MONICA G ha chiesto in Relazioni e famigliaFamiglia · 1 decennio fa

Forse per i bambini è normale?

Ieri sera ho sgridato mia figlia più grande (10 anni): poteva anche aveva ragione (ho saputo dopo che il piccolo, che ha 4 anni , la disturbava lanciandole i cuscini addosso mentre lei leggeva un libro), ma solo il fatto che lo ha spintonato in malo modo, mi ha fatto intervenire in soccorso del più piccolo in lacrime.

Dopo la sgridata e la mia spiegazione a lei: "se gli usi violenza passi automaticamente dalla parte del torto perché io, non avendo visto cosa è successo, sento lui che piange e DEVO intervenire in suo soccorso!", ha iniziato anche lei a piangere dicendomi: "lui lo fa apposta ed è contento perché mi hai sgridata e perché io piango!"

Ho chiesto al piccolo se era vero e mi ha risposto di si con un sorrisino soddisfatto. Delusa gli ho spiegato che non bisogna ridere di una persona che piange perché se piange vuol dire che sta soffrendo.

Ho riflettuto molto su questa cosa e mi sono chiesta cosa ho insegnato ai miei figli e come posso insegnare loro, e soprattutto al piccolo che è sempre pronto a dare cazzotti e calci, il rispetto per gli altri.

Tutti quelli che mi conoscono mi definiscono una persona sensibile, altruista, gentile anche nei modi, al contrario mio marito è scorbutico e scontroso, non è mai sorridente e, anche se fisicamente è presente, difficilmente gioca con i propri figli (a meno che non ci sia un pallone di mezzo, che non faccia nè troppo caldo nè troppo freddo e che non ci sia nulla di più interessante) e devo dire che i miei due figli sono stati bravissimi ad imparare da lui gli atteggiamenti più sbagliati.

E, ora che ci penso, spesso ride (come un deficiente n.d.r.) quando uno dei due piange......forse lo fa per farli smettere........ma cosa può capire della sfumatura e dell'intento di un adulto un bambino di quattro anni???

Ogni giorno lotto unghie e denti contro questi atteggiamenti per me sbagliati, posso tentare di educare i miei figli, non di certo un uomo come mio marito.

A volte però mi sembra di remare controvento e certe delusioni sono per me come pugnalate fitte al cuore.

Come posso fare?

Aggiornamento:

Si ragazzi, ne ho parlato con mio marito miliardi e miliardi di volte. La sua risposta è sempre stata che la colpa è mia perchè sono IO che non sono capace di farmi rispettare. Sono sincera nel dirvi che comunque, per qualche giorno dopo i "chiarimenti" , lui ci prova a cambiare, ma ......è più forte di lui e ritorna tutto come prima, se non peggio!!!

10 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    Premettendo che il mestiere di genitore è veramente il più difficile del mondo perchè non c'è modo di essere preparati alla sfida e sebbene si cerchi di fare del proprio meglio c'è sempre qualcosa che non và penso che sia giusto sentire prima le ragioni di entrambi quando litigano..si tende a proteggere il più piccolo in quanto tale ma anche il più grande ha la sua sensibilità e le sue ragioni.Il pianto inoltre può essere usato come un'arma se il bambino si rende conto del potere che esso ha.Concordo con il suggerimento di parlare con tuo marito se le cose non vengono dette è difficile migliorare o cambiare una situazione.Non è inoltre giusto che la parte più difficile della crescita dei figli cioè la loro educazione e lo sviluppo dei valori sia per la maggior parte sulle tue spalle.Forse cento anni fa era ritenuto normale ma nel 2008 si spera di no ;)

    cmq sei una donna in gamba il fatto che ti poni questi dubbi è indice di profonda maturità ed empatia.

    Tuo marito può essere cambiato credici..se si pensa di no verranno sempre giustificati certi atteggiamenti sbagliati e andando avanti sempre di più!!Tenta..sei forte ce la farai..

    In bocca al lupo

    un abbraccio

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Eh, no, lui DEVE stare dalla tua parte perchè i vostri figli devono capire che quando una cosa è sbagliata, lo è in modo assoluto, non che uno la ammette e l'altro no. Sennò non si faranno mai l'idea di cosa è giusto e cosa è sbagliato. E lui lo deve accettare, anche a costo di spaccargli in testa i tuoi preziosi tegami di coccio che a questo punto dovrebbero essere temperati al punto giusto!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    La risposta che cerchi non è qui dammi retta qui ci vuole una seduta a tavolino a quattrocchi con tuo marito, credimi lo sò per esperienza che è difficile essere madre di due figli, comunque non preoccuparti vedrai che c'è la farai

  • ELAK78
    Lv 7
    1 decennio fa

    Direi che prima di tutto dovrebbe crescere un pò tuo marito, non lo dico per offendere sia chiaro, ma come dici tu i bambini ricevono messaggi contrastanti e questo è sbagliato in particolare quando sono piccoli.

    Deve capire che almeno in loro presenza dovrebbe mantenere un atteggiamento maturo, non ridere senza motivo e spiegargli la differenza quando sbagliano.

    Tu la tua parte la stai comunque facendo, e il piccolo ha bisogno di un pò di polso in più, devi tentare di essere più decisa quando merita di essere rimproverato altrimenti prenderà le sue marachelle come qualcosa che può fare quando e come vuole.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    per i bambini è un pò normale,fai così:ogni,(ad esempio)un mese,fagli un regalino a chi di loro due è più buono! anche una cavolata,così loro si sfideranno a far i buoni e tu non ti sgolerai più.

    Per tuo marito,ricorda,che se ci sono problemi moolto più gravi di questo,noi del 113 siamo a tua comleta disposizione!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    parla con tuo marito.....prima di tutto e cerca di farli capire k ha 1 atteggiamento sbagliato e influisce molto.... per i tuo figli cerca sempre prima di sgridare di farti dire la versione dei fatti....ankio ho 1 fratello piccolo k fa a posta e gode se mia mamma mi sgrida e lo fa solo perchè lo sente piangere senza sapere cos'è successo e questo mi fa arrabbiare molto...spero di esserti stata di aiuto..... baci

  • quire
    Lv 4
    4 anni fa

    secondo me l. a. cosa piu' bella dell'essere vegetaiani o vegani e' l. a. scelta consapevole di farlo perche' ci si crede: una bambina di 18 mesi non puo' assolutamente avere questa consapevolezza!

  • 1 decennio fa

    Ma avete fumato il Calumè della Pace?

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Vista la tua sensibilità e viste le poche parole su tuo marito penso che il problema sia lui. Ma perrchè le cose che hai spiegato a noi non le spieghi a lui e vi confrontate un attimo sull'educazione dei figli e sul fatto che dare il buon esempio è fondamentale?

    Comunque complimenti stati facendo un'ottimo lavoro. Magari ce ne fossero di più di mamme come te!

  • Anonimo
    1 decennio fa

    mia madre fa lo stesso. . . . e anke mio padre. . . . . . .

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.