fine ho pareggiato la superficie con la corteggiatrice.

    A questo punto, dopo un’accurata spolverata con spazzola e poi con straccio appena umido, ho iniziato la fase di verniciatura.

    A tal fine TI RACCOMANDO VIVAMENTE questo prodotto: IMPREGNANTE A CERA “HOLZ LACK” DELLA BALDINI VERNICI.

    http://www.waybricolage.net/root/proddetail.asp?id...

    Esiste in tutte le colorazioni del legno (io ho preferito il color noce, ma puoi farle color rovere…). Questo prodotto è veramente fantastico, si stende velocemente perché molto fluido, nutre e protegge il legno dalle intemperie (la pioggia ci scivola sopra),non occorrono altri prodotti di finitura perché contiene già la cera, non sfoglia, il risultato finale al tatto è piacevolmente setoso e alla vista è satinato, per la pulizia basta un panno umido…Dopo 7 anni le finestre sembrano appena verniciate!

    Ho dato 3 mani a distanza di 24 ore una dall’altra, Tra la prima e la seconda mano ho dato una leggerissima carteggiata a mano con carta vetrata 150 (per togliere il “pelo” alzato del legno)

    Questo lavoro mi ha dato una grandissima soddisfazione, il parquettista che le aveva viste prima del restauro e dopo non credeva ai suoi occhi !

    Ti prego, fidati , ma cerca proprio questo prodotto che ti ho indicato, non te ne pentirai!

    Buon lavoro

    Donatella

    Fonte/i: cerca qui il rivenditore della tua zona http://www.baldinivernici.it/it/negozi.asp
  • 1 decennio fa

    Veramente è una domanda rompicapo, con tante esperienze diverse.

    Lo stucco fai da te, non mi ha mai soddisfatto, anche usando la polvere di legno raccolta nei sacchetti delle levigatrici, sia a tappeto che orbitali.

    Ho sempre ottenuto risultati migliori, per piccole crepe, con lo stucco in pasta di legno, diluente acetone, della tonalità del legno del supporto.

  • 1 decennio fa

    Usa stucco ad acqua colorato o addizionato con il mordente,

    Lascia asciugare bene 24 ore, carteggia e dai il mordente ad acqua a tutto l' infisso aspetta che asciughi bene e passa con carta abrasiva sottile per togliere eventuali pilucchi, poi dai due mani di vernice impregnante per esterni, quando sarà asciutta, dopo 48 ore dai la vernice di copertura e sei a posto.

  • 1 decennio fa

    La tua domanda è interessante e nonostante le apparenze anche un esperto avrebbe delle difficoltà.

    Purtroppo il legno ha una caratteristica, sembra sempre che sia vivo, assorbe umidità e si allarga, secco e caldo si restringe, sul mercato non esistono vernici che hanno un livello di dilatazione analogo, quindi inevitabilmente con tempo la superficie del supporto si rompe (se usi vernici tipo flating è un dramma).

    A questo vi è la procedura attuale d’innaturale di stagionatura del legno, a vapore.

    Stucchi solamente per grosse crepe (all'esterno dura pochissimo) si comporta come le vecchie vernici flating, mentre lo stucco fai da te ottimo, raccogli gli avanzi della carteggiatura e rimescoli con della colla vinilica, ha un difetto è difficilmente ricopribile dal mordente (il legante plastico non prende bene il colore).

    Suggerimento

    Sicuramente dovrai dare tre mani di vernice: mordente e 2 di protettivo oppure 2 mani di protettivo (già pigmentato ) loro stesse fanno da riempitivo (dopo la prima mano) utilizza della paglietta d'acciaio finissima passala su tutta la superficie per rimuovere peli delle venature che indubbiamente si solleveranno.

    Nel caso di grosse spaccature superiori a 1,5 mm probabilmente da vicino si noteranno, ma ti posso assicurare che tentare di porre rimedi con stucchi (inflissi esterni) hanno breve durata e sono meno di un palliativo.

    Solitamente i miei infissi e una piccolo preingresso di legno utilizzo vernici (dopo vari anni di test) finalmente ho trovato un azienda con prodotti professionali leggermente più costosi. Una mano di protettivo/mordente fa anche da riempitivo e una seconda mano di protettivo anti UV (4 anni assicurati e più senza alcun intervento (solo una spolverata).

    Ciao

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    Esistono gli stucchi color legno (ci sono di varie tonalità). Poi ti consiglio di passare l'impregnante, anche di questo ci sono varie tonalità del legno. Poi finisci con una finitura trasparente

    Fonte/i: esperienza
  • 1 decennio fa

    Lo stucco migliore per questi lavori è quello che ti fai da te, utilizzando la segatura o polvere di legno della lavorazione, mischiandola poi ad un po' di colla vinilica. Quando avrai stuccato, ripassa con carta vetrata molto fine per livellare le asperità, spolvera con un panno leggermente inumidito, lascia asciugare poi passa col mordente "rovere" e rifinisci con tura pori. Per gli infissi esterni, ci sono delle vernici siliconiche trasparenti che danno una buona idrorepellenza. Vanno però rinnovati (in ogni caso) dopo circa 2 anni.

  • 1 decennio fa

    ci sono delle cere in stick colorate da passare nelle fessure , la cera riempie il legno , passi la cera passi il colore e poi metti il turapori

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.