Marco ha chiesto in Mangiare e bereVegetariani e vegani · 1 decennio fa

Fonti di omega 3 non animali?

...perché so che l'olio di lino li contiene, ma perché mantenga la sua efficacia va conservato in frigo. Il problema è che nei supermercati in cui è a disposizione, tipo Natura Si, viene conservato come un olio normale, per cui è praticamente inutile consumare quello. Voi come ovviate al problema?

5 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Risposta preferita

    Approfitto di questa domanda per scrivere un paio di cose che credo sia utile rifletterci sopra...

    A parte che le fonti vegetali non le migliori. Pochi grammi di noci ti danno più omega3 di tanti etti di tonno... con il vantaggio di non aver colesterolo e mercurio a differenza del pesce...Ma vorrei piuttosto concentrarmi su un altra considerazione..

    Davvero gli omega 3 sono tanto utili come "vogliono" far credere?

    http://www.teatronaturale.it/articolo/2482.html

    "...SORGONO I PRIMI DUBBI SULL’EFFICACIA DEGLI ACIDI GRASSI OMEGA 3 NEL PROTEGGERE L'APPARATO CARDIOVASCOLARE

    Studi scientifici ne avevano dimostrato la valenza nutraceutica, ma una recente analisi britannica sembra rimettere tutto in discussione, per mancanza di "chiare indicazioni...

    ...furono studiati gli "Inuits" una popolazione eschimese che si cibava prevalentemente di pesce proveniente dalle coste della Groenlandia e del Giappone, già allora emerse molto chiaramente un'incidenza particolarmente bassa di malattia all'apparato cardiovascolare....

    ...Tutto in discussione

    Dietrofront: gli acidi grassi Omega 3, contenuti nel pesce, non proteggerebbero dalle malattie cardiovascolari. A dichiararlo è stato un gruppo di ricercatori britannici che ha analizzato i risultati di 89 precedenti ricerche sugli Omega 3. Secondo gli studiosi infatti non esistono chiare indicazioni del fatto che il consumo di Omega 3 riduca il rischio di decessi per infarto, ictus o cancro...."

    *

    http://www.dica33.it/argomenti/gastroenterologia/i...

    "...Gli omega-3 non servono al Crohn..."

    *

    http://www.ipasvi.it/attualita/DettaglioNewsStampa...

    "...Dubbi sui benefici derivanti da una dieta ricca di Omega-3...'L'impatto sulla salute del vostro cuore - sottolinea infatti l'esperto - è trascurabile rispetto a quento potreste ottenere smettendo di fumare, riducendo i grassi e concedendovi un pò di moto''...."

    *

    http://www.italiachiamaitalia.net/news/132/ARTICLE...

    "...Nel pesce e nei suoi grassi Omega 3, insomma, sta il segreto per un cuore longevo. Ed è proprio a tavola che si inizia a salvaguardare la salute del cuore. Ma gli italiani, come emerge dai dati Istat, sembrano avere ancora molto da imparare da eschimesi e giapponesi: grandi consumatori di carne, ogni abitante del Belpaese consuma solo 23 chilogrammi di pesce l’anno..."

    http://www.medilearn.it/medicina/show.php?a=18543&...

    "...Alta incidenza di aterosclerosi tra gli eschimesi dell’Alaska.."

    http://www.dica33.it/argomenti/cardiologia/infarto...

    "...I risultati, purtroppo, non sembrano significativi. L’effetto, se c’è, è molto modesto, e sembra essere più marcato in coloro che qualche guaio l’hanno già avuto. ...

    d’altra parte, si ritiene che la raccomandazione di consumare più pesce e meno carne, che in Gran Bretagna è una indicazione ufficiale, resti valida ma richieda una verifica periodica dei dati. .."

    http://www.medilearn.it/medicina/show.php?a=16492&...

    Studi hanno fornito elementi a sostegno di una correlazione inversa tra il consumo di olio di pesce e gli Acidi Grassi omega-3 a lunga catena ... e la malattia coronarica.

    Tuttavia, questi dati non sono conclusivi, perché ai risultati possono aver contribuito altri fattori dietetici e lo stile di vita dei soggetti esaminati.

    Uno studio ha valutato la correlazione tra assunzione di Acidi Grassi omega-3 e gli acidi grassi saturati rispetto alle variabili dietetiche ( chilocalorie, macronutrienti, sodio, colesterolo ) e all’età, sesso, grado di esercizio fisico, e consumo di tabacco.

    E’ stato analizzato il database dello studio DCCT ( ...), comprendenti 1441 soggetti.

    E’ emerso che l’assunzione di Acidi Grassi omega-3 a lunga catena era inversamente correlata al consumo di calorie ( ...), alla percentuale di calorie fornite dal grasso totale ( ... ), e alla percentuale di calorie fornite dagli acidi grassi saturi (...), mentre era direttamente correlata con l’assunzione di fibre con la dieta (...).

    Nel databese DCCT, gli Acidi Grassi omega-3 a lunga catena ( es. assunzione di pesce ) erano inversamente correlati ad un profilo nutrizionale a basso rischio per la malattia coronarica.

    Lo studio ha fornito evidenza che le associazioni osservate negli studi precedenti, e che ipotizzavano un beneficio da parte dell’assunzione di pesce o di Acidi Grassi omega-3 a lunga catena, potrebbero dipendere dalla convergenza tra l’abbondante assunzione di pesce ed una dieta più sana, anziché rappresnetare uno specifico effetto degli Acidi Grassi omega-3 a lunga catena. ( Xagena_2007 )

    Cundiff DK et al, Am J Cardiol 2007; 99: 1230-1233..."

    http://www.sanihelp.it/news/scheda/4309.html

    L'indagine ha riscontrato che gli effetti degli omega-3 sono contraddittori. Gran parte degli studi ha rilevato un effetto trascurabile o lievemente positivo. E addirittura uno studio ha osservato effetti negativi. I ricercatori stanno valutando adesso le possibili variazioni dovute alla diversa modalità di somministrazione o alle diverse malattie che sono state prese in considerazione.

