10 pnt!!!!!!!!!!un gioco per pc su sparta!!!?

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 decennio fa
    Migliore risposta

    Sparta: La battaglia delle Termopili Pc

    Dopo il successo di Imperium Civitas la FX Interactive ci presenta un altro titolo dalle grandi ambizioni che proverà a scuotere il mondo degli strategici. Difatti questo gioco è stato sviluppato dai russi della World Forge sotto la supervisione dell’oramai veterano Torsten Hess, nientemeno che colui che ha curato per anni lo sviluppo del nostro beneamato “The Settlers”. Sparta punta dunque a quel settore di giocatori appassionati di strategici in tempo reale (ndr. da ora RTS) inserendo inoltre aspetti più legati a giochi come The Settlers e Warcraft. Quindi non ci resta che prendere lancia e scudo ed affiancare Leonida nella battaglia delle Termopili.

    Una serie di battaglie epiche

    Era l’agosto del 480 a.c. quando Serse, re della Persia, decise di muovere guerra alla Grecia con un esercito di 200.000 guerrieri (numero che sale e scende a seconda dello storico che lo riporta). Un esercito che avrebbe intimorito anche i guerrieri più coraggiosi. Il gioco è dunque dislocato temporalmente in questo determinato periodo e potrete scegliere se partecipare come Spartano, come Persiano, oppure come Egiziano. Potrete dunque scegliere tre popoli differenti per altrettante campagne per un totale di 30 missioni. Il gioco è stato basato totalmente sul racconto di Erodoto e ci trasporta nelle battaglie più narrate nella storia, ovvero la battaglia delle Termopili, quella di Salamina, quella di Platea e l’assedio della capitale Egiziana Menfi. La World Forge ci riporta dunque in questo periodo scosso da grandi guerre ponendoci di fronte vari aspetti relativi ad ogni fazione, perché, ovviamente, in base alla fazione che scegliamo cambierà radicalmente la campagna e lo scopo finale. Quindi una volta scelta la campagna da intraprendere comincerete con la prima missione che per ovvi motivi farà da tutorial spiegandovi in maniera abbastanza completa i vari comandi e le azioni da intraprendere e la sequenzialità degli edifici da costruire. Una volta cominciato a giocare salteranno subito all’occhio le tre iconcine in alto che rappresentano le tre risorse di cui il nostro impero ha bisogno cioè legna, oro e viveri. Per cui la prima cosa da fare è “creare” degli Iloti, nel caso scegliate la campagna spartana, e mandarli immediatamente a raccogliere legna ed oro per poi potervi finanziare sia gli edifici che i battaglioni. Ma in tutto ciò andrà tenuta in considerazione anche la voce viveri perché, come ben si sa, è sempre meglio combattere a stomaco pieno. Difatti senza viveri i vostri soldati si rifiuteranno di combattere. Come potete ben vedere il gioco in molti aspetti ricalca altri titoli che hanno fatto la storia. Il titolo dunque si rifà su un sistema tarato in vari modi e per molto tempo da altri titoli come The Settlers, Warcraft, C&C. La maniacale ricerca di risorse per potere aumentare nel minor tempo possibile il proprio battaglione per poi annientare il nemico nel modo più immediato possibile. Insomma fin qui nulla di nuovo, anche se per ora il gioco è più che lodevole. Una volta raccolte le risorse si passerà alla costruzione degli edifici che saranno totalmente differenziati in base alla campagna scelta poiché ogni fazione avrà le sue truppe e i suoi edifici, proprio come in un RTS che si rispetti. Per cui una volta raccolte le risorse non resta che costruire gli edifici e le truppe per fronteggiare il nemico e sconfiggerlo.

    Fino a qui nulla di nuovo, quindi andiamo a vedere le innovazioni di questo titolo. Quella di maggior “appeal” è sicuramente la personalizzazione delle truppe, che è raro trovare negli RTS. In pratica quando create le truppe potete scegliere quali armi dargli e quali scudi equipaggiare. Personalmente è un aspetto che molti altri RTS hanno sempre scartato dando per scontato le truppe che così erano e così restavano. Invece con Sparta potrete andare nel campo addestramento ed armare di tutto punto le vostre truppe come meglio credete. Certo è anche vero che dovrete costruirvi sia la Fucina che il Laboratorio per poter studiare e creare nuove armi per equipaggiare i vostri guerrieri ed i vostri arcieri. Un’altra cosa che abbiamo trovato molto interessante e meritevole di nota è la possibilità di raccogliere da terra le armi dei vostri nemici morti. Si avete ben capito, potrete mandare i vostri Iloti a raccogliere sul campo di battaglia le armi dei soldati morti per poi armare le vostre truppe. Anche questa è una grande innovazione in un mondo abbastanza inflazionato come quello degli RTS. Altro aspetto molto interessante, ma di certo non innovativo, è la possibilità di usare in battaglia gli eroi di fazione che prenderanno esperienza, come le altre truppe, e salendo di livello sarà possibile fargli scegliere dei talenti. Questo aspetto come già detto non è sicuramente innovativo ma è una peculiarità che oramai ci deve essere in un RTS che si rispetti. Infine ci sarà pure la possibilità di tendere imboscate e di piazzare trappole per ridurre considerevo

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • god of war...è...qll che è =)

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 decennio fa

    GOD OF WAR I

    GOD OF WAR II

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.