Hilary ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 1 decennio fa

Mi dareste un aiutino?

Ciao dv fare una ricerca sul commonwealth in italiano solo ke devo fare ancora un sacco di compiti x scuola x dmn nn è ke mi aiutereste cn qst ricerca??? grz mille in anticipo

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Il sostantivo inglese commonwealth risale al XV secolo. La frase originale common wealth o the common weal viene dal vecchio significato di wealth che è "benessere" [1]. Il termine letteralmente significa "benessere comune". Perciò in origine commonwealth indicava uno stato governato per il bene comune in opposizione ad uno stato autoritario, governato per il beneficio di una data classe di proprietari includendovi anche i despoti.

    Attualmente il termine ha un significato più generale ed indica una comunità politica.

    In italiano il termine inglese è conservato per indicare una serie di organizzazioni internazionali, nazionali o subnazionali che lo usano nella propria denominazione ufficiale. Tra queste vi sono:

    unioni federate per costituire Stati;

    unioni di Stati sovrani;

    repubbliche;

    monarchie democratiche costituzionali.

    Quando usato da solo di norma per Commonwealth si intende il Commonwealth delle nazioni, di 53 membri — in inglese Commonwealth of Nations, in precedenza detto Commonwealth britannico — una confederazione non rigida di nazioni che in precedenza hanno fatto parte dell'Impero britannico (con un'eccezione: Mozambico). L'elenco dei paesi che ne fanno parte include sia repubbliche che monarchie ed il capo (designato, non ereditario) è la regina Elisabetta II. Questa regna come monarca e fa da vice direttrice in una serie di reami del Commonwealth ed in particolare Regno Unito, Australia, Canada, Nuova Zelanda, Sudafrica ed altri ancora. Il Commonwealth delle nazioni è talvolta denominato, in contesto britannico, New Commonwealth ("nuovo Commonwealth"), in contrasto con il Commonwealth di Oliver Cromwell, detto Old Commonwealth ("vecchio Commonwealth").

    L'organizzazione è diretta dal Segretariato del Commonwealth, organismo con sede a Londra, retto da un segretario generale

    Il termine fu anche usato quando le sei colonie australiane si federarono per formare il Commonwealth of Australia nel 1901. L'atto di Costituzione del Commonwealth of Australia creò un sistema federale, in cui il potere è diviso tra il governo federale e gli Stati - il nuovo status delle ex-colonie. La Costituzione stabilisce che l'Australia è una monarchia costituzionale, in cui il capo dello stato è un monarca britannico o dal 1973, australiano, che è rappresentato a livello federale da un governatore-generale (Governor-General) e a livello dei singoli stati da sei governatori, uno per Stato.

    Il Parlamento australiano fu derivato dai sistemi britannico, canadese e statunitense per formare un sistema che è unicamente australiano. È fondamentalmente basato sul sistema Westminster inglese, adottandone molte delle procedure e precedenti, ma con una struttura - Camera dei Rappresentanti, e Senato - simile al Congresso degli Stati Uniti. In un contesto australiano, con Commonwealth si intende il governo federale e Commonwealth of Australia è il nome ufficiale del paese.

    Quattro degli Stati federali degli Stati Uniti si designano ufficialmente come Commonwealth: Kentucky, Massachusetts, Pennsylvania e Virginia. Questa denominazione, che non ha rilevanza costituzionale, enfatizza il fatto che hanno un governo basato sul consenso popolare, in opposizione al precedente status di Colonia reale.

    Il termine Commonwealth è inoltre utilizzato per descrivere le relazioni politiche tra gli Stati Uniti ed i territori d'oltremare di Porto Rico e delle Isole Marianne Settentrionali. In questo caso il nome corretto italiano è Stato libero associato.

    Commonwealth of England è stato il nome ufficiale dell'unione politica (de facto un governo militare a nome del Parlamento) che sostituì i regni di Scozia ed Inghilterra (dopo la Guerra civile inglese) sotto il governo di Oliver Cromwell e di suo figlio e successore Richard dal 1649 al 1660.

    Fu la prima repubblica nel mondo anglofono, anche se divenne molto rapidamente una "quasi monarchia". Tony Benn, un ex membro laburista del Parlamento del Regno Unito, ha presentato più volte una proposta per l'abolizione della monarchia e la costituzione del Commonwealth of Britain. La proposta non ha mai avuto seguito.

    10 punti ???

  • Anonimo
    1 decennio fa

    Commonwealth Termine (che letteralmente significa "bene comune") destinato originariamente a indicare una comunità, equivalente inglese del latino res publica.

