promotion image of download ymail app
Promoted
Anonimo
Anonimo ha chiesto in SaluteSalute mentale · 1 decennio fa

perkè esistono le cosidette "femministe" e i "maschilisti"?

a scuola la prof ci ha detto di nn diventare femministe, maschilisti ecc... ma come si ci diventa? e cosa fare per nn diventarci? mi raccomando risp senza insulti o cose varie... ciaooooooooo e grz a ki mi risp!! =)

6 risposte

Classificazione
  • 1 decennio fa
    Risposta preferita

    beh, se ti fai un giro per studi sulle donne, di gente così ne trovi! l'importante è non cadere nella trappola, o ti ritrovi gente che ti insulta senza nessun motivo, se non quello di aver usato un minimo di buonsenso nelle risposte...

    comunque, in parole povere, maschilisti e femministe sono gente con un pensiero radicato secondo cui il loro sesso è superiore. in pratica, per non diventare come quei geni (a cui sputerei volentieri in un occhio, a tutti e due), basta che eviti discorsi del tipo che è ora che gli uomini stiano in casa a fare la calzetta e ad andare dietro ai figli, e che la donna è ancora schiava succube del maschio. ed evita di dare ragione ai cretini che dicono che la donna è buona solo per farci sesso e per tenerla segregata in casa.

    Fonte/i: dimenticavo, grazie per la risposta!
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    bhè si diventa maschilisti o femministi quando si pensa troppo estremo, non so se mi spiego, quando diciamo tu tenti in tutti modi di fare valere i tuoi diritti di uomo o donna ad ogni costo.........almeno credo! ogni sesso vuole dire la sua e in qualsiasi modo farla andare bene anche all'altro, anche se spesso accde tutto l'inverso!!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 decennio fa

    Maschilismo significa che l'uomo pone come centro dell'universo il sesso maschile (la stessa cosa del femminismo). E' una forma di razzismo da odiare e allontanare.

    Ciao

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    sn delle forme di estremismo...quando ti fissi su qualcosa allora inizi ad esagerare e così nscono i sessisti...

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    la posizione di chi sostiene la parità politica, sociale ed economica tra i sessi, ritenendo che le donne sono state e che tuttora sono, in varie misure, discriminate rispetto agli uomini e ad essi subordinate;

    la convinzione che il sesso biologico non dovrebbe essere il fattore pre-determinante che modella l'identità sociale o i diritti sociopolitici o economici della persona;

    il movimento politico che ha rivendicato e rivendica pari diritti e dignità tra donne e uomini e che - in vari modi - si interessa alla comprensione delle dinamiche di oppressione di genere.

    un movimento d'opinione che promuove una nuova interpretazione del ruolo biologico e/o sociale della donna mettendone in evidenza i valori positivi.

    Il femminismo è, di fatto, un movimento complesso ed eterogeneo, che si è sviluppato con caratteristiche peculiari in ogni paese ed epoca, ma che ha caratterizzato e caraterizza tutt'ora soprattutto il mondo occidentale più acculturato e tecnologico. Molti fattori contribuiscono a definire e ri-definire il concetto di femminismo e le pratiche politiche ad esso connesse (ad esempio classe, etnia, orientamento sessuale). Al suo interno ci sono quindi diverse posizioni e approcci teorici, tant’è che ad oggi alcune studiose, teoriche e/o militanti femministe parlano di femminismi.

    Vi sono teorie contrastanti riguardo all'origine di questa subordinazione ed in merito al tipo di percorso da portare avanti per liberarsene: se lottare solo per le pari opportunità tra uomini e donne o anche sulla necessità o meno di criticare radicalmente le nozioni di "identità sessuale" e "identità di genere, oppure per eliminare alla radice i ruoli, la subordinazione e/o l'oppressione femminili.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.