    *

    Ok dopo aver messo qualche link... provo a concludere la risposta...

    Faccio un esempio... Perchè viene detto che mangiare il pesce fa bene? Perchè si è fatto degli studi e negli studi si sono visti cose del genere:

    - I giapponesi mangiano molto pesce è sono i più longevi al mondo..

    - Chi in Italia mangia il pesce due volte a settimana ha meno "problemi" cardiovascolari di chi lo mangia uno...

    e cose del genere...

    Da qui viene il ragionamento: Ok il pesce fa bene...

    Ma se ci ragioniamo sopra cosa possiamo capire:

    Cosa NON viene mangiato dai giapponesi?

    Cosa NON mangia chi mangia il pesce?

    La carne. Quindi il "piccolo" beneficio è semplicemente dovuto al fatto della differenza del tipo di grassi (saturi e insaturi) tra la carne e il pesce.

    Ma quando si fanno le comparazioni dei benefici della dieta che EVITA carne e pesce i benefici NON sono "piccoli" come quelli che riguardano gli studi sugli omega 3 sono molto più evidenti...

    *

    http://www.europass.parma.it/page.asp?IDCategoria=...

    Noci e omega 3: proprietà benefiche per l'organismo

    L'associazione tra il consumo di alimenti ricchi di acidi grassi omega 3 e la prevenzione di patologie cardiovascolari (infarto, ictus), infiammatorie (artrite reumatoide, asma), neurodegenerative (Alzheimer, Parkinson), trova continuamente conferme nelle conclusioni di studi scientifici sia di base che clinici. Sempre più ricerche indicano infatti le numerose proprietà benefiche di questi composti di origine naturale, che pur essendo indispensabili per l'organismo sono solo in parte prodotti a livello endogeno. In particolare il precursore della serie omega 3, l'acido alfa linolenico, o ALA, viene esclusivamente assunto con la dieta e pertanto è considerato "essenziale", mentre gli omega 3 a più lunga catena, EPA e DHA, sono almeno in parte sintetizzati dall'uomo per conversione dell'ALA.

    Le principali fonti alimentari di omega 3 sono i vegetali a foglie verdi e soprattutto l'olio di colza e le noci, ricchi di ALA, e il pesce, soprattutto quello proveniente dai mari freddi, che contiene concentrazioni elevate di EPA e DHA. Nonostante i nutrizionisti e la scienza medica in generale, sottolineino l'importanza dell'assunzione con la dieta di alti livelli di omega 3 in tutte le fasi della vita, la nostra alimentazione, pur essendo particolarmente ricca di grassi (superano abbondantemente il 30% delle calorie totali suggerito dalle linee guida) apporta ancora oggi quantitativi limitati di questi acidi grassi, per i quali, in alcune condizioni patologiche, vengono suggerite diverse forme di integrazione.

    Centro studi dell'Alimentazione, uno tra i più importanti punti di riferimento per la divulgazione di informazioni di carattere medico-scientifico finalizzate ad una corretta comunicazione in tema di alimentazione al consumatore e agli operatori del settore - e il Dipartimento di Scienze Farmacologiche della Facoltà di Farmacia di Milano hanno condotto uno studio, pubblicato a settembre 2006 sulla rivista Nutrition Metabolism and Cardiovascular Diseases, con lo scopo di valutare gli effetti del consumo di noci, ricche di ALA, sul profilo degli acidi grassi, in un gruppo di volontari sani. I soggetti hanno consumato per tre settimane 4 noci al giorno, equivalenti a poco più di un grammo di ALA.

    L'applicazione di un metodo non invasivo per la raccolta e l'analisi dei campioni di sangue (prelevati in gocce dal polpastrello con una comune penna per diabetici) ha permesso di determinare un incremento nei lipidi circolanti, non solo dello stesso ALA, ma anche di EPA, che nelle noci è assente. Questi dati indicano che l'assunzione del precursore della serie omega 3 in concentrazioni rilevanti rispetto a quelle comunemente presenti nella dieta, ma facilmente raggiungibili con le noci, comporta la sintesi e l'accumulo del prodotto metabolico (EPA) in misura analoga a quella ottenuta con il consumo di pesce.

    Tale effetto positivo va ad aggiungersi ad altri già descritti in letteratura per la noce, alimento tipico della dita mediterranea, alla quale vengono attribuite proprietà benefiche soprattutto per il sistema cardiovascolare.

  • 1 decennio fa

    30 gr di noci risolvono il problema altrimenti ci sono i semi di lino, 2 cucchiaini macinati al momento con un macinacaffè, magari aggiungendo altri semi, come quelli di girasole e di zucca (e sesamo magari, buonissimi), forniscono l'apporto giornaliero di omega3 e altri nutrienti e in più sono un gustoso condimento.

  • 1 decennio fa

    è bello xkè tu kiedi fonti di omega3 non animali, e ti rispondono "prova cn il pesce"...xkè il pesce nn è animale, è un ortaggio certo...

  • Anonimo
    1 decennio fa

    prova con il pesce!

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 decennio fa

    faccio come il maestro Gollum

    "se mi riesce

    io prendo un pesce

    polposo sììììì!!!"

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.