Anonimo
Anonimo ha chiesto in Matematica e scienzeGeografia · 1 decennio fa

aiuto... geografia... i mari...?

sto cercando in internet qualcosa sui mari, ma in generale... niente di specifico su un mare.. non trovo niente ke mi possa servire... nei libri ke ho non trovo nulla... mi bastano poke righe... o magari un link...grazie in anticipo

4 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Il mar Baltico è un mare interno dell'oceano Atlantico settentrionale e si trova nell'Europa nord-orientale, circondato dalla Penisola scandinava, dalla terraferma dell'Europa centrale e orientale e dalle Isole danesi. Sfocia nel Kattegat e nel mare del Nord passando attraverso le isole danesi in tre stretti, l'Oresund, il Piccolo Belt e il Grande Belt.

    Sono affluenti del mar Baltico quattro grandi fiumi: l'Oder, la Vistola, il Njemen e la Dvina

    All'epoca dei Romani, il mar Baltico era conosciuto come Mare Suebicum o Mare Sarmaticum. Tacito nei suoi Agricola e Germania, del 98 d.C., descrisse il Mare Suebicum, che prendeva il nome dalla tribù dei Suebi; durante i mesi primaverili, quando il ghiaccio si spezza e galleggia in blocchi, come un mare salmastro.

    All'inizio del medioevo, i Vichinghi della Scandinavia lottarono per il controllo del mare contro gli Slavi Pomeraniani. In seguito, la più potente forza economica dell'Europa settentrionale divenne la Lega Anseatica, che utilizzò il mar Baltico per stabilirvi le rotte commerciali tra le città che ne facevano parte. Nel XVI e all'inizio del XVII secolo, Polonia, Danimarca e Svezia combatterono delle guerre per il dominium maris Baltici (dominio sul mar Baltico). Alla fine fu l'Impero svedese che arrivò a comprendere virtualmente tutto il mar Baltico. A quell'epoca, in Svezia, il mare veniva chiamato Mare Nostrum Balticum.

    Nel XVIII secolo, Russia e Prussia divennero le principali potenze di quel mare. Dopo l'unificazione della Germania del 1871, l'intera costa meridionale divenne tedesca. La prima guerra mondiale venne combattuta anche sul Baltico. Dopo il 1920, la Polonia si riaffacciò sul mar Baltico, e i porti polacchi di Gdynia e Danzica divennero quelli principali. Durante la seconda guerra mondiale la Germania nazista quasi riuscì a rendere il mar Baltico un suo lago interno. Dopo il 1945, il mare divenne un confine tra due blocchi militari opposti: in caso di un eventuale conflitto in Germania, parallelamente a un offensiva sovietica verso l'oceano Atlantico, la flotta comunista polacca era preparata a invadere le isole danesi.

    Il mar Baltico inizia a diventare molto violento con le tempeste di ottobre. Queste tempeste invernali sono state la causa di molti naufragi. Nel 1945 il mar Baltico divenne una fossa comune per le persone affogate a seguito del siluramento delle navi di rifugiati. Grazie alle acque fredde e salmastre, il mare è una capsula temporale per i relitti vecchi di secoli.

    Ti basta? Ciao

  • Anonimo
    1 decennio fa

    www.wikipedia.it

  • Ashen
    Lv 4
    1 decennio fa

    Wikipedia in teoria aiuta sempre... o comunque spesso!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.