    Nella storia anglosassone l'espressione ha avuto un particolare sviluppo, indicando negli anni diversi tipi di comunità politica. "Commonwealth" fu infatti soprannominato lo stato inglese dal Parlamento repubblicano nel 1649 (vedi Guerra civile inglese; Commonwealth britannico); British Commonwealth of Nations fu definita nel 1926 l'entità politica costituita dalle nazioni dotate di autogoverno nell'ambito dell'impero britannico e il sistema di rapporti instaurati fra le ex colonie e la Gran Bretagna.

    Il termine è anche usato nella denominazione ufficiale della federazione australiana (Commonwealth of Australia) e più recentemente è stato definito commonwealth la Comunità di stati indipendenti (CSI) nata nel 1991 fra gli stati membri della disciolta Unione delle repubbliche socialiste sovietiche.

    .

  • Anonimo
    1 decennio fa

    il Commonwealth delle nazioni, di 53 membri — in inglese Commonwealth of Nations, in precedenza detto Commonwealth britannico — una confederazione non rigida di nazioni che in precedenza hanno fatto parte dell'Impero britannico (con un'eccezione: Mozambico). L'elenco dei paesi che ne fanno parte include sia repubbliche che monarchie ed il capo (designato, non ereditario) è la regina Elisabetta II. Questa regna come monarca e fa da vice direttrice in una serie di reami del Commonwealth ed in particolare Regno Unito, Australia, Canada, Nuova Zelanda, Sudafrica ed altri ancora. Il Commonwealth delle nazioni è talvolta denominato, in contesto britannico, New Commonwealth ("nuovo Commonwealth"), in contrasto con il Commonwealth di Oliver Cromwell, detto Old Commonwealth ("vecchio Commonwealth").

    L'organizzazione è diretta dal Segretariato del Commonwealth, organismo con sede a Londra, retto da un segretario generale.

    COMMONWEALTH

    Traduzione inglese del latino respublica e sinonimo di common weal (bene comune). Questo termine è stato usato nella storia per indicare tipi diversi di comunità politiche del mondo anglosassone. Innanzitutto si chiamò così lo stato inglese durante il governo di Cromwell, ossia nel periodo fra la caduta di Carlo I e la restaurazione giacobita (1649-1660). In seguito designò la federazione delle colonie inglesi d'Australia e Tasmania dal momento della loro costituzione in stato federale (1900) e dal 1926 la comunità delle nazioni britanniche (British Commonwealth of Nations) nata dal declino e dalla trasformazione dell'impero britannico, comprendente il Regno unito di Gran Bretagna e Irlanda, i dominion, le colonie, i protettorati e i territori in amministrazione fiduciaria. Quest'ultimo è il Commonwealth per antonomasia, che giunse a questa configurazione attraverso un lento processo evolutivo iniziato alla fine del XIX secolo, quando i rapporti fra le colonie e la madrepatria cominciarono a essere regolati da periodiche "conferenze imperiali". Il vero e proprio atto di nascita del Commonwealth si ebbe, però, dopo la prima guerra mondiale, durante la quale le colonie offrirono concreta dimostrazione della loro solidarietà verso la madrepatria. Alla conferenza imperiale del 1926 venne approvato un documento contenente la famosa dichiarazione di Balfour, che definiva la Gran Bretagna e i dominion come comunità autonome nell'ambito dell'impero britannico, di status uguale, senza alcun rapporto di subordinazione in ogni aspetto dei loro affari interni e internazionali, sebbene unite dalla comune fedeltà alla corona, e liberamente associate come membri del British Commonwealth of Nations. Con lo statuto di Westminster (1931) venne definita la struttura dell'organismo, di cui entravano a far parte come stati indipendenti il Canada, la Nuova Zelanda, l'Australia, il Sudafrica, l'Irlanda del nord (che ne sarebbe uscita nel 1947) e Terranova (che nel 1949 sarebbe entrata a far parte del Canada). Da allora, fino all'ingresso della Gran Bretagna nella Cee (1973) funzionò soprattutto come area doganale comune ma con grandi risvolti culturali. Capo del Commonwealth fu riconosciuto il sovrano inglese. Con l'Indian Independence Act del 1947 vi entrarono poi l'India, il Pakistan e Ceylon, imitati negli anni seguenti dagli altri stati che raggiungevano l'indipendenza: Ghana, Nigeria, Cipro, Sierra Leone, Kuwait, Tanzania, Giamaica, Trinidad e Tobago, Uganda, Kenya, Malaysia, Malawi, Zambia, Singapore, Malta, Gambia, Maldive, Guyana, Lesotho, Botswana, Barbados.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.